Dell sempre più vicina ad uscire dalla borsa

Dell sempre più vicina ad uscire dalla borsa

Un gruppo di investitori, tra cui lo stesso Michael Dell, sta componendo un'offerta per portare avanti un'operazione di leveraged buyout. L'accordo potrebbe essere trovato nel giro di poche settimane se non addirittura pochi giorni

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:46 nel canale Mercato
Dell
 

Nelle ultime ore circola qualche informazione in più riguardante la possibile uscita di Dell dai listini di borsa per diventare una compagnia non quotata sul mercato. Secondo quanto pubblicato dal quotidiano Wall Street Journal, un gruppo di investitori ha avviato le trattative con l'azienda statunitense per portare avanti un'operazione di leveraged buyout offrendo tra i 13 ed i 14 dollari per azione. Il gruppo di investitori vede Silver Lake Partners a capo della cordata, un altro investitore attualmente non noto e lo stesso Michael Dell.

Un'operazione di leveraged buyout prevede che il finanziamento dell'acquisizione venga effettuato principalmente sfruttando le capacità di indebitamento della società in acquisizione, debito che viene ripianato con i fondi generati dalle operazioni della compagnia o dalla vendita dei suoi asset.

Le fonti citate dal Wall Street Journal indicano che la strategia attualmente portata avanti da Silver Lake e dagli altri investitori prevede di realizzare un capitale di 2 miliardi di dollari, con Michael Dell che metterebbe in campo le proprie azioni del valore di 3,6 miliardi di dollari. Il gruppo potrebbe inoltre accedere ad una parte del scorte di liquidi e affrontare un nuovo debito di 15 miliardi di dollari per incontrare un prezzo di acquisto compreso tra i 22 ed i 25 miliardi di dollari.

Il perfezionamento dell'operazione potrebbe però andare incontro a potenziali complicazioni, specialmente visto il coinvolgimento di Michael Dell, che attualmente è proprietario del 16% della compagnia. Il suo impegno potrebbe essere visto come una forma di manipolazione del prezzo delle azioni e come un conflitto di interessi. Senza contare che l'operazione, che si prefigura essere come una delle più corpose transizioni IT, innescherà inevitabilmente controlli e verifiche molto approfonditi da parte delle autorità per la garanzia del mercato.

Jan Rivkin, professore presso la Harvard Business School, commenta: "Dell è stata capace di allineare il suo modello ad un mondo particolare. Quando questo mondo è cambiato, Dell ha avuto difficoltà ad alterare il suo modello". Dell ha cercato, comunque con qualche buon risultato, di spostarsi dalle vendite retail per diventare una realtà orientata ai servizi ed al supporto. La combinazione delle difficoltà economiche attorno al mondo e del cambiamento del mercato ha avuto l'effetto di ridurre la capitalizzazione del mercato di Dell da 100 miliardi di dollari a circa 23 miliardi di dollari.

Nonostante tutto la compagnia è riuscita a restare profittevole, portando circa 3 miliardi di liquidità all'anno. Secondo alcuni analisti, comunque, il tentativo di acquisizione non potrebbe avvenire in un periodo migliore, in termini di tempistica e di valutazione, dal momento che il valore delle azioni Dell è depresso, con un calo del 39% negli ultimi 5 anni.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Asterion17 Gennaio 2013, 10:26 #1
Glielo auguro di cuore. La borsa crea solo problemi alle aziende.
moddingpark17 Gennaio 2013, 10:41 #2
Originariamente inviato da: Asterion
Glielo auguro di cuore. La borsa crea solo problemi alle aziende.


Vero. Spero vivamente che altre aziende (tra cui Valve) non compiano lo stesso sbaglio.
Lithios17 Gennaio 2013, 12:22 #3
Ottima scelta di Dell... forse minori ricavi dalla borsa ma assolutamente più governabilità e meno precarietà interna!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^