Dispositivi indossabili, il successo passa da hardware specifico e ottimizzato

Dispositivi indossabili, il successo passa da hardware specifico e ottimizzato

Perché i dispositivi indossabili diventino protagonisti del mercato di massa è necessario che siano realizzati con componenti specifici e su misura e non su versioni adattate provenienti dagli smartphone

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:01 nel canale Mercato
 

In occasione della Linley Tech Mobile Conference tenutasi nei giorni scorsi a Santa Clara, in California, si è tenuto un dibattito sul tema dei dispositivi indossabili ed in particolare su quali siano gli elementi chiave che riusciranno a determinare una loro effettiva diffusione sul mercato di massa.

Vi è una comune opinione che gli indossabili non riusciranno ad avere un successo importante fino a quando non verranno stabiliti dei precisi casi d'uso e realizzati SoC e processori su misura: "Abbiamo bisogno di immaginare un modo per costruire un modello più coinvolgente. Affinché abbiano successo è necessario il giusto caso d'uso, con l'autonomia della batteria che rivestirà un ruolo importante. Gli indossabili devono essere facili da usare e compatibili con altri dispositivi" ha osservato l'analista Linley Gwennap di Linley Group.

Gli utenti vogliono che il loro dispositivo indossabile sia elegante, costantemente connesso tramite WiFi o Bluetooth, sempre acceso e con elevata autonomia operativa. "Quando si tratta di autonomia, le persone non acquistano specifiche tecniche ma il comportamento nel mondo reale. Non è sufficiente parlare di basso consumo, bisogna dettagliare l'ambito di utilizzo. Ma se il dispositivo non ha una buona durata, allora sei morto; per molti dispositivi gli utenti esigono una settimana o un mese di autonomia" ha sottolineato Pankaj Kedia, senior director of product managment per Qualcomm.

La maggior parte del problema che circonda la batteria sorge dai componenti hardware dei dispositivi. Molti chip infatti non sono altro che versioni adattate di SoC per cellulari, che hanno requisiti di computazione di tutt'altra portata rispetto ad uno smartwatch o ad un fitness tracker. "I SoC degli smartphone hanno obiettivi differenti, abbiamo davvero bisogno di tutte quelle prestazioni in un indossabile? Stiamo iniziando a vedere SoC progettati per compiti specifici, usare versioni riscalate di SoC progettati per gli smartphone compromette l'autonomia ed è necessaria una nuova architettura per adattarsi alle esigenze di consumi molto ridotti" ha spiegato Kurt Schuler, vicepresidente del marketing per Arteris, fornitore di interconnessioni SoC.

Componenti hardware ottimizzati sono quindi la chiave per una lunga durata della batteria, che dovrebbe essere di capacità compresa tra i 200-300 mAH per i fitness band e tra i 300 e i 500 mAH per gli smartwatch. Gli indossabili potrebbero pertanto fare uso di varie CPU a basso consumo con frequenze inferiori ai 300MHz, al posto di versioni apposite di CPU multicore progettate per gli smartphone. I dispositivi che non operano applicazioni potrebbero anche evitare l'impiego di un core grafico per via degli schermi di piccole dimensioni. "Sulla base del segmento che si vuole coprire la GPU potrebbe essere poco o per nulla rilevante, mentre è fondamentale il processore" ha sottolineato Kedia. Oltre alla selezione dei corretti componenti hardware, sarà importante anche saper ideare un adeguato sistema di dissipazione termica, dal momento che il comfort rappresenta un elemento chiave per un indossabile di successo.

In realtà l'identificazione di casi d'uso specifici e del corretto hardware a supporto potrebbe essere un'operazione più semplice negli ambiti verticali, come quello medicale, industriale e militare, invece che per i prodotti consumer. "Gli indossabili non salveranno il settore dei semiconduttori. Si tratta di un'evoluzione e non di una rivoluzione. Questa tecnologia è un'estensione di ciò che già stiamo facendo con hardware e software" ha osservato Schuler.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^