Dispositivi smart connected, 1,7 miliardi nel 2014, la maggior parte smartphone e tablet

Dispositivi smart connected, 1,7 miliardi nel 2014, la maggior parte smartphone e tablet

Nel 2014 i PC rappresenteranno un mercato da 300 milioni di pezzi e meno di 200 miliardi di dollari di valore. Smartphone e tablet a fare la parte del leone, soprattutto nei mercati emergenti

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:54 nel canale Mercato
 

Secondo una ricerca condotta da IDC, le consegne globali di dispositivi "smart connected" (PC, tablet e smartphone) andranno a superare gli 1,7 miliardi di unità entro il 2014, con circa 1 miliardo di unità che saranno consegnate nei mercati emergenti. All'interno di essi, i paesi BRIC - Brasile, Russia, India e Cina - si prevede generino consegne per 662 milioni di unità con un valore di oltre 206 miliardi di dollari. Oltre 650 milioni di pezzi saranno invece consegnati nei mercati sviluppati con USA, UK e Giappone che cattureranno oltre 400 milioni di unità per un valore di 204 miliardi di dollari.

I paesi BRIC si trovernanno così nel 2014 a sorpassare le consegne complessive dei mercati sviluppati nel 2014, con un segnale molto chiaro di come la domanda per i dispositivi smart connected stia rapidamente spostandosi dai mercati sviluppati a quelli emergenti. Questi ultimi andranno incontro ad una crescita CAGR (compound annual growth rate) del 17% nel lustro 2012-2017, rispetto al 7% CAGR dei mercati sviluppati.

In termini di categorie di prodotto i dispositivi smart connected saranno ampiamente spinti dalla crescente domanda per smartphone e tablet, sia nei mercati sviluppati, sia nei mercati emergenti. Degli 1,7 miliardi di unità che si prevede vengano consegnate nel 2014, oltre 1,4 miliardi saranno smartphone e tablet, per un valore di oltre 500 miliardi di dollari. I prodotti PC, di contro, rappresenteranno un mercato relativamente piccolo con appena 300 milioni di unità consegnate ed un valore inferiore ai 200 miliardi di dollari.

Megha Saini, Research Analyst per IDC, ha commentato: "E' evidente che gli smartphone e i tablet hanno stabilito con successo una forte presenza come "secondo schermo" dovuto alla trasformazione delle abitudini d'uso, alla convenienza dei dispositivi e, più di tutto, al confort di uno stile di vita mobile e digitale. I vendor e gli OEM devono essere consapevoli dei differenti modelli d'uso in maniera da orientare l'innovazione di prodotto che si commisuri alle concrete esigenze dei loro consumatori digitali".

Con la crescita delle consegne complessive di smartphone e tablet, il prezzo medio di vendita di questi dispositivi sta rapidamente calando. Gli ASP dei tablet sono crollati del 19% nel 2012 a 426 dollari, rispetto ai 525 dollari del 2011. Gli ASP degli smartphone sono invece scesi dell'8,2% a 407 dollari nel 2012, in calo dai 443 dollari del 2011. Questa dinamica di prezzi in calo è più evidente nei paesi emergenti dove IDC si aspetta che gli smartphone al di sotto dei 300 dollari e i tablet al di sotto dei 350 dollari siano il principale motore delle consegne nel 2014 e negli anni successivi. Nei mercati sviluppati smartphone e tablet continueranno a generare ASP più elevati rispettivamente a 490 e 370 dollari, nel 2014.

"I prezzi di smartphone e tablet sono ora meno proibitivi per i cosiddetti first-time buyer nei mercati emergenti. Sebbene la crescita a doppia cifra di smartphone e tablet nei paesi emergenti sia una prospettiva accattivante, i bassi prezzi di vendita metteranno i vendor nella condizione di affrontare qualche difficoltà per riuscire a realizzare redditività dalla domanda. Dati i prezzi competitivi per gli smartphone e i tablet più economici, questa guerra di prezzi è una corsa al ribasso e non è del tutto chiaro che questo mercato low-end offre profitti sostenibili ai vendor tablet e smartphone" ha dichiarato Bob O'Donnel Program Vice President, Clients and Displays per IDC.

Un altro elemento che va ad alimentare la crescita dei dispositivi smart connected nei mercati emergenti è l'impennata nell'uso di differenti applicazioni mobile (messaging, gaming, social networking e social commerce, inclusi i servizi di mobile check-in). Il crescente interesse da parte dei governi specialmente in progetti educativi nei paesi come India, Thailandia, Turchia e negli Emirati Arabi Uniti ha inoltre spinto le prospettive dei tablet a basso costo per gli studenti di queste aree. La proliferazione di dispositivi economici e comunque funzionali e flessibili, assieme all'allestimento dei servizi 3G/4G e la variazione nei modelli d'uso è stato fondamentale nella guida della crescita complessiva dei dispositivi smart connected nei mercati emergenti.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^