Eric Schmidt prende posizione sull'indagine antitrust su Google e Apple

Eric Schmidt prende posizione sull'indagine antitrust su Google e Apple

Il CEO di Google è fiducioso di mantenere il proprio ruolo di consigliere all'interno di Apple

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:55 nel canale Mercato
AppleGoogle
 

Il Chief Executive Officer di Google, Eric Schmidt, ha dichiarato di non essere preoccupato dall'inchiesta portata avanti dalla Federal Trade Commission in merito ai rapporti tra Apple e Google ed in particolar modo riguardanti la presenza dello stesso Schmidt e di Arthur Levinson nel consiglio di amministrazione di ambo le realtà. Schmidt si è infatti dichiarato fiducioso nel fatto che le indagini dimostreranno che non vi è alcuna incompatibilità nel ruolo di CEO di Google e di consigliere di Apple

Nel corso di una conferenza stampa tenutasi ieri, in occasione dell'incontro annuale degli azionisti di Google, Schmidt ha assicurato che non intende rassegnare le dimissioni dal consiglio di amministrazione di Apple in quanto il colosso di Cupertino non rappresenta per la grande G un diretto avversario e che le indagini della FTC non potranno provare altro che questo.

Anche il rappresentante legale di Google, Kent Walker, ha confermato che il colosso di Mountain View sta confrontandosi con la Federal Trade commission per verificare se il doppio ruolo di Schmidt rappresenti una violazione delle leggi federali in materia di antitrust.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Special08 Maggio 2009, 18:38 #1
Uhm... però se la legge dice una cosa... insomma... può dire che non sia così, ma in effetti è in concorrenza, per di più che "tra poco" usciranno i primi portatili con SO Android..
Xile08 Maggio 2009, 20:16 #2
Intanto però Apple il favore a Google lo ha già chiesto!!! -.-'
hexaae08 Maggio 2009, 21:04 #3
Oh certo... Si fosse chiamata MS però l'avrebbero già bruciata sul rogo.
Ah già, ma Google fa parte dei Buoni... no?
JohnPetrucci09 Maggio 2009, 09:24 #4
In Italia c'è gente che siede in decine di consigli di amministrazione tra banche, assicurazioni, immobiliari, enti pubblici, enti parastatali, giornali, imprese di costruzioni etc.
Sono sempre gli stessi, spesso fanno parte di famiglie potenti, e molto spesso siedono in consigli di amministrazione di aziende in diretta concorrenza tra loro....
Non a caso i cartelli delle assicurazioni, delle banche e delle aziende di telecomunicazioni li conosciamo un pò tutti direttamente o indirettamente.
Ma dimenticavo.....da noi l'antitrust dorme o meglio vuole dormire, perchè è gestito da chi dovrebbe in teroria controllare ma è controllato dalla politica a sua volta controllata dai soliti noti, amici dei cartellisti appunto.
Invece in USA(questi "comunisti" che mettono in galera i corrotti e gli evasori, ed hanno persino il reato di falso in bilancio) basta poco per far scattare l'antitrust.
Meditate, e quando qualcuno si riempie la bocca con il modello americano da copiare, sappia che non è solo sanità, scuole a pagamento(quindi opportunità e convenienza per qualcuno....) e "libero" mercato.
PeK09 Maggio 2009, 10:21 #5
ci sarà un motivo se per iphone c'è la pagina apposita dei servizi google, mentre per altri smartphone molto più diffusi non c'è (vedasi blackberry, oppure anche il razr di motorola )

ci sarà un motivo se il multitouch è esplicitamente disabilitato

ora manca solo se che si trovi qualcosa su chrome e la frittata è servita (perchè è già stata fatta )
PeK09 Maggio 2009, 10:33 #6
Originariamente inviato da: hexaae
Oh certo... Si fosse chiamata MS però l'avrebbero già bruciata sul rogo.
Ah già, ma Google fa parte dei Buoni... no?


anche apple
Juspriss09 Maggio 2009, 11:21 #7
Il problema, qui è anche quello, che una ( G ) distribuisce il suo software gratuitamente per macchine non specifiche ( da quel che ne so ) e l'altro ( la A ) lo distribuisce su macchine proprietarie e a pagamento..
IMHO già questo differenzia molto i settori. Le macchine su cui andranno i software sono diverse e quindi rendono incompatibili i campi

Il tutto IMHO nella mia ignoranza
jokerpunkz09 Maggio 2009, 14:01 #8
beh, bisogna dire che sia le poliche strategiche tra le 2 aziende che il "prodotto" è diverso: una sostiene molto l'opensource (G), l'altra ne trae tecnologie come webkit ma è molto chiusa(A)...una vende servizi online, laltra computer....
puo essere che apple sia messa in primafila rispetto ad altri, ma la politica open di Google non impedisce certo gli avversari di avvalersi delle stesse tecnologie....insomma, google non fà accordi "esclusivi" con apple...
macfanboy09 Maggio 2009, 17:09 #9
Originariamente inviato da: jokerpunkz
beh, bisogna dire che sia le poliche strategiche tra le 2 aziende che il "prodotto" è diverso: una sostiene molto l'opensource (G), l'altra ne trae tecnologie come webkit ma è molto chiusa(A)...una vende servizi online, laltra computer....


Guarda che Webkit è roba Apple.
E' vero che come base è partito dal Konqueror di KDE ma da allora lo sviluppo è stato impressionante e oggi è un motore del tutto diverso. Anzi è particolarmente altruista a concederlo anche ai suoi diretti concorrenti come Google, appunto, Nokia, Palm e tutti gli altri.
Chissà se ne sta un po' pentendo ora....
PeK09 Maggio 2009, 21:21 #10
Originariamente inviato da: macfanboy
Guarda che Webkit è roba Apple.


[SIZE="7"]LOL!!!![/SIZE]

WebKit's HTML and JavaScript code began as a branch of the KHTML and KJS libraries from KDE.

WebKit is open source software with portions licensed under the LGPL and BSD licenses. Complete license and copyright information can be found within the code.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^