Facebook pronta a depositare la documentazione per l'IPO

Facebook pronta a depositare la documentazione per l'IPO

Il più popolare tra i social network potrebbe presentare già oggi alla SEC la documentazione necessaria per avviare l'operazione per l'offerta pubblica iniziale

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:13 nel canale Mercato
Facebook
 

Il sito web All Things D, citando diverse fonti ben informate ma comunque anonime, afferma che il consiglio di amministrazione di Facebook si è riunito nel corso della giornata di ieri per dare il via libera all'operazione che porterà la compagnia alla sua offerta pubblica iniziale. Il più celebre tra i social network potrebbe pertanto depositare tutta la documentazione necessaria già nel corso della giornata di oggi o, al più tardi, entro la fine della settimana. L'IPO di Facebook è una delle più attese tra quelle delle realtà tecnologiche avvenute negli ultimi anni.

Secondo le valutazioni degli osservatori del mercato, Facebook mira a raccogliere tra i 5 ed i 10 miliardi di dollari, su una valutazione di 75-100 miliardi, configurando così questa offerta come una delle più opulente della storia della cosiddetta web economy. A coordinare il collocamento sarà la banca d'affari Morgan Stanley.

Durante la passata settimana Facebook aveva sospeso la contrattazione delle proprie quote sul mercato secondario, per evitare che potessero sollevarsi sospetti di insider trading. La decisione è stata vista come una sorta di avvisaglia dell'avvio delle operazioni burocratiche per la quotazione alla borsa di New York.

L'azienda di Mark Zuckerberg dovrà ora attendere il lungo e scurpoloso esame della Securites and Exchange Commission (l'equivalente statunitense della nostra Consob), fondamentale per ottenere il via libera all'operazione. L'IPO di Facebook dovrebbe aver luogo a cavallo tra la fine della primavera e l'inizio dell'estate.

Attualmente Facebook conta oltre 800 milioni di iscritti, che dovrebbero varcare il traguardo di un miliardo proprio nel corso di questo 2012, e durante lo scorso anno ha generato un fatturato di poco inferiore ai 4 miliardi di dollari che è previsto incrementare del 33% circa nel corso di quest'anno.

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bart_simpson01 Febbraio 2012, 09:20 #1
quindi quotano un 10% massimo della società

da notare che facebook varrebbe circa 100-125 dollari ad utente
biskot8401 Febbraio 2012, 11:07 #2
Sono d'accordo, d'altra parte si tende sempre a esagerare sul valore di queste aziende, proiettando nel futuro utili e tassi di crescita astronomici.
Nonostante questo sono sicuro che nelle prime ore di contrattazione il prezzo salirà ancora, anche di un 100%... Il problema sarà riuscire ad avere le azioni, che saranno prese d'assalto
TheQ.01 Febbraio 2012, 12:00 #3

Facebook Vs Google

Facebook è il più grande mezzo di certificazione mai creato, benvoluto dalle aziende interessate ad internet per evitare i problemi di false identità, carte di credito rubate, e pubblicizzazione selvaggia tale da creare comunità di adepti-consumatori (una cosa tipo i machead estesa a tutti i logo di multinazionali).

Viene chiamato social-network solo per invogliare una generazione di sedicenni a farne uso... e ci riescono pienamente!
Di fatto sono tanti piccoli clan separati chiusi, impossibili da vedere.
Un forum come hardware upgrade, libero accessibile a tutti, dove tutti possono commentare, è un social network infinitamente migliore.

Ma facebook è anche un buco nero per l'universo google. L'algoritmo di google che genera l'universo di blog e forum per il motore di ricerca è basato sui link condivisi. Non potendo sempre accedere ai link suggeriti dagli internauti nelle bacheche di facebook, specie se queste sono private e chiuse al pubblico non diviene più un descrittore della realtà internautica e di conseguenza perde in efficacia.
Analogamente facebook diviene un motore di indicizzazione dei preferiti e di raccolta delle "parole chiave" utili per marketing, migliore del colosso google, poichè i dati se li tiene per se e perchè avvicina il consumatore all'azienda con gli "I Like" per mezzo dei contest (vedi quelli natalizi che offrivano un pc).

Le due compagnie dal valore di miliardi di dollari potrebbero quindi entrare in conflitto in una legislazione liberista e se non trovano un equilibrio, ciò potrebbe sicuramente provocherà un rallentamento per google, ma potrebbe arrivare anche a provocare una bolla speculativa.
Ciò che salva Google è il forte odio dimostrato da molti geek per il social-network ed il fatto che molti forum e blog di informazione su software e hardware (es. HWU) non si sono ancora trasferiti da una piattaforma pubblica al sistema di Zucky e simili.

Io preferisco google: pubblico, l'utente sceglie se essere anonimo o no, crawler incredibili capaci di sniffare di tutto dalla rete
eaman01 Febbraio 2012, 15:29 #4
Non sopravvalutiamo neanche troppo Facebook: e' in crescita perche' si sta ancora espandendo nei mercati emergenti.

Ma in europa e america ha gia' fatto il suo tempo: avra' anche un fracco di utenti registrati ma questi ormai non lo usano piu', o lo usano ben poco e per inerzia di alcuni servizi (es le foto), non e' piu' la moda del momento ed e' in recessione. Del resto si quota ora mica per niente: tempo di capitalizzare.

Nei mercati non anglosassoni, es. russia, cina, sono nate alternative preferite a facebook. E' un network chiuso, generalista (non ha un target specifico), richieda l'identificazione degli utenti: e sorprendente che abbia raggiunto i risultati che ha fatto.
SingWolf02 Febbraio 2012, 01:07 #5
che colosso... sto qua a creato la cosa più grossa che si potesse creare, pensate se lo disattivassero, si scatenerebbe una rivolta ...

Zenida02 Febbraio 2012, 17:36 #6
è lodevole che sia arrivato a tanto in così poco tempo... ma io resto dell'opinione che è solo una delle tante mode di internet che lasciano il tempo che trovano.
Molti grandi progetti che sembravano durare per sempre nel web prima o poi sono svaniti nel nulla (di certo non è il primo social network di successo) ma potremmo citare anche servizi di diversa specie.

Ora sembra che sia sempre in crescita come se non ci fosse un limite e che i soldi fanno sempre più soldi, ma sta solo cavalcando l'onda e prima o poi si stazionerà (Sempre se gli va bene e non crolla prima, come quelli sopra citati).

Se Google non avesse creato Android e fosse rimasta solo un motore di ricerca oggi non sarebbe a questi livelli. Perchè ha deciso di innovarsi e investire in altri settori. Se Fb non fa lo stesso gli utenti lo troveranno sempre meno interessante, non potrà restare un social network per sempre come lo conosciamo oggi, ha bisogno di sviluppare sempre un nuovo modo di essere social con tecnologie che magari in futuro faranno la differenza.
ryan7802 Febbraio 2012, 22:10 #7
Originariamente inviato da: TheQ.
Ciò che salva Google è il forte odio dimostrato da molti geek per il social-network ed il fatto che molti forum e blog di informazione su software e hardware (es. HWU) non si sono ancora trasferiti da una piattaforma pubblica al sistema di Zucky e simili.


e meno male !!! aggiungerei, il giorno del trasferimento sarà veramente un giornata di "M"; il forum di HWU va benissimo così com'è e spero resti tale

Faccialibro può vendere e fare quello che le pare in borsa, forse finalmente la gente lo vedrà per quello che è realmente ovvero il più grande censimento mondiale dei caxxi propri e il bello che a costo zero riceve miliardi di preziose informazioni dagli utenti che foraggiano per bene la piattaforma senza nemmeno ricevere un nichelino in cambio...ah già però possono chattare gratis, ma soprattutto taggarsi ...."addosso" però

AA: che cosa hai fatto oggi?
BB: ho comprato le azioni di faccialibro sperando di fare soldi, poi quando ho visto che calavano mi sono "taggato addosso" dalla paura e le ho rivendute.
AA:
TheQ.02 Febbraio 2012, 22:38 #8
eppure google ha capito subito il problema di facebook per il suo emm.. dominio, e tentò di acquistarlo per 15 milioni di dollari. Facebook non cedette.
Poi in seguito Facebook introdusse "i like" un sistema di raccolta informazioni capace di creare un profitto per l'azienda, e subito Google cos'ha inventato? Google + (risultato però un mezzo fallimento).

Ora Facebook deve mantenere gli account acquisiti, in modo tale da consolidare il sistema di certificazione e di raccolta di likeinformazioni, e per farlo ha già mostrato due mosse: implementazione di browser game (Zynga 12% delle entrate) e prossimamente dei mmorpg + l'archivio di musica per i suoi utenti.
Google invece ha scoperto il suo progetto google music e per magia chrome ha cominciato ad implementare i browser game con una delle mosse più forbe dell'attuale mercato free (chi non ha provato angry birds?!).

Quindi qui si sta giocando la battaglia fra i due concorrenti... e con la quotazione in borsa di entrambe le società la sconfitta dell'uno o dell'altro ha ripercussioni sugli investitori, anche perchè il bilancio non è in pari o in guadagno.
ryan7802 Febbraio 2012, 23:05 #9
Originariamente inviato da: TheQ.

Quindi qui si sta giocando la battaglia fra i due concorrenti... e con la quotazione in borsa di entrambe le società la sconfitta dell'uno o dell'altro ha ripercussioni sugli investitori, anche perchè il bilancio non è in pari o in guadagno.


google che esce sconfitto la vedo molto dura, probabilmente coesisteranno come hanno fatto finora. I problemi nasceranno nel momento in cui entrambi vorranno fare le stesse cose senza distinguersi, avere due servizi uguali non fa certo bene al mercato che si spezzerà, come è già successo.

se fossi un investitore investirei comunque in entrambe le realtà. L'unico dubbio che ho è quanto durerà il fenomeno faccialibro, google ormai è consolidato, ma è possibile dire lo stesso per l'altro? Sono 800milioni gli iscritti, ma quanti di loro con nomi reali, ma soprattutto quanti di loro sono utenti attivi? Se dovessi utilizzare la proporzione di Steam allora da 800 milioni di iscritti passiamo a 160 milioni di utenti attivi che è sempre tanto, ma molto diverso dal numero di iscritti complessivo.

Se a google togli il social e altri servizi rimane in vita come ha fatto per tanti anni prima di evolversi, se a faccialibro togli il social cosa resta? E in mezzo a questi due twitter che fine fa? C'è troppa roba in giro che fa le stesse cose, tutti si copiano per sopravvivere, ma le migrazioni sono ahimè una realtà che non può essere fermata, solo i fedelissimi restano e per mantenere tanti fedeli deve vendere tante azioni; così chi acquista è anche più motivato a restare collegato al social e a promuoverlo gratuitamente.
TheQ.03 Febbraio 2012, 21:16 #10
Quindi tutti coloro che sostengono Google dovrebbero fare un seppukoo del loro account facebook?


Se a google togli il social e altri servizi rimane in vita come ha fatto per tanti anni prima di evolversi, se a faccialibro togli il social cosa resta? E in mezzo a questi due twitter che fine fa?
Gli restano i like. Comunque è vero, se la gente non frequenta facebook non possono raccogliere informazioni. Ma è anche vero che sempre più spesso i contest di aziende (tipo quelli che mettono in premio dell o acer)vengono fatti dietro facebook. Analogamente gli account doppi e tripli vengono cancellati.

Indubbiamente la differenza fra iscritti e attivi fa la differenza, ma non segna la morte del network.

PS: ecco la risposta a facebook per la certificazione di massa e il social
Google+ e Volunia
il debutto di Volunia

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^