Febbraio difficile per i produttori di schede madri

Febbraio difficile per i produttori di schede madri

Contrazione delle vendite generalizzata per tutti i player, complice sia i pochi giorni lavorativi del mese sia le difficoltà date dal bug nei chipset per CPU Intel Sandy Bridge

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 10:52 nel canale Mercato
Intel
 

I problemi con i chipset per processori Intel Sandy Bridge, legati al bug nel controller SATA 3 Gbps che ha costretto l'azienda americana di fatto a sospendere le consegne sino alla disponibilità della nuova revision B3, ha avuto dirette ripercussioni sui risultati di vendita dei produttori di schede madri asiatici.

Tutti i costruttori top, stando a quanto riportato dal sito Digitimes in questa notizia, hanno infatti in un modo o nell'altro subito limitazioni sia per il ridotto numero di giorni lavorativi di questo mese, nel quale cade anche la settimana di festeggiamenti del capodanno cinese, sia per l'impossibilità di produrre schede madri per CPU Sandy Bridge con revision B3 del chipset.

Asustek ha registrato una contrazione del 28,38% a Febbraio rispetto al mese precedente; prendendo quale riferimento lo stesso periodo dello scorso anno la diminuzione è stata pari al 30,28%. Dinamica simile per Pegatron, maggiormente impegnata nel mercato OEM: in questo caso le contrazioni sono state del 31,7% su base mensile e del 34% su base annuale.

MSI ha registrato una contrazione del 28,25% su base mensile e del 27,8% su quella annuale, mentre per Gigabyte il ribasso mensile ha toccato il 45,36% e il 34,68% prendendo quale riferimento il mese di Febbraio 2010.

Per tutti i produttori la contrazione di Febbraio è legata a cause per molti versi eccezionali quali il ridotto numero di giorni lavorativi del mese unitamente ai problemi produttivi con le schede madri per processori Sandy Bridge, presentati recentemente sul mercato e quindi attesi a notevoli volumi di vendita. Per tutti le previsioni sono di una rapida ripresa dei volumi produttivi già dal mese di Marzo, complice in questo anche la disponibilità dei chipset revision B3 per CPU Sandy Bridge, con i quali il bug hardware al controller SATA 3 Gbps è stato pienamente corretto.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
blackshard11 Marzo 2011, 11:00 #1
Poveri produttori di schede madri, hanno passato un febbraio difficile...
illidan200011 Marzo 2011, 11:17 #2
Originariamente inviato da: blackshard
Poveri produttori di schede madri, passeranno un febbraio difficile...

mi sa che febbraio è finito... usi il calendario maya?
blackshard11 Marzo 2011, 11:28 #3
Originariamente inviato da: illidan2000
mi sa che febbraio è finito... usi il calendario maya?


Ehr, lol, ho corretto
iorfader11 Marzo 2011, 12:14 #4
maya a parte, (che avevano comunque previsto tutto :asd spero si sbrighino a tirar fuori le asus extreme b3
m4xt3r12 Marzo 2011, 09:49 #5
Le difficoltà non sono affatto finite, visti i recenti episodi: questo terremoto graverà sui tempi e la disponibilità delle nuove revision?
blackshard12 Marzo 2011, 09:53 #6
Originariamente inviato da: m4xt3r
Le difficoltà non sono affatto finite, visti i recenti episodi: questo terremoto graverà sui tempi e la disponibilità delle nuove revision?


Beh il terremoto è in giappone, dove non si producono direttamente mobo credo (e purtroppo). Taiwan ha avuto il suo terremoto qualche tempo fa e la Cina è grande...
Dimension712 Marzo 2011, 11:16 #7
Beh è chiaro che con il bug di sandy bridge molti hanno preferito aspettare per farsi un pc nuovo... poi probabilmente c'è chi aspetta bulldozer
Necros8113 Marzo 2011, 00:44 #8
secondo me è meglio aspettare bulldozer...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^