Fondatore Oculus lancia startup di sicurezza che potrebbe essere di aiuto a Trump

Fondatore Oculus lancia startup di sicurezza che potrebbe essere di aiuto a Trump

Palmer Luckey ha rivelato i suoi piani futuri dopo la separazione da Facebook e da Oculus VR

di Rosario Grasso pubblicata il , alle 13:01 nel canale Mercato
 

Secondo altre fonti Palmer Luckey, dopo la separazione da Facebook, sarebbe stato intenzionato a proseguire nell'industria del gaming. Se questo rumor rimane per il momento tale, lo stesso Luckey ha invece confermato il lancio di una security company con uno scopo familiare: monitorare i flussi migratori presso i confini. Lo ha riportato il New York Times.

Palmer Luckey

Il progetto, finanziato tra gli altri dal fondatore di Paypal Peter Thiel, riguarda una tecnologia di sorveglianza di nuova generazione basata su LIDAR, Light Detection and Ranging, ovvero le emergenti tecnologie alla base, tra le altre, delle soluzioni di guida autonoma. Il nuovo sistema, basato su sensori all'infrarosso e un insieme di videocamere, aiuterà i funzionari di frontiera a prevenire gli ingressi non autorizzati.

"Stiamo spendendo molto sulle tecnologie di difesa, dopo che il settore è stato rallentato per molti anni", ha detto Luckey al Times. "Abbiamo bisogno di un nuovo tipo di defense company, che consenta di risparmiare i soldi dei contribuenti e di creare allo stesso tempo una tecnologia che renda più sicure le nostre truppe, così come i cittadini".

Luckey è stato recentemente identificato come sostenitore di Trump dopo aver contribuito alla campagna elettorale del candidato Repubblicano con 100 mila dollari. Secondo i maliziosi, è proprio questo sostegno che lo ha reso poco gradito all'interno di Facebook, portando alla separazione dal gruppo diretto da Mark Zuckerberg, dopo che quest'ultimo aveva acquisito Oculus VR per due miliardi di dollari.

Nello specifico, la nuova tecnologia di Luckey potrebbe aiutare Donald Trump a portare a compimento il suo piano circa il muro al confine tra Stati Uniti e Messico, migliorandone le modalità di sorveglianza digitale. Il fondatore di Oculus VR avrebbe già incontrato il funzionario del governo Trump Steve Bannon per discutere l'eventuale impiego della nuova tecnologia all'interno del processo di edificazione del muro e come elemento di sorveglianza a lavori ultimati.

Il New York Times, inoltre, ha rivelato che Luckey possiede a New York e in California due silo di missili smantellati, insieme a diversi veicoli militari. Tutto questo dà l'idea che Luckey sia un determinato sostenitore di Trump con idee fin troppo solide per poter essere gradite da una società che guarda al futuro e alla globalizzazione come Facebook.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
turcone06 Giugno 2017, 15:33 #1
finalmente qualcuno che si allontana dalla visione politacaly correct che ultimamente impera in USA
se avessi soldi investirei anch'io in settori del genere dato che saranno il futuro data la continua paura della gente degli altri e paura di possibili attentati

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^