Forte riduzione nelle vendite di PC nel terzo trimestre 2012

Forte riduzione nelle vendite di PC nel terzo trimestre 2012

HP e Lenovo continuano a battagliare per la prima posizione nel mercato dei PC, con quote di mercato attorno al 15,5% ciascuna. Nel frattempo calano le vendite a livello globale di oltre l'8% rispetto al terzo trimestre 2011, ponendo le basi per un 2012 che verrà chiuso in negativo

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:28 nel canale Mercato
HPLenovo
 

Che il mercato delle soluzioni PC stia registrando un periodo di forte difficoltà non è novità dell'ultimo minuto; non per questo tuttavia lascia minor stupore il registrare una contrazione nelle vendite consistente come quella segnalata per il terzo trimestre 2012 da Gartner e IDC rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Per Gartnet sono stati venduti nel periodo 87,5 milioni di PC, con un calo dell'8,3% rispetto al terzo trimestre 2011. Per IDC il dato è simile: circa 87,8 milioni di PC contro poco più di 96 milioni dello stesso periodo dello scorso anno con un calo dell'8,6%.

Gartner posiziona Lenovo quale primo produttore al mondo con una quota di mercato del 15,7%, seguita da HP con il 15,5%. Si tratta del sorpasso per l'azienda cinese ai danni del colosso americano, dopo che negli ultimi trimestri Lenovo era stata capace di continuare ad incrementare la propria presenza nel mercato.

Secondo i dati di IDC la prima posizione tra i produttori di PC rimane ancora di HP, con una quota di mercato del 15,9% seguita a ruota da Lenovo con il 15,7%. Entrambi gli istituti di ricerca concordano sulle 3 restanti posizioni: Dell segue al terzo posto con poco più del 10,5%, Acer al quarto posto con poco meno del 10% e Asus quinta con il 7,3%. Lenovo e Asus sono state capaci di incrementare le vendite nel corso del periodo di riferimento, andando in controtendenza con un incremento medio di circa il 10%, mentre i 3 restanti produttori hanno registrato contrazioni medie variabili tra il 12% e il 16%.

Alla base di questa forte contrazione nelle vendite dinamiche diverse ma ben note. La prima riguarda la crisi economica che sta colpendo molte regioni globali, con budget di spesa che se non vengono diminuiti sono oggetto di verifica molto più attenta di un tempo e quindi portano a posticipare l'aggiornamento dei propri PC a quanto realmente indispensabile.

In secondo luogo non possiamo non citare l'attesa per il debutto delle nuove soluzioni basate su sistema operativo Windows 8, il cui lancio è previsto per la fine del mese di Ottobre e che indubbiamente hanno contribuito in molti potenziali acquirenti ad attendere l'acquisto di un nuovo sistema. Ma più di tutto a incidere negativamente sulle vendite è stato il successo di mercato delle soluzioni tablet, per le quali la domanda da parte dei consumatori continua ad essere costante andando a sostituire quantomeno parte degli acquisti di nuovi PC.

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
alexdal11 Ottobre 2012, 09:48 #1
piu' interessante vedere il dato aggregato desktop+laptop+pad ecc
per trimestre per vedere come e' la crescita.

I computer desktop ormai non li vuole piu' nessuno a parte i nerd o i piratoni della domenica.
mentre i Pad che non esistevano vendono bene.
Phenomenale11 Ottobre 2012, 10:05 #2
Originariamente inviato da: alexdal
I computer desktop ormai non li vuole piu' nessuno a parte i nerd o i piratoni della domenica.

I computer desktop ormai la gente se li assembla da sè con i componenti migliori, invece di strapagare la cacca HP & compagnia bella.

IMHO, eh?
Asterion11 Ottobre 2012, 10:10 #3
Originariamente inviato da: Phenomenale
I computer desktop ormai la gente se li assembla da sè con i componenti migliori, invece di strapagare la cacca HP & compagnia bella.

IMHO, eh?


Dio ti ringrazio
Mory11 Ottobre 2012, 12:09 #4
Originariamente inviato da: Phenomenale
I computer desktop ormai la gente se li assembla da sè con i componenti migliori, invece di strapagare la cacca HP & compagnia bella.

IMHO, eh?


si vede che non lavori nell'ambiente
Fire-Dragon-DoL11 Ottobre 2012, 13:57 #5
Originariamente inviato da: Mory
si vede che non lavori nell'ambiente


Più che altro, non lavora proprio, visto che su un qualsiasi posto di lavoro generalmente ci sta un fisso...
Asterion11 Ottobre 2012, 14:43 #6
Originariamente inviato da: Fire-Dragon-DoL
Più che altro, non lavora proprio, visto che su un qualsiasi posto di lavoro generalmente ci sta un fisso...


Ci sono sempre e solo i fissi, molti ancora con Windows XP e parlo di una PA con 10 mila dipendenti.
biffuz11 Ottobre 2012, 18:06 #7
Non so dove vivete voi, ma io vedo sempre più gente che cambia i notebook con desktop. Dieci anni fa erano tutti contenti per la ragione opposta, ma ora tornano ai desktop per il semplice motivo che sono stufi di dover buttare tutto il computer perché ripararlo costa più che cambiarlo, e alla fine rimane sempre sulla scrivania. E sono anche più contenti per schermo e tastiera più grande. Per navigare occasionalmente in giro si accontentano dello smartphone.
Altro che era post-pc...

E per quanto riguarda il fai-da-te, ormai anche quello è al minimo. Ormai la gente si compra macchine già pronte: costano meno, basta attaccare la spina e vanno benissimo per quasi tutto.
Mory11 Ottobre 2012, 19:53 #8
Originariamente inviato da: biffuz
Non so dove vivete voi, ma io vedo sempre più gente che cambia i notebook con desktop. Dieci anni fa erano tutti contenti per la ragione opposta, ma ora tornano ai desktop per il semplice motivo che sono stufi di dover buttare tutto il computer perché ripararlo costa più che cambiarlo, e alla fine rimane sempre sulla scrivania. E sono anche più contenti per schermo e tastiera più grande. Per navigare occasionalmente in giro si accontentano dello smartphone.
Altro che era post-pc...

E per quanto riguarda il fai-da-te, ormai anche quello è al minimo. Ormai la gente si compra macchine già pronte: costano meno, basta attaccare la spina e vanno benissimo per quasi tutto.


in verità la gente acquista sempre più notebook perchè a parità di caratteristiche costano meno!
Fire-Dragon-DoL12 Ottobre 2012, 01:17 #9
Originariamente inviato da: Mory
in verità la gente acquista sempre più notebook perchè a parità di caratteristiche costano meno!


Non è propriamente vero... è che la gente se ha lo schermo grande (per il fisso) pretende di giocare ad una risoluzione pertinente. Il risultato? Nonostante la scheda grafica sia versione "mobile" fa percepire una maggior potenza, nonostante sia inferiore alla rispettiva versione desktop.

Perchè realisticamente parlando se non devi comprare mouse/tastiera/casse/schermo e sistema operativo ti va bene oem, coi fissi ad oggi spendi veramente poco se devi lavorare, e per giocare restano piu performanti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^