Foxconn in difficoltà a soddisfare la domanda di Apple

Foxconn in difficoltà a soddisfare la domanda di Apple

Carenze nella disponibilità di componenti causano rallentamenti nella capacità produttiva di Foxconn, che potrebbe non riuscire ad evadere completamente gli ordini di Apple per il secondo trimestre

di Andrea Bai pubblicata il , alle 08:21 nel canale Mercato
AppleFoxconn
 

Le carenze di componenti presso lo stabilimento Foxconn Electronics di Chengdu potrebbero andare ad influire sugli ordinativi commissionati da Apple per la produzione di iPad 2. A riportare la notizia è il sito web Digitimes, che cita fonti vicine ai fornitori di componenti elettronici.

Lo stabilimento Foxconn di Chengdu è impiegato principalmente per la produzione di iPad 2. Foxconn dispone, in questo complesso, di ben ben 52 linee produttive per il tablet della Mela, che dovrebbero consentire una capacità di produzione annuale di 40 milioni di pezzi. Il terremoto in Giappone dello scorso marzo ha tuttavia avuto un impatto piuttosto consistente sui fornitori di componenti, situazione che potrebbe mettere Foxconn nella condizione di non riuscire a soddisfare pienamente le esigenze di Apple.

Secondo analisti ed osservatori del mercato, infatti, le consegne totali di iPad 2 per il secondo trimestre dovrebbero aggirarsi sui 7 milioni di pezzi. La Mela però si è posta l'ambizioso obiettivo di riuscire a commercializzare 35-40 milioni di iPad per il 2011, andando in questo modo a fare pressioni sui partner affinché riescano a sostenere una fornitura superiore ai 10 milioni di pezzi nel secondo trimestre.

I problemi di fornitura dei componenti potrebbero inoltre andare a ripercuotersi anche sull'industria dei pannelli touch, causando così un ulteriore rallentamento nella capacità produttiva dei partner della Mela, con possibili ricadute sui target di consegne per il 2011.

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cappej13 Maggio 2011, 08:38 #1
40 milioni di pezzi... non ho parole...
ice_v13 Maggio 2011, 11:12 #2
basta aggiungere più cinesi! e che diamine...devo comprare l'ipad 2 per la morosa, mio fratello, mia mamma, mio zio, mio miglior amico...mio miglior nemico ...ah, anche il mio cane ne vuole uno!

A MANETTA! dai dai dai da de de...sususususu...viaviaviavaiavivivivi!!!!!!!
Phantom II13 Maggio 2011, 11:26 #3
Mi auguro che questa situazione non incida sui già estremi ritmi di lavoro degli operai Foxconn.
highestcrown13 Maggio 2011, 11:44 #4
Originariamente inviato da: Phantom II
Mi auguro che questa situazione non incida sui già estremi ritmi di lavoro degli operai Foxconn.


Temo invece che inciderà, più vuoi produrre più devi lavorare (o forse sarebbe meglio dire "schiavizzare".
Il loro sfruttamento è il prezzo per la nostra sete di gadget tecnologici.
ice_v13 Maggio 2011, 12:47 #5
Originariamente inviato da: Phantom II
Mi auguro che questa situazione non incida sui già estremi ritmi di lavoro degli operai Foxconn.



ma va là...figurati!
Phantom II13 Maggio 2011, 12:57 #6
Originariamente inviato da: highestcrown
Temo invece che inciderà, più vuoi produrre più devi lavorare (o forse sarebbe meglio dire "schiavizzare".

Un paradigma tanto vero quanto triste.

Il loro sfruttamento è il prezzo per la nostra sete di gadget tecnologici.

Personalmente mi chiamo fuori da questa sete che diventa sempre più vergognosamente triste
+Benito+13 Maggio 2011, 13:43 #7
Ipotizzando un funzionamento 24/24 365/365 senza mai fermi macchina, con 52 linee produttive e 40.000.000 di pezzi da produrre, un dispositivo va realizzato, assemblato e inscatolato in 41 secondi.
Mah...sarà...
essential__6013 Maggio 2011, 16:33 #8
Originariamente inviato da: highestcrown
Temo invece che inciderà, più vuoi produrre più devi lavorare (o forse sarebbe meglio dire "schiavizzare".
Il loro sfruttamento è il prezzo per la nostra sete di gadget tecnologici.


La cosa triste è che quando "la nostra sete di gadget tecnologici" finirà, quei poveretti torneranno a mangiare una ciotola di riso quando c'è ...
DjLode13 Maggio 2011, 16:42 #9
Originariamente inviato da: +Benito+
Ipotizzando un funzionamento 24/24 365/365 senza mai fermi macchina, con 52 linee produttive e 40.000.000 di pezzi da produrre, un dispositivo va realizzato, assemblato e inscatolato in 41 secondi.
Mah...sarà...


Correggo perchè mi sono espresso male.
Una linea di produzione non è fatta di una sola persona, i ritmi sono alti, ma non è che uno da solo fa tutto. Considerando che qualcosa sia automattizabile (non ho visto video delle linee) in 40 secondi un automa ne fa di cose
40 secondi circa comunque era il ritmo di uscita di cappe da cucina presso un nostro cliente qualche anno fa... linea composta da persone umane ovviamente.
+Benito+13 Maggio 2011, 17:21 #10
ovvio che sono catene di montaggio

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^