Gartner aggiunge anche i tablet nelle stime della spesa IT

Gartner aggiunge anche i tablet nelle stime della spesa IT

La spesa globale IT per il 2011 potrà arrivare a 3600 miliardi di dollari, ed i sistemi tablet multimediali arriveranno a quota 30 miliardi

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:25 nel canale Mercato
 

Gartner ha deciso di aggiungere nelle stime della spesa globale IT anche le soluzioni tablet multimediali, che da sole apporteranno un incremento prossimo ai 30 miliardi di dollari.

La società di analisi di mercato ha infatti aggiunto, a partire da questo trimestre, le soluzioni tablet all'interno delle proprie previsioni legate alla spesa globale IT. Nel 2011 la spesa globale per tablet multimediali è destinata a raggiungere i 29,4 miliardi di dollari, rispetto ai 9,6 miliardi registrati lo scorso anno. Grazie ai tablet le previsioni di crescita della spesa hardware passano dal 7,5% al 9,5%. Secondo Gartner la spesa globale sui media tablet è destinata crescere ad un tasso medio annuale del 52% fino al 2015.

Nel complesso la spesa IT arriverà, come detto, a 3600 miliardi di dollari nel 2011, che rappresenta un incremento del 5,6% rispetto ai 3400 del 2010. Richard Gordon, research vicepresident per Gartner, ha commentato: "L'aggiunta dei tablet multimediali, rafforzata da una attesa flessione nel valore dollaro, costituisce l'incremento nella crescita. Senza l'aggiunta dei tablet le previsioni sarebbero state leggermente in declino in termini di valore, ma con la loro aggiunta non vi è virtualmente alcun cambiamento nel sottolineare le previsioni di crescita complessive dell'IT".

Gli analisti di Gartner affermano che i disordini e i tumulti dell'area mediorientale non hanno influenzato le previsioni, ma che le conseguenze dei disastri naturali in Giappone devono ancora essere comprese a fondo.

"Il Medio Oriente contribuisce allla spesa globale IT per un 2% circa. Sebbene il disordine politico della regione possa intaccare i livelli di spesa IT, il riflesso a livello globale sarebbe insignificante. Abbiamo completato le nostre stime prima dei disastri abbattutisi in Giappone e stiamo ancora valutandone l'impatto sulle nostre previsioni. Attualmente stiamo osservando i potenziali effetti sui mercati IT a seguito del terremoto e dello tsunami, in particolare le conseguenze sulla compromissione della catena di fornitura globale e l'impatto sulla domanda IT" ha dichiarto Gordon.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^