Gartner: al ribasso le previsioni di crescita per i PC

Gartner: al ribasso le previsioni di crescita per i PC

La società di analisi di mercato aggiorna le proprie stime e ritocca verso il basso le previsioni di crescita per il 2011 e per il 2012. Economia traballante e tablet le principali cause

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:46 nel canale Mercato
 

Gartner ha recentemente aggiornato le stime di consegne per il mercato PC (media tablet esclusi), ritoccando verso il basso i dati precedentemente elaborati. Secondo le nuove stime della società di analisi di mercato il 2011 vedrà un volume di consegne complessivo di 352 milioni di unità, che rappresentano un incremento del 3,8% rispetto al 2010, mentre per il 2012 si prevedono consegne per 404 milioni di unità, una crescita del 10,9% rispetto al 2011.

Le precedenti stime di Gartner indicavano una crescita del 9,3% per il 2011 e del 12,8% per il 2012: il corposo ritocco verso il basso per il 2011 è dovuto ad un netto taglio delle previsioni per l'Europa occidentale e per gli Stati Uniti per quanto riguarda la seconda metà dell'anno, mentre il ribasso delle previsioni per il 2012 è dovuto sia alla debolezza dell'anno in corso, sia ad una prevista partenza in sordina per il prossimo anno, con un'aspettativa di una miglior crescita nella seconda metà del 2012 con una stabilizzazione delle economie e l'ingresso sul mercato di nuovi form factor. Fino ad allora il rallentamento sarà notevole: le consegne totali del 2012 sono previste, come anticipato sopra, superare di poco i 400 milioni di unità, che precedentemente era stato identificato come l'obiettivo per il 2011.

Ranjit Atwal, research director per Gartner, ha commentato: "L'Europa occidentale non solo sta affrontando difficoltà per un eccesso di inventario, ma anche per via di uno scompiglio economico. Le consegne consumer negli Stati Uniti sono risultate essere inferiori all'atteso nel corso del secondo trimestre e le indicazioni suggeriscono inoltre vendite back-to-school poco soddisfacenti. Le negative previsioni economiche causano un deterioramento nella propensione di spesa del pubblico consumer e business in entrambe le regioni. La spesa consumer si ridurrà di conseguenza e allo stesso modo, sebbene in misura inferiore, si ridurrà la spesa business".

Secondo gli analisti di Gartner, sebbene i PC rappresentino prodotti importanti per i consumatori e le realtà business, gli acquisti possono essere facilmente posticipati in special modo dinnanzi all'esistenza di dispositivi complementari che esercitano una maggior presa sul pubblico.

"La maggior preoccupazione di lungo termine è che la cosiddetta generazione Y abbia una visione completamente differente dei dispositivi client rispetto alla visione delle precedenti generazioni e che, per questo, non considerino l'acquisto di un PC come dispositivo principale. Per il pubblico delle precedenti generazioni i PC di oggi non rappresentano un prodotto particolarmente entusiasmante e quindi continuano ad estenderne il ciclo di vita riparando i sistemi invece di sostituirli" ha commentato Atwal.

George Shiffler, research director per Gartner, ha aggiunto un'ulteriore considerazione: "I media tablet hanno cambiato in maniera drammatica la dinamica del mercato PC e la decisione di HP di ripensare la sua strategia PC evidenzia la pressione che grava sui vendor di sistemi PC per adattarsi alla nuova dinamica o abbandonare il mercato. I modelli di business tradizionali stanno mostrando il fianco, dal momento che le tradizionali funzionalità del PC si stanno estendendo ad altri dispositivi e gli utenti allungano il ciclo di vita del PC. I vendor non hanno successo perché cercano soluzioni rapide al problema. Il risultato è quello di generare maggiore confusione nella catena di vendita, impattando il sell-in".

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bs8208 Settembre 2011, 09:58 #1
Che scatole sto Gartner, mi stupisco si spendano ancora caratteri sulle sparate di questi pseudo analisti dopo le cavole sparate ad ogni nuova loro "ricerca"

MaxArt08 Settembre 2011, 11:35 #2
In effetti c'è da chiedersi che affidabilità possano avere i numeri cha danno visto che ad ogni trimestre devono sempre aggiornarli in maniera sensibile, se non addirittura *vistosa*, molto più di questo caso.
Sarà forse perché, comunque, Gartner è sempre tra quelli che ci si avvicina di più ad azzeccare previsioni in un mercato in continuo mutamento?
Phantom II08 Settembre 2011, 23:08 #3
Solite analisi ridicole.
Il mercato PC è in crisi per saturazione e mancanza di soldi nelle tasche dei consumatori, che in maggioranza preferiscono acquistare altri prodotti essenziali (si fa per dire...) piuttosto che l'ennesimo PC.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^