Gartner, luci ed ombre della stampa 3D

Gartner, luci ed ombre della stampa 3D

La società di analisi di mercato espone alcune considerazioni su aspetti delicati della stampa 3D, andando a toccare anche le possibili impicazioni nel settore medicale

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:31 nel canale Mercato
 

La società di analisi di mercato Gartner elabora alcune considerazioni sul futuro del mercato della stampa 3D, soffermandosi in special modo sugli aspetti oscuri di questo nuovo paradigma e andando a toccare anche il settore medicale e sanitario con le cosiddette tecnologie di "bioprinting" tridimensionale.

Da un punto di vista generale Gartner sostiene che entro il 2018 almeno sette dei principali 10 retailer multicanale faranno uso di tecnologie di stampa 3D per generare ordini personalizzati e, allo stesso tempo, si andranno via via affermando nuovi modelli di business basati su questa nuova tecnologia.

Pete Basiliere, research director per Gartner, osserva: "Alcuni retailer stanno già vendnendo stampanti 3D ai consumatori e con la loro progressiva disponibilità, i consumatori le utilizzeranno per realizzare i propri prodotti personalizzati. Ci aspettiamo di assistere alla nascita di servizi di copia 3D e uffici di stampa tridimensionali, con i clienti che si rivolgeranno ad essi per stampare progetti in alta qualità e non solo in plastica ma anche con materiali che includono ceramica, acciaio e particolari leghe metalliche".

La progressiva diffusione di queste tecnologie andrà però a creare potenziali problemi legati al furto di proprietà intellettuale. Secondo Gartner la stampa 3D porterà, entro il 2018, alla perdita di almeno 100 miliardi di dollari all'anno di proprietà intellettuale. "I fattori che stimolano l'innovazione - il crowdsourcing, l'unione degli sforzi di ricerca e sviluppo e il finanziamento di start-up - assieme a più brevi cicli di vita dei prodotti, offrono un terreno fertile al furto di proprietà intellettuale con l'uso di stampanti 3D. E' già possibile stampare oggi molti oggetti tridimensionali, tra cui giochi, parti di vetture e anche armi" commenta Basiliere.

In uno scenario di questo tipo le imprese avranno sempre più difficoltà a monetizzare pienamente le loro invenzioni ed i licenziatari della correlata proprietà intellettuale avranno meno possibilità di ottenre il massimo beneficio dalle loro licenze. I ladri di proprietà intellettuale sosterranno minori costi di sviluppo e approvvigionamento, e avranno quindi la possibiltà di vendere beni contraffatti a prezzi ridotti, espondendo il pubblico al rischio di acquistare prodotti di scarsa qualità e potenzialmente dannosi.

Per quanto riguarda invece le tecnologie di bioprinting tridimensionale, ovvero l'applicazione delle tecniche e tecnologie di stampa 3D per la produzione di tessuti ed organi, Gartner osserva che la loro evoluzione è così rapida che potrebbe facilmente innescare un profondo dibattito etico sul loro utilizzo a partire dal 2016. Contemporaneamente la stampa tridimensionali di protesi e di dispositivi artificiali ad uso sanitario, unitamente alla popolazione fiorente e ai bassi livelli delle prestazioni sanitarie nei mercati emergenti porteranno ad un'esplosione della domanda per questa tecnologia a partire dal 2015.

"Le attrezzature di bioprinting 3D che avranno la capacità di stampare organi e tessuti avanzeranno in maniera molto più rapida di quanto potrà fare la consapevolezza e l'accettazione globale delle ramificazioni di questa tecnologia. Si tratta di iniziative mosse da buone intenzioni, ma che sollevano una serie di domande che restano senza risposta. Cosa accade con organi complessi che implicano l'uso di cellule non umane? Chi controllerà la capacità di produrli? Chi assicurerà la qualità dei risultati?" ha commentato Basiliere.

Si tratta, del resto, di un futuro molto più vicino di quanto si possa pensare: già nel corso dell'estate 2013 la Hangzhou Dianzi University in Cina ha annunciato di aver realizzato Regenovo, una soluzione di bioprinting tridimensionale, con la quale è stato stampato un piccolo rene funzionante per circa quattro mesi. Sempre nel corso del 2013 un bambino di 2 anni negli USA ha subito l'impianto di una trachea costruita con le sue cellule staminali. Quando gli organi "biostampati" saranno ampiamente disponibili sarà anche il tempo di un complesso dibattito che coinvolgerà molti interessi politici e finanziari, oltre a toccare ovviamente anche vari aspetti etici e morali.

La maturazione delle tecnologie di stampa 3D e la capacità di costruire parti anatomiche personalizzate sono di particolare interesse nel mercato dei dispositivi sanitari e specialmente in quelle regioni economicamente deboli e piagate dalla guerra, che spesso hanno a che fare con un'elevata domanda di protesi ed altri dispositivi medicali. La maggior integrazione del mondo sanitario con i settori della scienza dei materiali e della progettazione assistita porterà ad un ulteriore incremento della domanda dal 2015 in avanti.

"Il successo globale dei casi d'uso delle stampanti 3D nelle regioni emergenti crescerà per tre ragioni: la maggior semplicità di accesso e la diffusione della tecnologia, il ROI e la semplificazione della catena di fornitura per la distribuzione dei dispositivi medici in queste zone. Altri motori di crescita solo l'elevata popolazione con un accesso inadeguato alla sanità in regioni spesso funestate da conflitti interni, guerre e terrorismo" ha concluso Basiliere.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
biffuz31 Gennaio 2014, 14:05 #1
Sì, la stampante 3D l'ho vista anche al MediaWorld, ma questi hanno mai provato a usarne una? Le stampanti economiche sono adatte solo all'uso hobbystico, quelle costose.... beh, stampano bene ma hanno prezzi stellari, e anche escludendo il costo della stampante il prodotto finito non è paragonabile come qualità e tempi di produzione ad una classica produzione industriale, a parità di prezzo.
Ergo, la stampa 3D per almeno un altro paio di decenni è destinata a rimanere una curiosità da nerd o produzioni di nicchia, altro che 2018.

L'unica nicchia che potrebbe riscuotere un certo successo nel breve termine è quella alimentare, stamparsi biscotti con la propria faccia non ha prezzo
Ma prima le stampanti devono scendere molto di prezzo.
Rubberick31 Gennaio 2014, 15:22 #2
Originariamente inviato da: biffuz
Sì, la stampante 3D l'ho vista anche al MediaWorld, ma questi hanno mai provato a usarne una? Le stampanti economiche sono adatte solo all'uso hobbystico, quelle costose.... beh, stampano bene ma hanno prezzi stellari, e anche escludendo il costo della stampante il prodotto finito non è paragonabile come qualità e tempi di produzione ad una classica produzione industriale, a parità di prezzo.
Ergo, la stampa 3D per almeno un altro paio di decenni è destinata a rimanere una curiosità da nerd o produzioni di nicchia, altro che 2018.

L'unica nicchia che potrebbe riscuotere un certo successo nel breve termine è quella alimentare, stamparsi biscotti con la propria faccia non ha prezzo
Ma prima le stampanti devono scendere molto di prezzo.


mangeresti una rappresentazione di te stesso??
__miche__31 Gennaio 2014, 16:05 #3
Originariamente inviato da: Rubberick
mangeresti una rappresentazione di te stesso??


"siamo quello che mangiamo" cit.
Sofa_Arte31 Gennaio 2014, 17:51 #4
Originariamente inviato da: biffuz
Sì, la stampante 3D l'ho vista anche al MediaWorld, ma questi hanno mai provato a usarne una? Le stampanti economiche sono adatte solo all'uso hobbystico, quelle costose.... beh, stampano bene ma hanno prezzi stellari, e anche escludendo il costo della stampante il prodotto finito non è paragonabile come qualità e tempi di produzione ad una classica produzione industriale, a parità di prezzo.
Ergo, la stampa 3D per almeno un altro paio di decenni è destinata a rimanere una curiosità da nerd o produzioni di nicchia, altro che 2018.

L'unica nicchia che potrebbe riscuotere un certo successo nel breve termine è quella alimentare, stamparsi biscotti con la propria faccia non ha prezzo
Ma prima le stampanti devono scendere molto di prezzo.


La stampa 3d era una cosa da nerd 10 anni fa. Oggi se vuoi ti puoi comprare una stampante pronta ad un prezzo alto ma non eccessivo e ti puoi divertire. Discorso diverso per le stampanti professionali che, non a caso, vengono definite macchina per la "prototipazione rapida", non andrebbero messe a confronto con processi di produzione industriali.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^