General Electric punta sulla stampa 3D: doppia acquisizione da 1,4 miliardi di dollari

General Electric punta sulla stampa 3D: doppia acquisizione da 1,4 miliardi di dollari

Le tecnologie delle due società saranno utilizzate principalmente per la produzione di motori areonautici, turbine per l'industria energetica e dispositivi medici

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:01 nel canale Mercato
 

Il conglomerato General Electric ha annunciato un investimento di 1,4 miliardi di dollari per l'acquisizione di due società europee dedicate alla stampa 3D: si tratta della svedese Arcam AB e della tedesca SLM Solutions Group. Sin dal 2010 GE ha speso circa 1,5 miliardi di dollari nel campo della stampa 3D e le due acquisizioni appena annunciate vanno di fatto a raddoppiare ciò che la compagnia ha investito negli ultimi cinque anni.

L'interesse verso Arcam è duplice: da un lato la tecnologia di fusione elctron beam per la produzione additiva usando metalli e dall'altro la ricerca e produzione di polveri metalliche con proprietà avanzate. Per quanto riguarda SLM Solutions il motivo dell'acquisizione è da ricercare nelle sue macchine laser, anch'esse dedicate alla produzione additiva basata su metalli. Entrambe le società hanno un giro d'affari nel settore aerospaziale e sanitario, con SLM che può vantare clienti anche nel settore energetico e in quello automobilistico.

David Joyce, CEO di General Electric Aviation (il più importante produttore di motori areonautici a livello mondiale) ha dichiarato che le tecnologie di stampa 3D saranno sfruttate in maniera prevalente nelle attività di sviluppo e produzione dei motori jet, ma vi saranno ampie possibilità di applicazione nei settori delle turbine per l'industria energetica e negli equipaggiamenti per uso sanitario.

La società ha inoltre intenzione di acquistare un migliaio di nuove macchine di stampa 3D nell'arco dei prossimi dieci anni, e l'acquisizione di Arcam e SLM permetterà di ridurre i costi di un ammontare tra i 3 e i 5 miliardi di dollari, grazie ad un contenimento per i costi di progettazione e per i materiali. GE potrebbe anche diventare fornitore di macchine di stampa 3D industriali e di materiali di stampa.

La stampa 3D è una risorsa molto valida in determinati tipi di produzione industriale e può essere impiegata per realizzare parti più complesse e più leggere rispetto a quanto possibile con le tecniche di stampa o di forgiatura. Allo stesso tempo una stampa 3D può richiedere più tempo per la produzione di parti rispetto ad un processo tradizionale, aspetto che spesso va a relegare le macchine di stampa 3D alle attività di prototipazione rapida. GE pianifica comunque di poter sviluppare le tecnologie di stampa 3D così da incrementare la velocità di stampa di 2-3 volte entro i prossimi cinque anni.

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
+Benito+07 Settembre 2016, 16:13 #1
Me la vedo una palettatura rotorica di primo stadio interventilata fatta di stampa 3D
marconi.g07 Settembre 2016, 16:38 #2
Io invece la vedo dura. Pero' per altri componenti meno critici dovrebbe funzionare.
!fazz07 Settembre 2016, 16:55 #3
Originariamente inviato da: +Benito+
Me la vedo una palettatura rotorica di primo stadio interventilata fatta di stampa 3D


la paletta no ma è da anni che ge sta studiando e testando gli uggelli di iniezione carburante con stampa additiva (è possibile costruire condotti con forme più efficienti e non ottenibili con processi sottrattivi)
+Benito+07 Settembre 2016, 18:07 #4
Originariamente inviato da: marconi.g
Io invece la vedo dura. Pero' per altri componenti meno critici dovrebbe funzionare.


Dai che ci ho anche messo la faccina
nicola9107 Settembre 2016, 19:25 #5
ragazzi prototipi e studi aerodinamica non turbomacchine fatte e finite in stampa 3D XD.
Comunque GE non è solo questo... fa tipo.. tutto.
+Benito+08 Settembre 2016, 08:34 #6
se il mondo sparisse salvi GE e Samsung e puoi ricostruirlo.
marino712 Settembre 2016, 20:49 #7
è da anni che ge avio fa le palette delle turbine con additive manufacturing, e lo fa in italia alla avio aero. Per ora è l'applicazione principale di additive manufacturing col metallo, le proprietà meccaniche sono superiori a qualsiasi altra lavorazione e poi si possono realizzare forme impossibili da ottenere per fuzione.
+Benito+13 Settembre 2016, 08:53 #8
che storia! di che stadi?
intendi con sistemi tipo questo di DMG Mori?
http://www.dmgmori.com/webspecial/j...lasertec-65.htm
!fazz13 Settembre 2016, 09:16 #9
alcune applicazioni che conosco nel settore aereospaziale
come avevo accennato GE produce piccole serie di componenti per i motori aereonautici in paricolare iniettori, spray bar e camere di combustione
altri applicazioni che conosco non di ge sono:
Fuel Injection Swirlers e camere a combustione per turbine a gas sviluppate in tecnologia DMLS dalla Morris Technology per i Boeing 777 in EOS ln718
l'eads produce in tecnologia additiva anche delle cerniere per la copertura dellle nacelle per i motori dell'a380 mentre Rolls-Royce usa tecnologia LMD per costruire i segmenti di tenuta delle turbine e per riparare le palette delle turbine (che penso che era l'applicazione che ti interessava)

ps La Morris ha anche un prototipo di uno statore interamente costruito in tecnologia additiva
per i 777 fanno anche in tecnologia additiva dei piccoli sostegni per luci di emergenza in M270 o Inox 17 - 4
+Benito+13 Settembre 2016, 09:31 #10
cosa fai di lavoro?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^