Gli indirizzi IP stanno finendo

Gli indirizzi IP stanno finendo

Secondo alcuni esperti gli indirizzi IPv4 ancora disponibili si esauriranno entro 3 anni. L'impiego del più recente protocollo IPv6 risolverebbe il problema, ma il passaggio non sarà completamente indolore

di Fabio Gozzo pubblicata il , alle 09:14 nel canale Mercato
 

Nel corso del Global IPv6 Summit che si è tenuto questa settimana a Pechino, si è tornato nuovamente a parlare dell'elevata saturazione raggiunta dagli indirizzamenti del protocollo IPv4 attualmente utilizzato da Internet. Secondo gli esperti che hanno partecipato all'incontro, gli attuali blocchi di indirizzi ancora disponibili si esauriranno nel corso dei prossimi 3 anni.

La nuova previsione rivede dunque in maniera più negativa l'ipotesi ventilata appena qualche mese fa dal RIPE, l'organizzazione europea per la coordinazione amministrativa e tecnica per l'operatività della rete Europea, che aveva stimato il raggiungimento della massima saturazione dello spazio di indirizzamento del protocollo IPv4 entro 4 anni.

Fonte: Ars Technica

Il precedente grafico mostra l'attuale situazione del sistema di indirizzamento IPv4. In realtà, la situazione non è davvero cosi tragica come e stata dipinta dal Global IPv6 Summit: sebbene gli indirizzi IPv4 stiano realmente finendo, va ricordato che al momento ce ne sono disponibili ancora più di un miliardo e ogni anno ne vengono assegnati in media 180-190 milioni. Stando a queste cifre pare ancora più affidabile la stima fatta in precedenza dal RIPE.

L'impiego del protocollo IPv6 risolverebbe completamente il problema, fornendo qualcosa come 280.000.000.000.000.000 indirizzi unici per ogni metro quadrato della superficie terrestre, ma il passaggio alla più recente versione del protocollo IP potrebbe non essere cosi indolore.

I lavori per facilitare la transizione tra le due versioni del protocollo sono già iniziati da tempo; proprio in tal senso lo scorso febbraio vi avevamo riportato la notizia secondo cui l'ICANN - Internet Corporation for Assigned Names and Numbers - aveva provveduto ad aggiungere nei database di 6 dei 13 root server, ovvero i server che formano la master list di tutti i nomi di dominio di primo livello, i record "AAAA" per dare l'avvio al passaggio.

Secondo Tony Hain di Cisco System, il problema principale è che la necessità di passare a IPv6 non è ancora cosi sentita. "Nessuno richiederà lo standard IPv6 finché saranno ancora disponibili indirizzi IPv4", ha commentato Hain.

Inoltre non dobbiamo dimenticarci degli investimenti che sarà necessario approntare per l'adeguamento delle infrastrutture delle reti e dei sistemi. Allo stato attuale non tutti gli apparati sono infatti pronti per sopportare un massiccio impiego del protocollo IPv6.

63 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Chrno18 Aprile 2008, 09:22 #1
Mi vien da ridere quando faranno il passaggio...

la migrazione da ipv4 a ipv6 ridurra la qualità del servizio fino alla rivolta delle utenti! XD
Fl1nt18 Aprile 2008, 09:22 #2
sta per finire il mondo
DeathNote18 Aprile 2008, 09:23 #3
ma ciuè dovremo cambia' modem x sto IPV6?
ciuè vaffanchiu' l'ho appena comprato XD
int main ()18 Aprile 2008, 09:28 #4
Originariamente inviato da: DeathNote
ma ciuè dovremo cambia' modem x sto IPV6?
ciuè vaffanchiu' l'ho appena comprato XD


cmq spero si sbrighino al passaggio. e non credo tu debba cambiare modem
bonzuccio18 Aprile 2008, 09:30 #5
Moriremo tutti (cit.)
Mailor18 Aprile 2008, 09:31 #6

IpV6

Al MIT, pochi mesi fa, hanno tirato su una rete, durante un convegno, con una 50ina (se non ricordo male) tra host e macchine server; tale rete funzionava su IpV6.. beh, manco a dirlo praticamente non funzionava NULLA. Problemi di ogni tipo, connessioni mancate, dati persi, identificazioni non valide..

Pochi computer, e fatto dal MIT. La dice lunga su quanto sia ancora acerbo lo sviluppo progettuale in merito.. 3 anni sembrano pochini, in questo scenario. Che ne pensate?
Horizont18 Aprile 2008, 09:33 #7
non sono un esperto di reti, ma non basterebbe creare un aggiornamento firmware degli apparecchi invece di cambiarli? poi se le case non lo vogliono fare per vendere nuovi modem/router è un altro conto
dariocescon18 Aprile 2008, 09:34 #8
Non dovremo far nulla anche perchè i modem e le schede di rete dei nostri PC supportano l'IPv6.
Devono aggiornare i Router delle dorsali e delle diramazioni, nonchè tutti i server che hanno supporto solo per IPv4.

Cmq già sta avvenendo e noi non ne sapevamo niente...

Mai sentito parlare di tunneling...
al13518 Aprile 2008, 09:36 #9
vabè ancora avoglia prima che lo ricambi per altri 4-5 annetti stai a posto
Horizont18 Aprile 2008, 09:37 #10
cioè mi stai dicendo che tutti gli attuali router (intendo quelli che abbiamo in casa, nuovi e non) supportano l ipv6?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^