GlobalFoundries ottiene l'approvazione per costruire una nuova fabbrica

GlobalFoundries ottiene l'approvazione per costruire una nuova fabbrica

Non vi sono però ancora programmi per il nuovo stabilimento, che verrà realizzato solo per necessità di espansione della produzione, magari per soddisfare le richieste di un grosso cliente

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:01 nel canale Mercato
 

GlobalFoundries ha ottenuto l'approvazione al piano di costruzione di una seconda fabbrica di wafer in silicio presso il Luther Forest Technology Campus nella contea di Saratoga all'interno dello stato di New York.

I piani di costruzione di una nuova fabbrica sono stati menzionati per la prima volta nel corso del mese di gennaio dal CEO di GlobalFoundries Ajit Manocha il quale aveva stimato un investimento di circa 10 miliardi di dollari. Secondo recenti informazioni, tuttavia, pare che lo stanziamento sia cresciuto sino a 14,7 miliardi di dollari.

La richiesta avanzata da GlobalFoundries aveva ottenuto l'approvazione unanime da parte dell'amministrazione della città di Malta la scorsa settimana, nonostante siano state espresse alcune preoccupazioni legate alla congestione del traffico e all'impatto sulle risorse della zona, con speciale attenzione alle risorse idriche.

Attualmente non è stato divulgato alcun piano operativo per la costruzione di quella che GlobalFoundries chiama Fab 8.2. Un portavoce dell'azienda ha recentemente dichiarato che lo stabilimento sarà costruito nel momento in cui GlobalFoundries dovesse trovarsi nella necessità di incrementare la propria produzione.

La costruzione dello stabilimento sarà però legata alla capacità di GlobalFoundries di siglare accordi di produzione e fornitura con clienti di alto calibro. Uno dei possibili clienti sembra essere Apple, la quale sta cercando com'è noto fornitori alternativi a Samsung e che potrebbe trovare in GlobalFoundries un'interessante alternativa poiché le consentirebbe di riportare negli Stati Uniti una parte della catena di fornitura, obiettivo già espresso dalla Mela nel corso dei mesi passati.

GlobalFoundries è una private company controllata da ATIC, il braccio finanziario del governo di Abu Dhabi. La fonderia pare intenzionata a lanciare una IPO, il che potrebbe stare a significare che Abu Dhabi non abbia più intenzione di stanziare investimenti corposi per GlobalFoundries. In altre parole l'eventuale IPO e un accordo con un cliente importante potrebbero aiutare GlobalFoundries a finanziare i lavori di costruzione della Fab 8.2.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dwfgerw03 Settembre 2013, 12:23 #1
"un'interessante alternativa poiché le consentirebbe di riportare negli Stati Uniti una parte della catena di fornitura"

Mi permetto di contestare questa affermazione. I processori Ax di Apple vengono ingegnerizzati e progettati in USA mentre lo stampo finale su silicio viene effettuato da Samsung che, tuttavia, opera gia in USA. i Processori Ax Apple escono tutti dallo stabilimento Samsung situato in Texas e non provengono dalla korea..

http://www.apple.com/about/job-creation/

Avere un fornitore come Global Foundries o TSMC, consentirebbe ad Apple di non scoprire le sue carte con un rivale diretto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^