Google acquisisce Moodstocks per il riconoscimento delle immagini

Google acquisisce Moodstocks per il riconoscimento delle immagini

La società di Mountian View ha acquisito una startup francese che dal 2009 si occupa di soluzioni deep learning per il riconoscimento delle immagini. L'operazione sarà conclusa nelle prossime settimane, non è noto il valore economico

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:01 nel canale Mercato
Google
 

Nei giorni scorsi Google ha annunciato di aver stretto un accordo di acquisizione con Moodstocks, società che opera nel campo del riconoscimento delle immagini. Si tratta di una startup francese fondata nel 2009 e che ha introdotto una soluzione di riconoscimento immagini nel 2012 consentendo agli smartphone di riconoscere qualsiasi cosa inquadrata dalla fotocamera.

Nel corso degli ultimi due anni e mezzo, un piccolo gruppo di ricercatori e ingegneri ha sfruttato le tecniche e le tecnologie di deep learning per ampliare la portata degli algoritmi di riconoscimento degli oggetti, fornendo in licenza il codice eseguibile e offrendo un kit di sviluppo software agli OEM interessati ad integrare la soluzione all'interno dei loro prodotti. Le API di Moodstocks, per esempio, consentono di integrare una funzionalità di ricerca visuale nelle applicazioni, con l'analisi delle immagini per individuare corrispondenze di colore, di forma o di trama.

L'acquisizione verrà perfezionata nel corso delle prossime settimane, ma il valore economico dell'operazione resta attualmente un'informazione riservata. Il gruppo di ricercatori ed ingegneri di Moodstocks verrà integrato all'interno del centro di ricerca e sviluppo di Google a Parigi e contribuirà alle attività di Google nel campo dell'intelligenza artificiale, focalizzandosi ovviamente nella realizzazione di soluzioni e strumenti di riconoscimento delle immagini all'interno di big G.

Moodstocks ha dichiarato che a seguito dell'acquisizione sospenderà tutti i servizi di riconoscimento immagine sotto il brand Moodstocks, ma che tutti gli attuali clienti potranno utilizzare gli strumenti fino alla scadenza della licenza.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
PietroGiuliani09 Luglio 2016, 18:53 #1
...speriamo che riconosca i gorilla un po' meglio di quanto non facesse Google stessa...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^