Google, cambio al vertice: Larry Page prende il posto di Eric Schmidt

Google, cambio al vertice: Larry Page prende il posto di Eric Schmidt

Variazione nelle responsabilità dirigenziali ai vertici di Google: Larry Page assumerà il ruolo di CEO dal prossimo 4 Aprile, mentre Eric Schmidt diventerà Executive Chairman

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:53 nel canale Mercato
Google
 

Dopo dieci anni alla guida della compagnia, Eric Schmidt ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni dalla posizione di CEO di Google. Larry Page, cofondatore di Google, raccoglierà l'eredità di Schmidt ed andrà a ricoprire il ruolo di CEO a partire dall'inizio di aprile. La compagnia ha dichiarato che la variazione all'interno del team dirigenziale consentirà di snellire ed ottimizzare il processo decisionale.

A partire dal prossimo 4 aprile Larry Page, cofondatore di Google assieme a Sergey Brin, prenderà in carico le operazioni di gestione ordinaria di Google in qualità di chief executive officer. Eric Schmidt andrà ad assumere invece il ruolo di Executive Chairman, occupandosi prevalentemente delle attività "esterne" di Google, ovvero accordi, partnership, relazioni di business e relazioni con i governi, tutti compiti che stanno assumendo gradi di importanza via via crescenti per via della portata globale che Google ha raggiunto nel corso degli anni. Internamente Schmidt continuerà a ricoprire il ruolo di consigliere. Sergey Brin si occuperà invece di portare avanti i progetti strategici, in maniera particolare focalizzandosi sui nuovi prodotti e servizi.

"Quando sono arrivato a Google nel 2001 non avrei mai immaginato, nemmeno nei miei sogni più fantasiosi, che saremmo arrivati così lontano e così velocemente dove siamo ora. Ma Google è cresciuta e la gestione del business sta diventando più complessa. Quindi Larry, Sergey ed io ci siamo a lungo confrontati per capire come semplificare al meglio la nostra struttura di management e velocizzare il processo decisionale e nel corso delle festività abbiamo deciso che questo è il momento giusto per apportare qualche cambiamento al modo in cui siamo strutturati" ha dichiarato Schmidt sul blog ufficiale di Google.

Schmidt spiega come tutti e tre gli executive siano stati coinvolti in maniera paritaria nel prendere le decisioni durante gli utlimi tre anni. Si tratta di un approccio che ha reali benefici in termini di saggezza condivisa, e per questo motivo Schmidt, Page e Brin continueranno a discutere le decisoni di rilievo tra loro. La variazione nel ruolo degli executive, tuttavia, permetterà di chiarire in maniera rigorosa le responsabilità individuali.

"Siamo fiduciosi che questa decisione farà bene a Google ed ai nostri utenti. Larry, Sergey ed io abbiamo lavorato a stretto contatto per oltre un decennio e continueremo a lavorare insieme per molto tempo a venire. Come amici, colleghi e scienziati di computer abbiamo molto in comune, e soprattutto una radicata fiducia nel potenziale della tecnologia di rendere il mondo un posto migliore. Amiamo Google, la nostra gente i nostri prodotti e soprattutto l'opportunità che abbiamo di migliorare le vite di milioni di persone attorno al mondo" ha concluso Schmidt.

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dtreert21 Gennaio 2011, 10:21 #1
imo è una cosa molto buona.

Più che altro perchè da quel che so i pensieri di eric erano abbastanza diversi da quelli di sergey, quindi come dice l'articolo, il processo decisionale era abbastanza lento.

E tra l'altro eric sarà cmq, almeno per l'inizio una parte molto importante e non credo che di fatto ci sia qualche rischio.
Tedturb021 Gennaio 2011, 11:30 #2
Mah.. io sono sempre per il "squadra che vince non si cambia".. Speriamo in bene, e che vincano i buoni (google) e non i cattivi (facebook, apple, oracle)
dtreert21 Gennaio 2011, 11:35 #3
io credo proprio fosse un accordo stabilito all'inizio del loro "rapporto".

Larry/Brin avranno detto ad Eric:

Oggi diventi CEO, se fai tutto bene resti fino a 10 anni, nel frattempo studio per imparare a fare il CEO.

ora i dieci anni sono scaduti...

E cmq per me Google non è tutta rosa e fiori. Si percepisce una sorta di confusione nelle strategie... un po' ad cazzum certe volte.

Ora penso che o andrà malissimo e ritornerà eric o andrà molto meglio.
efrite1521 Gennaio 2011, 15:45 #4
Oddio, addirittura "buoni" e "cattivi" XD ??? Sono tutte aziende che hanno come obiettivo il profitto, solo che hanno metodi ed ideologie diverse. Tutto qui... Non ci sono né buoni né cattivi.
Che poi google ti "regali" i suoi (per altro ottimi) servizi, mentre Apple te li faccia pagare (come tutti) è un'altro discorso... certo è che nessuno fa niente per niente.
Vedere Google come "i buoni" mi pare quantomeno bambinesco....
dtreert21 Gennaio 2011, 15:50 #5
e chi ha parlato di buoni e cattivi?
Pier220421 Gennaio 2011, 16:09 #6
Originariamente inviato da: Tedturb0
Mah.. io sono sempre per il "squadra che vince non si cambia".. Speriamo in bene, e che vincano i buoni (google) e non i cattivi (facebook, apple, oracle)]




No comment.
dtreert21 Gennaio 2011, 16:16 #7
ahha. manco l'ho letto!

cmq ti quoto e confermo hehehehe
efrite1521 Gennaio 2011, 16:20 #8
Sempre detto io che facebook e Oracle sono le armi di Apple per ditruggere il mondo XD LOL
Tedturb021 Gennaio 2011, 18:05 #9
beh tu vedilo bambinesco, io vedo che fin ora hanno mantenuto fede alla politica "don't be evil", che e' l'esatto opposto di quanto dimostrato da oracle, facebook, e in parte da apple
efrite1521 Gennaio 2011, 18:19 #10
Non commento nemmeno, aspetto qualcuno con più pazienza e che abbia voglia di spiegarti per bene come funziona il mondo XD ...
Io per oggi stacco, buona serata a tutti!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^