Google chiude accordo di acquisizione con Groupon?

Google chiude accordo di acquisizione con Groupon?

Il colosso di Mountain View pare aver concluso un accordo di acquisizione con Groupon, una delle più importanti realtà di social shopping

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:17 nel canale Mercato
GoogleGroupon
 

Secondo quanto riportato dal sito web The Guardian, pare che Google abbia chiuso da poco un accordo per l'acquisizione del sito di social-shopping Groupon, per la cifra di 2,5 miliardi di dollari. Si attende ovviamente l'ufficialità dell'accordo, che andrebbe così a confermare le voci di corridoio delle ultime settimane in merito alle trattative in corso tra le due realtà.

Groupon è una realtà che quotidianamente mette a disposizione sul proprio sito, in maniera geograficamente circostanziata per i mercati su cui opera, un buono sconto per l'acquisto di beni di varia natura o per la fruizione di servizi. Se un determinato numero di utenti sottoscrive l'offerta, questa viene resa disponibile a tutti gli utenti che hanno aderito e nel caso in cui il numero minimo non venga raggiunto, l'offerta non avrà validità.

L'azienda è stata fondata nel 2008 ed esprime ora un fatturato valutato di 50 milioni di dollari al mese. Groupon può vantare 20 milioni di abbonati e punti d'appoggio in 29 Paesi tra Europa, Nord America, America Latina e Asia. Nel corso dei mesi passati Groupon ha attirato l'attenzione non solo di Google, ma anche di Yahoo che ha avanzato due proposte di acquisizione per il sito di social shopping, senza riscuotere alcun successo.

Andando ad osservare i servizi che Google mette a disposizione, sembra scontato considerare Groupon come un completamento ideale di Google Places, il servizio che consente alle attività commerciali di creare le proprie schede di promozione su Google Maps, inserendo orari di apertura, offerte di prodotti, buoni sconto e via discorrendo.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pier de Notrix29 Novembre 2010, 19:17 #1

moneys call moneys

Google sta fagocitando pezzo per pezzo tutto...
mi sa che l'AntiTrust dovrebbe fare qualcosa.
Pier de Notrix29 Novembre 2010, 19:18 #2

monies call monies

Google sta fagocitando pezzo per pezzo tutto...
mi sa che l'AntiTrust dovrebbe fare qualcosa.
II ARROWS29 Novembre 2010, 20:38 #3
Perché dovrebbe fare qualcosa?
Non si chiama mica Microsoft. Fino a quando non cambia nome non farà nulla.
JackZR29 Novembre 2010, 21:21 #4
Per ora non mi sembra che stia danneggiando nessuno, non mi sembra che certi prodotti non abbiano un alternativa o abbiano un prezzo più alto per colpa di Google, anzi questa offre un sacco di servizi a gratis e molto di quello che crea diventa open, quindi perché lamentarsene?
II ARROWS30 Novembre 2010, 00:14 #5
Neanche Windows Media Player o Internet Explorer presente in Windows ha mai danneggiato qualcuno, quando hanno avuto la geniale idea della "ballot screen" la gente andava nel panico perché era scomparsa internet, e rompeva le palle a chi di computer ne sapeva. Magari qualcuno ha dovuto anche pagare un tecnico affinché gli rimettesse a posto come era.
Itacla30 Novembre 2010, 00:42 #6
scusa la franchezza ma sostenere che Internet Explorer non ha mai danneggiato qualcuno è sintomo di grande ignoranza informatica.
E' meglio che ti ripassi la storia di internet degli ultimi 15 anni per capire un pò di cose.
Mde7930 Novembre 2010, 12:10 #7
Anche google sta danneggiando tutte le società che danno a pagamento quello che loro danno gratis.
Piccolo esempio i navigatori che sopravvivano solo perchè google maps non permette di utilizzare una versione offline ma già hanno avuto un grosso calo nei guadagni
PyЯamid Head30 Novembre 2010, 17:28 #8
Originariamente inviato da: Pier de Notrix
Google sta fagocitando pezzo per pezzo tutto...
mi sa che l'AntiTrust dovrebbe fare qualcosa.


http://www.hwfiles.it/news/l-antrit...ogle_34611.html



Buon Natale

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^