HP, al ribasso le stime di utile e le azioni crollano

HP, al ribasso le stime di utile e le azioni crollano

Il completamento della fase di ristrutturazione sarà piuttosto lungo per HP, che dovendo ritoccare verso il basso le stime per l'anno fiscale 2013 vede il valore delle proprie azioni al minimo dal novembre 2002

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:11 nel canale Mercato
HP
 

In occasione dell'incontro annuale con azionisti ed analisti a San Francisco, HP ha avuto modo di illustrare le proprie priorità strategiche per il futuro assieme ad una roadmap dettagliata di medio e lungo termine che possa portare una svolta alle finanze della compagnia.

Il CEO Meg Whitman ha sottolineato il passi avanti compiuti negli ultimi anni per stabilizzare il business e gettare le fondamenta per una svolta. La compagnia è ora ben posizionata per estendere la propria presenza nei principali ambiti che attualmente trainano gli investimenti IT, ovvero il cloud computing, l'information optimization e la sicurezza delle informazioni.

Durante il mese di maggio HP ha dato il via ad una ristrutturazione di lngo termine che ha lo scopo di riallineare i costi e di creare le adeguate capacità di investimento che guidino l'innovazione verso le priorità strategiche, per rafforzare la leadership sul mercato e per ricostruire il bilancio fornendo valore agli investitori.

Meg Whitman ha tuttavia affermato che l'utile per il 2013 non rispetterà le stime e che la svolta non potrà arrivare in tempi brevi. "Le recenti prestazioni di HP non sono state buone. Ci vorrà molto più tempo per rimettersi sulla giusta strada, più di quanto ciascuno di noi vorrebbe". Le dichiarazioni della Whitman hanno fatto calare il valore delle azioni HP, che con un -13% ha chiuso a 14,91 dollari toccando il minimo sin dal novembre del 2002.

"Il prossimo sarà un anno di consolidamento e ricostruzione. L'innovazione è viva e prosegue bene in HP. Abbiamo però bisogno di lavorare sodo perché le idee possano essere concretizzate e commercializzate sul mercato più velocemente" ha osservato Whitman. E' infatti opportuno osservare che HP, nonostante le difficoltà interne e il difficile scenario esterno, ha continuato a mantenere vive le spese per le attività di ricerca e sviluppo, fattore che avrà ripercussioni positive sul lungo termine ma che probabilmente contribuisce al mancato raggiungimento delle previsioni per l'anno fiscale 2013.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
PhoEniX-VooDoo04 Ottobre 2012, 10:27 #1
abbiamo licenziato un sacco di gente, va tutto bene ma andiamo male.

bene
maxmax8004 Ottobre 2012, 10:58 #2
aziende simili dovrebbero commissariarle per tutelare i dipendenti & mandare in galera gli amministratori dissennati che hanno contribuito ad una politica di sviluppo inutilmente espansionistica, lussurriosa & spendacciona in tutti gli anni passati..

le aziende umili che hanno fatto scelte prudenti e ponderate senza badare troppo all' apparenza saranno quelle che avranno più possibilità di sopravvivenza...

certo che se HP decide pure di investire nella più grande bufala di questi anni, il cloud computing, sarà un' ulteriore voce che prossimamente farà aumentare il passivo del gruppo..
aquistar04 Ottobre 2012, 12:22 #3
Originariamente inviato da: maxmax80
aziende simili dovrebbero commissariarle per tutelare i dipendenti & mandare in galera gli amministratori dissennati che hanno contribuito ad una politica di sviluppo inutilmente espansionistica, lussurriosa & spendacciona in tutti gli anni passati..

le aziende umili che hanno fatto scelte prudenti e ponderate senza badare troppo all' apparenza saranno quelle che avranno più possibilità di sopravvivenza...

certo che se HP decide pure di investire nella più grande bufala di questi anni, il cloud computing, sarà un' ulteriore voce che prossimamente farà aumentare il passivo del gruppo..


Io sono contro il clou computing.... ma dire che è una bufala proprio nò.

Purtroppo sarà il futuro che lo vogliamo o nò.
roccia123404 Ottobre 2012, 12:51 #4
Originariamente inviato da: aquistar
Io sono contro il clou computing.... ma dire che è una bufala proprio nò.

Purtroppo sarà il futuro che lo vogliamo o nò.


Il cloud come idea non è male, ma con l'upload ridicolo del 99% delle connessioni italiane non lo si riesce a sfruttare.
AD esempio a me piacerebbe fare backup in cloud dei dati a cui tengo, principalmente fotografie.
Problema: sono 180 gb di roba e ho 1 mega in upload. Per backuppare tutto dovrei fare upload 24/7 per quasi un mese .
aquistar04 Ottobre 2012, 14:24 #5
Originariamente inviato da: roccia1234
Il cloud come idea non è male, ma con l'upload ridicolo del 99% delle connessioni italiane non lo si riesce a sfruttare.
AD esempio a me piacerebbe fare backup in cloud dei dati a cui tengo, principalmente fotografie.
Problema: sono 180 gb di roba e ho 1 mega in upload. Per backuppare tutto dovrei fare upload 24/7 per quasi un mese .


Cosa vuoi che sia
sbudellaman04 Ottobre 2012, 15:06 #6
Originariamente inviato da: aquistar
Purtroppo sarà il futuro che lo vogliamo o nò.


Si ma parliamo di un futuro molto lontano, a meno di non voler forzatamente peggiorare l'esperienza d'uso e non di poco. Non è ancora il momento e non lo sarà finchè non avremo linee stabili e super-veloci... il che rende l'idea di quanto lontano stiamo parlando
Rudyduca04 Ottobre 2012, 17:10 #7
1 mega in upload e ti lamenti?
La mia connessione ha un up di 0,2 Megabit i media!
Grazie Alice per questa tecnologia profusa a piene mani!!!!!!!!
Salvatopo05 Ottobre 2012, 11:22 #8
Originariamente inviato da: roccia1234
Il cloud come idea non è male, ma con l'upload ridicolo del 99% delle connessioni italiane non lo si riesce a sfruttare.
AD esempio a me piacerebbe fare backup in cloud dei dati a cui tengo, principalmente fotografie.
Problema: sono 180 gb di roba e ho 1 mega in upload. Per backuppare tutto dovrei fare upload 24/7 per quasi un mese .


Hem... il cloud non è sinonimo di storage.
Il cloud di HP serve a fornire intere piattaforme a un cliente. Per esempio: un server RedHat 5.6 x64, con 128Gb di RAM, 12 cpu e storage di 6Tb per l'utilizzo come DBServer. Magari anche ridondato.
Questo è cloud.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^