HP e Oracle: 1-1 nella diatriba su Itanium

HP e Oracle: 1-1 nella diatriba su Itanium

Entrambe le aziende non hanno tenuto una condotta esemplare. Il giudice revoca il vincolo di segretezza su alcuni documenti, entrambe le compagnie esprimono soddisfazione, ma la partita è ancora da giocare

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:51 nel canale Mercato
HP
 

Una prima decisione della Core Superiore dello stato della California, contea di Santa Clara, sulla battaglia legale in corso tra HP ed Oracle legata all' "affaire-Itanium" sembra soddisfare entrambe le parti in causa, osservando come ambedue le aziende non abbiano mostrato una condotta completamente irreprensibile nelle vicende annesse al contenzioso.

La Corte ha infatti constatato, da un lato, come HP abbia cercato di occultare alcuni aspetti della rodamap di Itanium e i piani "End-of-Life" sia ai partner, sia ai propri impiegati, mentre dall'altro ha preso atto dell'ingiustificata prestesa di Oracle di rescindere dal contratto con HP per spingere le vendite di server Sun SPARC. Riportiamo di seguito le reazioni ufficiali delle due parti in causa:

HP - "HP è lieta che la Corte Superiore dello stato della California, contea di Santa Clara, abbia respinto le pretese di Oracle di rescindere il contratto con HP. Confidiamo di poter vedere i fatti resi pubblici che dimostrano come l'annuncio di Oracle del mese di marzo 2011 di sospendere lo sviluppo di software per server Itanium fosse parte di una strategia di business per spostare le vendite verso i server Sun. Questo dimostra inoltre il fatto che Oracle ha infranto il suo impegno contrattuale con HP e ha ignorato le sue promesse di supportare i nosti clienti comuni"

Oracle - "Oracle è lieta che la Corte Superiore dello stato della California, contea di Santa Clara, abbia respinto il tentativo di HP di nascondere la verità legata al termine dei prodotti Itanium ai clienti, partner e dipendenti. Confidiamo di vedere tutti gli elementi resi pubblici a dimostrazione di come HP conoscesse da anni il destino di Itanium".

La Corte ha però disposto che determinati documenti consegnati al tribunale da ambedue le realtà e posti sotto vincolo di segretezza, vengano resi pubblici. E' in questo modo che sia HP, sia Oracle sono convinti di poter smascherare le reciproche slealtà: nella fattispecie la prima sostiene che la sospensione dello sviluppo di software per Itanium da parte di Oracle facesse parte di una strategia pianificata da tempo, e portata avanti anche dai responsabili vendite della compagnia di Redwood Shores che avrebbero instillato dubbi e paure nei propri clienti.

Di contro Oracle sostiene che il destino segnato di Itanium fosse conosciuto da HP già da molto tempo e che la compagnia abbia composto roadmap artificiose per mostrare ai propri clienti un orizzonte temporale della vita di Itanium più esteso di quanto in realtà non fosse. Secondo Oracle, inoltre, questa strategia sarebbe stata composta a tavolino anche con l'aiuto di Intel (dietro il pagamento di somme di denaro da parte di HP), pianificando il rilascio delle soluzioni Kittson in due fasi (una prima versione "castrata" ed una seconda versione al pieno delle funzionalità e prestazioni) per creare l'illusione di una roadmap di maggiore durata.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^