I risultati del Q1 2013 di Intel spiegano il difficile mercato dei PC

I risultati del Q1 2013 di Intel spiegano il difficile mercato dei PC

Intel chiude i primi 3 mesi del 2013 con un fatturato in calo rispetto ai trimestri precedenti, ma ancora capace di un utile netto di 2 miliardi di dollari. L'andamento economico dell'azienda è speculare a quello del mercato dei PC, con una domanda consumer in forte contrazione

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 08:31 nel canale Mercato
Intel
 

Un chiaro indicatore del momento di difficoltà del settore dei PC nel complesso viene dai risultati finanziari registrati da Intel nel corso dei primi 3 mesi del 2013. L'azienda americana ha infatti totalizzato vendite per 12,6 miliardi di dollari, in calo sia rispetto allo stesso periodo dello scorso anno sia con riferimento agli ultimi 3 mesi del 2012.

Il risultato finale è in ogni caso positivo, con un utile netto pari a 2 miliardi di dollari, ma nel confronto con i trimestri precedenti è evidente la contrazione di questo indicatore. Un anno fa il risultato in termini di utile netto era stato pari a 2,7 miliardi di dollari, con un valore di 2,5 miliardi di dollari per il quarto trimestre 2012.

Analizzando in dettaglio l'andamento delle divisioni interne di Intel segnaliamo come il PC Client Group abbia registrato una contrazione del fatturato pari al 6%; per quello Other Intel Architecture Group la diminuzione ha raggiunto il 9%. In controtendenza le vendite della divisione Data Center Group, con un +7,5% rispetto a quanto registrato nel primo trimestre 2012.

Questi dati confermano come le difficoltà del settore dei PC siano legate agli acquisti da parte dei clienti consumer, sempre più indirizzati verso soluzioni di tipo mobile, e non all'andamento degli acquisti del settore professionale e dei clienti aziendali. Questi ambiti sono giunti, dopo anni di contrazione negli acquisti di infrastruttura IT, ad una fase di completo rinnovamento nel parco macchine e quindi ad una spinta verso l'acquisto di nuove soluzioni.

Le previsioni per il secondo trimestre 2013 non sono incoraggianti: Intel prevede un fatturato compreso tra 12,4 e 13,4 miliardi di dollari, con margine operativo lordo compreso tra il 565 e il 60%. Se confermati questi dati risulteranno essere inferiori a quanto registrato da Intel nel secondo trimestre 2012, periodo nel quale l'azienda americana aveva chiuso con 13,5 miliardi di dollari di fatturato e margine operativo lordo del 63,4%.

Intel si attende un andamento più positivo per la seconda metà dell'anno, con una crescita finale nell'esercizio che dovrebbe risultare positiva benché limitata a pochi punti percentuale rispetto a quanto ottenuto nel corso dello scorso anno.

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Notturnia17 Aprile 2013, 08:42 #1
colpa mia :-D

ma entro l'estate prendo un ultrabook e per fine anno aggiorno un computer.. quindi comprerò due cpu intel.. abbiate pazienza che arrivo :-D

2 miliardi di utile..... stica..
PhoEniX-VooDoo17 Aprile 2013, 09:11 #2
Non capisco quste analisi, io non sono un genio dell'economia ma mi pare di capire che si dia per scontato che tutti i costi di intel siano sempre identici di anno in anno e quindi l'unica variabile e la quantità di prodotti venduti? Vi pare verosimile?

Intel negli ultimi mesi non ha mica aperto nuove Fab? Non sta investendo in prodotti come Xeon Phi ecc. che non stanno ancora generando profitti ma per ora hanno solo costi?

cmq c'e un errore nel quinti paragrafo
con margine operativo lordo compreso tra il 565 e il 60%.
Malek8617 Aprile 2013, 09:31 #3
Originariamente inviato da: PhoEniX-VooDoo
Intel negli ultimi mesi non ha mica aperto nuove Fab? Non sta investendo in prodotti come Xeon Phi ecc. che non stanno ancora generando profitti ma per ora hanno solo costi?


I costi che devono generare ricavi in periodi pluriennali, vengono ammortati equamente nei periodi successivi (mi pare).
trapanator17 Aprile 2013, 09:39 #4
I tempi sono cambiati: non esiste più il monopolio Wintel.
freddy7917 Aprile 2013, 09:48 #5
il mercato pc è saturo, si rassegnino, colpa anche loro che fanno ottime cpu ma i margini di incremento delle prestazioni si riducono sempre di più, io ho ancora un ottimo i5 750, ho saltato sandy e ivy e probabilmente salterò anche haswell,con qualche piccolo upgrade (ssd,ram) ci faccio tutto quello che mi serve, cambiare ogni anno può essere utile al professionista o al videogiocatore incallito, ma sono una percentuale insignificante nel mercato
Pat7717 Aprile 2013, 10:01 #6
2 miliardi di utile contro i 2.7 e 2.5 di prima
Direi che si staranno struggendo LOL
Malek8617 Aprile 2013, 10:06 #7
Originariamente inviato da: Pat77
2 miliardi di utile contro i 2.7 e 2.5 di prima
Direi che si staranno struggendo LOL


Seriamente parlando, credo che effettivamente siano un po' preoccupati. Il calo non sembra temporaneo, ma destinato a perdurare. E gli sforzi di Intel per entrare nel nuovo settore mobile per ora non hanno dato frutti degni di nota.
Kino8717 Aprile 2013, 10:26 #8
Beh, visto il periodo economico in termini generali direi che una contrazione di questo tipo sia più che normale, anzi, direi che se la sta passando decisamente meglio di molti altri.
Fra l'altro il mercato pc sta passando da una fase "gonfiata" (chi si ricorda del boom di Atom in termini generali?) ad un periodo di sofferenza (adesso c'è il boom di tablet, perlopiù su architettura ARM, che hanno preso esattamente il posto che avevano i netbook), ma la vedo più come una "moda" destinata non a sparire ma ad attenuare la sua influenza sul mercato PC nell'arco di un anno o due a partire da ora.

In fondo il problema è intrinseco nella tecnologia stessa, Intel e l'architettura x86 ha guadagnato tanto nel mercato professionale negli ultimi anni per lo stesso motivo per cui sta perdendo nel mercato consumer. La verità è che i processori, nati per l'uso consumer, si sono evoluti talmente tanto da poter essere impiegati in ambito server-workstation-supercomputing (cosa che un tempo veniva affidata ad architetture decisamente più prestanti) ma allo stesso tempo sono arrivati ad essere assolutamente sovradimensionati per l'uso che il 90% delle persone fanno nel quotidiano di un PC.. e a quel punto perché pagare 200€ solo per un processore in grado di far cose che non mi servono quando un SOC arm che costerà 1/5 mi permette di svolgere quasi allo stesso modo quelle funzioni?

La soluzione secondo me sarebbe quella di virare il paradigma di utilizzo del pc da quello attuale all'integrazione domotica, avendo una specie di server centrale in ogni casa accessibile contemporaneamente da più terminali (fissi o mobili che siano) e che regola tutte le funzioni della casa, è l'unico modo per cui potrei giustificare la potenza messa a disposizione da un moderno processore desktop di fascia media e alta per un qualsiasi utente che non lo usi per attività lavorative e/o per il gaming hardcore, ma d'altra parte non è uno sfrozo che riguarda tanto Intel quanto i produttori di software e hardware, e ad intel probabilmente conviene vendere 3 processori da notebook piuttosto che 1 da server e 5 in stile atom per il controllo dei vari terminali.
AceGranger17 Aprile 2013, 10:51 #9
Hanno sottovalutato il mercato mobile che ha subito un cambio repentino che secondo me non si aspettavano; Atom è rimasto stagnante per troppo tempo ed ora si è ovviamente svegliata e ha accorciato la tabella di aggiornamento specialmente sotto il profilo del processo produttivo, visto che fino ad ora lo facevano uscire in ritardo...

per compensare le minori CPU e tenere a regime le fabbriche andra ad aumentare la produzione di chip conto terzi.
sundraw8317 Aprile 2013, 14:47 #10
Il mercato oem sta facendo molto male sia ad intel che amd, i grandi centri commerciali non vendono più pc assemblati dai grandi marchi internazionali.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^