I video domineranno il consumo della banda web

I video domineranno il consumo della banda web

Come evolve l'utilizzo della rete in termini di bandwidth? Cisco stima i tassi di crescita per i prossimi anni, con l'utilizzo del contenuti video quale protagonista del mercato

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 08:33 nel canale Mercato
Evolve
 

Interessanti risultati quelli ai quali è giunta Cisco con la propria ricerca Visual Networking Index (VNI) Forecast, con la quale si è cercato di capire come evolverà il traffico internet nel corso del quinquennio 2009-2014 così da poter avere infrastrutture in grado di far fronte alla mole di dati che transiterà nella rete delle reti nei prossimi anni.

Le stime sono molto interessanti: entro il 2014 il traffico Internet raggiungerà i 767 exabyte, valore che rappresenta un incremento di 10 volte rispetto a quanto registrato nel corso del 2008. A contribuire alla crescita del volume di traffico l'utilizzo di video in streaming, responsabili per circa il 91% del traffico IP globale entro l'anno 2014. I circa 65 exabyte di traffico IP previsti ogni mese nel corso dell'anno 2014 equivalgono al contenuto di dati di 16 miliardi di supporti DVD.

La diffusione di strumenti video sul web e il loro utilizzo da parte della stragrande maggioranza degli utenti è del resto un trend di mercato ben evidente, complice anche la facilità con la quale i video via web possono essere riprodotti non solo da PC ma anche da altre tipologie di dispositivi: a partire dai tablet e dagli smartphone sino a prodotti di elettronica di consumo. Per la fine del 2010 il traffico video supererà, in aggregato, quello peer-to-peer, attualmente ancora responsabile della maggior parte della banda web utilizzata a livello globale.

Il messaggio che Cisco manda agli operatori del settore è quindi quello di studiare con attenzione i trend di traffico web evitando di essere colti impreparati, bilanciando la propria infrastruttura di rete soprattutto se il tipo di servizio che viene fornito è legato a nuove modalità di fruizione dei contenuti via web, come i video, che sono fortemente dipendenti dalla banda e che ne consumano un quantitativo molto elevato.

E' da segnalare come le stime fornite da Cisco indichino l'America Latina, il Medio Oriente e Africa e l'Europa centrale come le regioni globali che registreranno i più elevati tassi di crescita nei consumi di banda. In termini assoluti il Nord America sarà la regione globale con il più elevato consumo complessivo, contribuendo con il 29,6% sul consumo complessivo per l'anno 2014.

22 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
elevul14 Giugno 2010, 08:51 #1
Il messaggio che Cisco manda agli operatori del settore è quindi quello di studiare con attenzione i trend di traffico web evitando di essere colti impreparati, bilanciando la propria infrastruttura di rete soprattutto se il tipo di servizio che viene fornito è legato a nuove modalità di fruizione dei contenuti via web, come i video, che sono fortemente dipendenti dalla banda e che ne consumano un quantitativo molto elevato.


Sicomeno.
Come al solito, invece di potenziare le infrastrutture, metteranno limiti di banda più stringenti e buonanotte.
Tanto vendono lo stesso...
Sig. Stroboscopico14 Giugno 2010, 09:31 #2
Concordo.
Telecom Italia ha sempre detto chiaro e tondo che l'Italia non ha stretta necessità di ampliare e potenziare la rete, visto che è in regime di monopolio e che la 640 è più che sufficiente e pienamente vendibile come banda larga.

GRazie, veramente grazie Telecom Italia!
lucusta14 Giugno 2010, 09:35 #3
il reale problema e' che non hanno considerato una variabile inpropria: legislazione (lobbystica).
tra' 3 anni P2P sara' 1/10 e la crescita del video streaming e' dovuta esclusivamente alla crescente fruizione di contenuti protetti da copyright, che andranno man mano a sparire per filtraggio ed azioni legali contro i vari portali di aggergati.
lo streaming on line di contenuti a pagameno... bhe', ci vorra' un po' per farlo affermare, soprattutto perche' all'inizio vorranno farlo pagare con i contenuti con supporto; solo in seguito, quando si scontreranno con la realta' di un mercato dallo stampo delle "compagnie delle indie" che vende pero' prodotti di cui si puo' fare tranquillamente a meno, capiranno che un film in qualita' SD o qualita' fullHD ha comunque lo stesso valore di mercato, ed e' comunque molto piu' basso di quanto loro vogliono farlo pagare... di media tradizionali trasportati sulla rete (la classica TV a contenitori), e' un'idea tradizionalista... on demand e' la via giusta.
crescera', ma non di 10 volte... se rinnovano parte delle infrastrutture (perche' 2/3 dei gateway e dei DNS gia' sono lentucci), forse riuscira' a crescere di 3 o 4 volte.
Enriko8114 Giugno 2010, 09:41 #4
ogni tanto guardo qualcosa in streaming ma mi viene da vomitare dal mal di pixel....
se pago (1 o 2 euro , di piu non vale) non voglio avere mer.d.a, deve essere di qualità il video , almeno 720p!!
Senryu_9114 Giugno 2010, 09:48 #5
Enriko, per quello c'è il blu-ray, chi mi viene a paragonare il video in streaming che ha un bitrate 1000 volte inferiore ad un BD, gli spacco la testa (e vuol dire che non ha MAI VISTO la qualità che un un BD)

mi fanno ridere tutti quegli ignoranti che gridano all'inutilità del BD. (che a rapporto di costi è molto piàù conveniente delle memorie flash)
masty_<314 Giugno 2010, 10:05 #6
Originariamente inviato da: Sig. Stroboscopico
Concordo.
Telecom Italia ha sempre detto chiaro e tondo che l'Italia non ha stretta necessità di ampliare e potenziare la rete, visto che è in regime di monopolio e che la 640 è più che sufficiente e pienamente vendibile come banda larga.

GRazie, veramente grazie Telecom Italia!


Ma che schifo, gli altri stati REGALANO connessioni mentre noi non solo paghiamo ma ci becchiamo pure la mer... delle connessioni... Italia
Marcus Scaurus14 Giugno 2010, 10:09 #7
Originariamente inviato da: Senryu_91
Enriko, per quello c'è il blu-ray, chi mi viene a paragonare il video in streaming che ha un bitrate 1000 volte inferiore ad un BD, gli spacco la testa (e vuol dire che non ha MAI VISTO la qualità che un un BD)

mi fanno ridere tutti quegli ignoranti che gridano all'inutilità del BD. (che a rapporto di costi è molto piàù conveniente delle memorie flash)


Non vorrei dire una cosa ovvia, ma la qualità video non dipende dal supporto. Un video streaming può pure essere come un video Bd... E' per questo che serviranno infrastrutture migliori. Per trasmettere cose di qualità molto più elevata.

Tornando IN: ringrazio Cisco per l'ovvia previsione, ma tanto qui da noi cambierà ben poco. E se pure arrivasse a tutti l'agognata 20mb, tanto non ci sarebbe una piattaforma on-demande degna e a un prezzo ragionevole. per cui, tutto fiato sprecato...
Soul9114 Giugno 2010, 10:20 #8
è inutile che arrivi a tutti la 20mb quando poi effettivi saranno 10-12 mb...e considerando che le linee sono sempre quelle aumentare il traffico di banda significa solo più caos e disconnessioni per tutti...
qui bisogna mettere linee nuove, magari in fibra ottica, solo così l'infrastruttura delle comunicazioni potrà reggere bene tanta gente che si guarda video in HD da casa e senza che vadano a scatti...
Spantegu14 Giugno 2010, 10:21 #9
non ha più senso il p2p online quando esistono schedine microSD da 32 GB
ci stanno 100 CDs compressi FLAC.
Shady 91'14 Giugno 2010, 10:39 #10
come continuo a sostenere da diverso tempo ormai abbiamo Nokia dalla nostra parte per quanto riguarda la musica (almeno per ora).

10€ al mese e scarichi tutto quello che vuoi con qualità....e questo significa che tutti potremo contribuire all'aumento di traffico anche solo utilizzando questo servizio (mp3 che di media vanno tra i 7 e gl 8 mb). altro che p2p


Per la questione video credo sia complice youtube. La possibilità di caricare video in Full hd e fotocamere hd al prezzo di pochissime centinaie di euro unite al fenomeno facebook faranno il resto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^