IBM acquisisce Weather Company, dal cloud alle nuvole

IBM acquisisce Weather Company, dal cloud alle nuvole

Lo scopo è quello di incrociare le capacità analitiche di Watson con la grande mole di dati che Weather Company raccoglie ogni giorno per elaborare previsioni più accurate e decisioni meglio informate

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:11 nel canale Mercato
IBM
 

Per IBM il cloud è anche una questione di... nuvole: nel corso della giornata di ieri l'azienda ha infatti annunciato l'acquisizione della maggior parte degli asset di Weather Company, inclusa la più conosciuta rete televisiva The Weather Channel. L'idea di IBM è quella di abbinare le sue capacità di intelligenza artificiale incarnate da Watson con il grande database di dati meteo che Weather Company ha raccolto nel corso degli anni. Non sono stati rivelati i dettagli finanziari dell'accordo.

Weather Company include altri servizi online come weather.com, wunderground.com e intellicast.com e per le sue attività raccoglie informazioni tecnologiche da oltre 40 milioni di smarthpone e 50 mila voli civili al giorno. I dati vanno a supportare sia la stessa app di Weather Company, sia circa 26 miliardi di richieste di terze parti ogni giorno. David Kenny, presidente e CEO di The Weather Company, ha commentato: "Abbiamo la visione che la prossima ondata di previsioni migliorate derivi dall'intersezione della scienza atmosferica, dell'informatica e dell'analitica".

L'integrazione che avverrà a seguito dell'operazione di acquisizione permetterà di combinare il grande quantitativo di informazioni in possesso di Weather Company con le capacità anlitiche di Watson per aiutare le aziend e gli utenti a prendere decisioni pù accurate. Per esempio l'analisi delle previsioni metereologiche con dati recuperati da social media, i flussi dei trasporti, le attività degli esercizi commerciali potrebbe consentire di anticipare la necessità di merci o servizi per momenti particolari, oppure le compagnie aeree potrebbero ottimizzare il consumo di carburante o meglio prevedere eventuali ridtardi.

E' meno chiaro però il futuro del canale televisivo The Weather Channel, il prodotto più noto di Weather Company e che non rientra nell'accordo di acquisizione. La rete televisiva ha avuto qualche difficoltà negli ultimi anni a delineare il giusto bilanciamento tra previsoni, commenti al meteo e programmazione di intrattenimento. Secondo i dati recuperati da Nielsen, il numero medio di spettatori in prima serata è calato del 22% dal 2011 al 2014 a 225 mila. Del resto il pubblico ormai si rivolge sempre di più al proprio smartphone per avere previsioni più immediate e la consultazione di un canale televisivo a questo scopo appare un po' anacronistica.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^