IBM e Infineon pronte a cedere Altis Semiconductor

IBM e Infineon pronte a cedere Altis Semiconductor

La joint venture partecipata da IBM e Infineon potrebbe presto diventare una realtà indipendente per la produzione contract

di Andrea Bai pubblicata il , alle 13:30 nel canale Mercato
IBM
 

Altis Semiconductor, joint-venture partecipata da IBM e da Infineon AG, sembra essere indirizzata ad un futuro di completa indipendenza in qualità di produttore contract di semiconduttori. IBM e Infineon hanno infatti intenzione di cedere Altis non prima, tuttavia, di metterla nelle condizioni adatte per poter confrontarsi adeguatamente con le altre realtà produttive.

"Il progetto è quello di trasformare Altis in una fonderia. Garantiremo per determinati volumi di produzione ma ulteriori volumi saranno generati attraverso le attività proprie di fonderia di Altis. IBM e Infineon forniranno ad Altis un assortimento di buone tecnologie" ha dichiarato il CEO di Infineon, Peter Bauer, in un intervista al sito web EE Times.

Attualmente Altis Semiconductor è in grado di fabbricare chip con processo produttivo a 130 nanometri e per questo motivo non può andare ad interessare alcun cliente di rilievo. Per poter affrontare la produzione di chip con processi più affinati, Altis ha sostanzialmente bisogno di due elementi: nuova proprietà intellettuale e nuovi macchinari. Se la prima rappresenta un problema relativo, in quanto sarà fornita dalle due parent company impegnate nella joint-venture, la seconda potrebbe essere un nodo non di poco conto.

Gli strumenti di produzione per processi avanzati hanno infatti un costo particolarmente elevato e un adeguato piano di ammortamento implica che tali macchinari lavorino a pieno regime. Attualmente Altis non dispone di un bacino d'utenza tale da poter giustificare una produzione a pieni volumi.

IBM e Infineon stanno portando avanti una trattativa con Germain Djouhri, imprenditore che ha mostrato l'interesse nell'investimento di 79 milioni di euro nel progetto. L'accordo dovrebbe. L'accordo dovrebbe potersi concludere positivamente nel giro di poche settimane, secondo le indicazioni fornite dall'executive vice president di Infineon, Reinhard Ploss.

"I dettagli del contratto saranno resi noti molto presto, ma non possiamo annunciare nulla oggi" ha detto Ploss. In realtà il vero interrogativo è capire quanto Altis potrà essere in grado di competere con compagnie come TSMC, UMC o Globalfoundries.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LCol8420 Novembre 2009, 14:07 #1
Ad oggi quale è la fonderia più avanzata? Intel? TSMC? Questa o GF?
marinese20 Novembre 2009, 14:11 #2
Beh, quella che lavora a regime con i valori più bassi. Ad oggi credo sia quella che lavora per Intel, ma potrei dire una castroneria..
LCol8420 Novembre 2009, 14:17 #3
Che intendi con valori più bassi?
g.luca86x20 Novembre 2009, 14:20 #4
il processo più affinato dovrebbe essere il 32nm di intel. Di altro in produzione in volumi di più piccolo non c'è! Piuttosto qui sembra che la moda attuale sia quella di far spuntare fonderie di silicio come funghi, come se i macchinari e le fabbriche li regalassero... GF non ha preventivato 6 miliardi di dollari per la sua nuova fabbrica di New York? Non è che si possono fare i craker o i loaker coi wafer di silicio... Tutti che sono fiduciosi di reperire grossi ordini di volumi in giro! Boh...
cionci20 Novembre 2009, 15:01 #5
Un investimento in una fab è a medio termine, non certo a breve. Ecco perché sono tutti fiduciosi
marinese20 Novembre 2009, 15:10 #6
X LCol84

Ti hanno risposto prima di me.. Intendevo il processo più raffinato, valore basso processo più raffinato.
Ciao.
leptone20 Novembre 2009, 17:21 #7
e samsung ha fonderie proprie?
Elisis21 Novembre 2009, 16:09 #8
yes... basta che guardi wikipedia =)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^