IBM e Samsung collaborano per abbattere la barriera dei 20nm

IBM e Samsung collaborano per abbattere la barriera dei 20nm

Le due realtà stringono un accordo di ricerca e sviluppo congiunto per la realizzazione di tecnologie di processo e l'impiego di materiali per superare i 20 nanometri

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:06 nel canale Mercato
SamsungIBM
 

Nel corso della giornata di ieri IBM e Samsung hanno annunciato di aver avviato una collaborazione nell'ambito della la ricerca di base per nuovi materiali semiconduttori, processi produttivi e altre tecnologie. L'accordo impegna le due realtà a sviluppare congiuntamente nuove tecnologie di processo per semiconduttori (con lo scopo di superare la barriera dei 20 nanometri) che possano essere impiegati in una vasta gamma di applicazioni, con particolare attenzione a smartphone e infrastrutture di comunicazione.

Michael Cadigan, general manager IBM Microelectronics, commenta: "L'innovazione collaborativa risulterà critica se l'industria semiconduttori continuerà ad avere il compito di delineare nuove forme di elettronica di consumo e nuovi metodi di computazione. Siamo entusiasti di poter avere gli scienziati di Samsung a collaborare con noi negli stadi fondamentali del processo di ricerca e sviluppo".

Per la prima volta i ricercatori Samsung lavoreranno a stretto contatto con gli scienziati IBM nel contesto della Semiconductor Research Alliance presso l'Albany Nanotech Complex, dove i ricercatori lavoreranno alla ricerca di nuovi materiali e nuove strutture di transistor, nuove soluzioni di interconnessone e packaging per la prossima generazione di processi produttivi. Gli sviluppi di ricerca provenienti da questa attività congiunta consentiranno di realizzare nuovi chip ottimizzati per prestazioni, consumo e dimensioni.

"Siamo lieti di avere i nostri migliori scienziati coinvolti nella ricerca d'avanguardia presso l'Albany Nanotech Center. Questa iniziativa migliorerà ulteriormente i nostri sforzi congiunti per proseguire la leadership tecnologica nel futuro" ha dichiarato ES Jung, senior vice president technology development della divisione System LSI di Samsung Electronics.

L'accordo tra le due compagnie rinnova inoltre il JDA (joint process development agreement) già in essere tra IBM e Samsung per nodi multipli a partire a 20nm. Le soluzioni comuni per tecnologie CMOS a 20 nanometri saranno presentate in occasione del Common Platform Technology che avrà luogo a Santa Clara Convention Center a partire dal 18 gennaio 2011.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
iorfader13 Gennaio 2011, 10:08 #1
non mi dite che avete usato il traduttore di google per il messaggio del tizio ibm....dai si capisce benissimo che è così
Michael Cadigan, general manager IBM Microelectronics, commenta: "L'innovazione collaborativa risulterà critica critica se l'industria semiconduttori continuerà ad avere il compito di delineare nuove forme di elettronica di consumo e nuovi metodi di computazione. Questo è perché ni siamo entusiasti di avere Samsung scienziati lavorare con noi ai più fondamentali stadi del processo di ricerca e sviluppo".
albythebest13 Gennaio 2011, 10:37 #2
Originariamente inviato da: "
non mi dite che avete usato il traduttore di google per il messaggio del tizio ibm....dai si capisce benissimo che è così

Se fosse google translator non ci sarebbero errori di battitura ("critica critica" e "ni". A me sembra solo una traduzione grezza fatta in più step da qualcuno.
Piantatela di rompere le scatole alla gente.
Alekos Panagulis13 Gennaio 2011, 11:19 #3
Originariamente inviato da: albythebest
Se fosse google translator non ci sarebbero errori di battitura ("critica critica" e "ni". A me sembra solo una traduzione grezza fatta in più step da qualcuno.
Piantatela di rompere le scatole alla gente.


Bhè se non è di google è fatta veramente con i piedi ed è perfettamente legittimo farlo notare.
Ci sono degli errori di battitura che fanno pensare a una distrazione, e un errore di sintassi ("Samsung scienziati" che fa pensare a un traduttore automatico. Scusa ma il più importante sito di IT d'Italia che pubblica una notizia in questo modo fa venire i brividi.
iorfader13 Gennaio 2011, 11:39 #4
Originariamente inviato da: albythebest
Piantatela di rompere le scatole alla gente.

come non quotarti
Originariamente inviato da: Alekos Panagulis
Bhè se non è di google è fatta veramente con i piedi ed è perfettamente legittimo farlo notare.
Ci sono degli errori di battitura che fanno pensare a una distrazione, e un errore di sintassi ("Samsung scienziati" che fa pensare a un traduttore automatico. Scusa ma il più importante sito di IT d'Italia che pubblica una notizia in questo modo fa venire i brividi.


appunto...ci sono rimasto male se permetti..frequento sto sito da troppo tempo e ultimamente si sta degradando davvero troppo.
terminator02213 Gennaio 2011, 14:28 #5
Ibm conferma il suo primato tecnologico in proprietà intellettuali. Lontano dai flash dei media, si conferma una delle società più profittevoli.
Il suo utile annuo è pari alla metà del fatturato di Google
ArteTetra13 Gennaio 2011, 22:16 #6
Originariamente inviato da: terminator022
Il suo utile annuo è pari alla metà del fatturato di Google


Hai scelto l'esempio sbagliato. Quello che hai detto è vero, ma c'è anche da dire che Google fa la metà dell'utile di IBM con solo un quarto del fatturato.
Inoltre, IBM ha 17 volte più collaboratori di Google (400'000 contro 23'000).

Sono due aziende molto diverse.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^