IBM: record di brevetti nel 2010

IBM: record di brevetti nel 2010

Big Blue registra, nel solo anno 2010, quasi 6 mila brevetti: il futuro di IBM è solo ricerca?

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:25 nel canale Mercato
IBM
 

L'ufficio brevetti USA ha riconosciuto ben 219614 brevetti nel corso del 2010, un volume che rappresenta il 31% in più rispetto al numero di brevetti riconosciuti nel corso del 2009, nonché il più singificativo incremento su base annuale.

Darlene Slaughter, general manager di IFI Claims Patent Services che ha curato l'analisi, ha commentato: "La situazione dell'economia non sembra aver rallentato il flusso dei brevetti negli Stati Uniti. C'è ancora un arretrato di brevetti in attesa, ma il numero delle concessioni continua a crescere anche dopo un periodo di recessione economica"

Per il diciottesimo anno consecutivo IBM continua a dominare la classifica, con l'impressionante volume di 5896 brevetti registrati solamente nel 2010, con una crescita del 20% rispetto al 2009. Alle spalle di IBM si posiziona Samsung, con 4551 brevetti depositati ed un incremento del 26% rispetto all'anno precedente e, a completamento del podio, vi è Microsoft in terza posizione con 3094 brevetti ed un incremento del 6,5%. IBM, inoltre, è la prima realtà ad infrangere il record di oltre 5000 brevetti registrati in un solo anno di attività.

Apple, Qualcomm e NEC sono invece le aziende che stabiliscono il podio delle maggiori crescite, in termini di registrazione di brevetti. La Mela ne registra 563, con un incremento del 94% rispetto al 2009 e si piazza in 46esima posizione. Qualcomm registra una crescita dell'84% con 657 brevetti depositati, che la collocano al 41esimo posto, mentre NEC, alla 39esima posizione e con 680 brevetti, segna una crescita del 74%.

Le aziende statunitensi hanno, complessivamente, registrato il 50,3% di tutti i brevetti, seguite dalle aziende giapponesi con il 21,3%. La Corea è ad un distante terzo posto con il 5,4% e tallonata dalla germania al 5,2%. A seguire Taiwan, con Hon Hai Precision Industry, altresì nota come Foxconn, che al 13esimo posto ha registrato 1438 brevetti, il 44% in più di quanto depositato nel 2009.

Il primato di IBM non fa che confermare la tendenza, già rilevata qualche mese fa, della compagnia a concentrarsi maggiormente sulle attività di ricerca rispetto a quelle di pura produzione. In questo modo IBM sta costruendo una roccaforte attorno alle proprie tecnologie, in maniera tale che chiunque voglia utilizzarle debba obbligatoriamente passare per accordi di licenza, con i quali Big Blue può facilmente batter cassa.

20 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
aeternal11 Gennaio 2011, 17:37 #1
al di la di tutto il fattore economico. Per fortuna c'è qualcuno che ancora crede nella ricerca. Sarà strano ma sono orgoglioso del costante puntare alla ricerca operato da IBM. Frasi come "e' il futuro" oggigiorno sono quasi più adeguate a riviste di moda ma rimane stramaledettamente vero. Se il nostro desiderio è di continuare ad essere ciò che siamo allora bene, non ci serve la ricerca. Ma se qualcosa lo vogliamo cambiare allora tocca darci dentro.
Unrealizer11 Gennaio 2011, 17:47 #2
Impressionante la mole di brevetti di IBM...

Da notare la situazione di Microsoft e Apple... 3094 brevetti contro 563, con un incremento da parte di Apple del 94%... Nel 2009 Apple ha depositato poco più della metà dei brevetti del 2010
iorfader11 Gennaio 2011, 17:57 #3
all'ibm è pieno di mostri!!! impressionante ogni volta
Zerk11 Gennaio 2011, 21:35 #4
Quanto costerà registrare un brevetto?
Capozz11 Gennaio 2011, 21:39 #5
Originariamente inviato da: iorfader
all'ibm è pieno di mostri!!! impressionante ogni volta


Con l'infinità di soldi che guadagnano ogni anno possono permettersi di investire in ricerca cifre enormi che nessun altro può permettersi.
iorfader11 Gennaio 2011, 21:42 #6
Originariamente inviato da: Capozz
Con l'infinità di soldi che guadagnano ogni anno possono permettersi di investire in ricerca cifre enormi che nessun altro può permettersi.


un "sticazzi" è azzeccato stavolta
Freaxxx11 Gennaio 2011, 22:13 #7
Originariamente inviato da: flower79
maaaa l'Italia a quale gradino stà ?


abbiamo l'acqua corrente e luce nelle case: di cosa ti lamenti?
II ARROWS11 Gennaio 2011, 22:16 #8
Quando l'Italia inventava non c'erano i brevetti...

Piuttosto mi chiedo cosa cavolo abbiano brevettato... 5896 in un anno significa più di 16 brevetti al giorno, ovviamente senza contare i giorni non lavorativi in cui credo l'ufficio brevetti sia chiuso... perché contando anche questi salgono a circa 23 brevetti al giorno.
Capozz11 Gennaio 2011, 22:16 #9
Originariamente inviato da: flower79
maaaa l'Italia a quale gradino stà ?


Mi sa che non ci sta proprio
MesserWolf11 Gennaio 2011, 23:29 #10
Originariamente inviato da: flower79
maaaa l'Italia a quale gradino stà ?


Perchè le aziende brevettino e facciano tanta R&D devono essere grosse ... in italia ci mancano le grosse aziende (abbiamo qualcosa, ma poco).

Figurati che poi quando queste vogliono investire in italia noi facciamo di tutto per alienarcele discutendo sui 5 minuti di pausa in un mondo globalizzato

Cmq grande IBM

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^