IDC: i tablet rappresentano la principale opportunità di crescita del mercato

IDC: i tablet rappresentano la principale opportunità di crescita del mercato

Secondo IDC i sistemi tablet arriveranno a quota 22 milioni di pezzi nel 2011 nella sola area EMEA. Il mercato crescerà fino a 60 milioni nel 2015

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:22 nel canale Mercato
 

Secondo International Data Corporation, le soluzioni tablet multimediali hanno raggiunto un volume di consegne prossimo ai 6 milioni di pezzi nell'area di mercato EMEA nel 2010, ovvero pari ad un terzo delle vendite globali. Il settore dei media tablet ha beneficiato del successo di iPad di Apple, ed assiste ad una domanda in continua crescita, con la stessa IDC che prevede 22 milioni di tablet consegnati nella regione EMEA lungo tutto l'arco del 2011.

Per l'anno in corso, infatti, si prevede una particolare stimolazione della domanda grazie all'arrivo sul mercato di numerose soluzioni alternative al tablet della Mela, nonchè proprio la seconda generazione di iPad. L'adozione delle soluzioni tablet proseguirà con irruenza nell'Europa occidentale, mentre nelle regioni dell'Europa centrale e dell'est e in Medio Oriente ed Africa si verificherà un graduale aumento della domanda via via che i prodotti diventeranno disponibili.

Eszter Morvay, research manager della divisione EMEA Personal Computing di IDC, ha commentato: "IDC prevede che il mercato EMEA per i tablet possa più che triplicare nel 2011 raggiungendo 22 milioni di unità. Una pletora di nuovi prodotti è attesa arrivare sul mercato nei prossimi mesi e spingerà ulteriori buoyancy attoro alla categoria dei media tablet e creerà un vuoto nella domanda nella seconda metà del 2011, per il periodo back-to-school e la stagione delle festività di fine anno".

Apple ha chiaramente dominato il mercato nel 2010, con uno share dell'80%. Secondo IDC la compagnia è destinata a mantenere la leadership anche nel 2011. La competizione, tuttavia, si farà via via più intensa con l'approdo di nuovi prodotti sul mercato. Se, da un lato, numerosi vendor sono stati piuttosto rapidi a sviluppare ed annunciare i nuovi prodotti, una fetta consistente ha deciso di attendere il rilascio del nuovo sistema operativo Android 3.0 "Honeycomb" prima di introdurre le proprie novità. Di conseguenza la coreana Samsung è stata a tutti gli effetti l'unica concorrente principale di Apple nell'ultimo trimestre del 2010, con l'introduzione del Galaxy Tab da 7 pollici. Con l'arrivo di Honeycom, molte altre realtà note del panorama IT, tra cui spiccano Acer e Asus, farano il proprio ingresso sul mercato, mentre realtà come RIM e HP stanno sviluppando soluzioni basate su sistemi operativi proprietari BlackBerry OS e WebOS.

Karine Paoli, associate vice president di IDC EMEA Client Computing spiega: "L'introduzione dei media tablet nel 2010 segna un'importante pietra miliare nell'industria mobile computing. Sebbene il form factor di tablet computer sia presente sul mercato da qualche tempo, principalmente indirizzato ad utenti business o segmenti di nicchia, l'emergere dei nuovi media tablet con Apple ed il successo di iPad ha introdotto una nuova categoria di prodotti e nuovi scenari d'uso che guideranno ulteriormente l'adozione dei dispositivi mobile e rappresentano una delle principali opportunità di espansione del mercato. L'esperienza utente, tuttavia, sarà l'elemento chiave nella scelta da parte del pubblico e se da un lato si attende una agguerrita battaglia tra i vendor, dall'altro vi sarà chiaramente un confronto serrato anche in termini di sistema operativo".

I tablet multimediali non sostituiranno in alcun modo i notebook tradizionali o gli smartpone, ma saranno in grado di offrire un maggior valore aggiunto in qualità di dispositivi orientati alla fruizione di contenuti. Le caratteristiche intrinseche dei sistemi tablet mettono a disposizione una ricca esperienza utente e nuovi scenari d'uso che porteranno alla loro adozione come dispositivi secondari o addirittura terziari.

Il segmento consumer resterà il target primario dei tablet multimediali, ma vi è comunque un crescente interesse proveniente anche dal segmento business. Alcune aziende vedono il potenziale dei tablet come strumenti di produttività e produzione per la loro forza vendite, mentre altre realtà potrebbero considerare l'adozione di sistemi tablet per rispondere a specifiche esigenze verticali. Molti ambiti di applicazione non possono essere coperti dai tradizionali dispositivi computing e potrebbero invece rappresentare un terreno di conquista dei nuovi sistemi tablet. Nell'ambito business rimane fondamentale la compatibilità con i sistemi operativi Windows e per questo motivo i vendor si dedicano anche allo sviluppo di tablet PC basati su Windows, ma l'opportunità dipenderà inoltre dalla capacità dei produttori di rispondere alle necessità del business in termini di piattaforma e applicazioni, laddove anche i costi di supporto e gestione rappresenteranno un fattore chiave capace di condizionare le decisioni dei responsabili IT delle aziende.

Da una prospettiva di canale, una più ampia offerta ed una crescente attenzione da parte del pubblico potrà spingere l'espansione in termini di percorsi ai mercati. Il canale retail ha generato la maggior parte delle vendite nel 2010, e resterà un canale fondamentale nel 2011, ma IDC si attende che il canale delle telco possa incrementare il proprio contributo nei prossimi trimestri. Gli operatori delle telecomunicazioni sono stati fino ad ora particolarmente cauti rispetto a quando furono lanciati i sistemi netbook, probabilmente per aver imparato dalle esperienze trascorse, ma i tablet multimediali rappresentano una value proposition più solida e una naturale estensione del loro catalogo prodotti tra gli smartphone e i PC portatili.

La competizione, in generale, porterà ad una strategia di prezzi più aggressiva e, dal momento che i vendor intendono incrementare ulteriormente la produzione dei tablet a partire dal prossimo anno, si attende una flessione consistente degli ASP (Average Selling Price - prezzi medi di vendita) che a loro volta aiuteranno ad allargare l'adozione dei dispositivi e supporteranno l'espansione del mercato.

Alla luce delle considerazioni fin qui espresse, IDC crede fermamente che i tablet rappresentino una nuova ed importante opportunità per il mercato e stima che entro il 2015 le consegne dei sistemi tablet possano arrivare a 60 milioni di unitù annuali nell'area EMEA.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
argent8804 Aprile 2011, 22:29 #1
Come a dire: "non servono mica per davvero, ma fan figo e venderanno a vagonate."
SuperMario 8504 Aprile 2011, 22:30 #2
Originariamente inviato da: argent88
Come a dire: "non servono mica per davvero, ma fan figo e venderanno a vagonate."


Orgoglioso di non averne mai avuto uno

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^