Il DARPA supporta NVIDIA per lo sviluppo dei processori embedded

Il DARPA supporta NVIDIA per lo sviluppo dei processori embedded

La Difesa USA stringe un accordo con NVIDIA per finanziare la ricerca sui processori embedded da impiegare nei veicoli intelligenti del futuro

di Andrea Bai pubblicata il , alle 08:21 nel canale Mercato
NVIDIA
 

Nvidia Corporation ha ottenuto un contratto del valore di 20 milioni di dollari da parte del Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) a sostegno della ricerca per nuove tecnologie di processori embedded che incrementino in maniera significativa la capacità dei veicoli autonomi di raccogliere e processare informazioni tramite i sensori di bordo.

Gli attuali processori embedded sono capaci di offrire efficienze di circa 1 GFLOPS (un miliardo di operazioni in virgola mobile al secondo) per watt. Il programma di NVIDIA, conosciuto con il nome di Project Opsrey, ha l'obiettivo di ricercare e sviluppare circuiterie a basso consumo, architetture efficienti e nuovi sistemi di programmazione che concorrano a spingere l'efficienza di computazione a 75GFLOPS per watt, approdando fino a processi produttivi a 7 nanometri, rispetto agli attuali 28 nanometri. NVIDIA sta attualmente lavorando alla prossima generazione di architettura, conosciuta con il nome in codice di Maxwell, che dovrebbe essere capace di offrire un'efficienza di 16GFLOPS per watt. I ricercatori NVIDIA lavoreranno al programma con i partner accademici dell'università dello Utah e l'università della Virginia.

Il contratto, della durata di cinque anni, è stato siglato nel contesto del programma PERFECT (Power Efficiency Revolution For Embedded Computing Technologies) del DARPA e finanzierà le operazioni di ricerca e sviluppo di NVIDIA allo scopo di realizzare soluzioni tecnologiche che consentano a veicoli terrestri e aerei di raccogliere ed analizzare molte più informazioni di quanto possibile con i mezzi attuali e di processarle in tempo reale.

Steve Keckler, senior director of architecture research per NVIDIA, ha commentato: "Le tecnologie sviluppate con questo programma possono trasformare le capacità dei sistemi embedded, rendendo i veicoli autonomi più pratici ed intelligenti. Questa ricerca aiuterà NVIDIA a sviluppare il mobile computing per le applicazioni consumer e governative".

Project Osprey potrà poggiare sulla competenza ed esperienza di NVIDIA nel campo del computing eterogeneo e nelle tecnologie di processazione parallea, che consentono di affrontare una computazione più efficiente rispetto a quanto possibile con le CPU tradizionali. I processori di NVIDIA sono già impiegati attualmente in numerose applicazioni oggi, inclusa la realizzazione dei sistemi di infotainment deòle automobili di Audi, BMW, Tesla e Lamborghini, e negli aerei come l'F-22 Raptor, e nei mezzi militari dell'esercito USA.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
strubi9914 Dicembre 2012, 13:42 #1
E' un po' triste, anche se comprensibile, che sia sempre il settore militare a tirare la carretta quando si tratta di ricerca...
HacNet15 Dicembre 2012, 00:12 #2
ma che triste! la vera tristezza è affidarsi an una cpu da sbattere su veicoli militari...
si sa le machine non sono affidabilli

ma quando ci ficherano il cervello di un alieno in uno di quei veicoli

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^