Il nuovo wi-fi darà fiducia al mercato

Il nuovo wi-fi darà fiducia al mercato

Il nuovo wi-fi, siglato come IEEE 802.11i, sarà a breve ratificato. Secondo molti la tecnologia è ormai matura e sicura per una massiccia adozione da parte del mercato

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 14:18 nel canale Mercato
 

L' IEEE (Institute of Electrical and Electronic Engineers) a breve deciderà le modalità con cui le specifiche 802.11i diventeranno uno standard industriale.

Le nuove tecnologie implementate nell' 802.11i dovrebbero essere in grado di garantire una maggior sicurezza, permettendo al wi-fi di riscattare un pò della credibilità perso negli anni.

Ricordiamo infatti che le tecnologie WEP a cui inizialmente era stata delegata la sicurezza della trasmissione dei pacchetti, si sono rilevate inadeguate per una massiccia adozione industriale. Tale algoritmo crittografico è stato più volte violato e, se un utilizzo domestico non impone livelli di sicurezza paranoici, ben diverse sono le esigenze del settore professionale.

Per correre ai ripari venne elaborata la tecnologia WPA, che oltre a garantire altre prestazioni crittografiche prevedeva l'autenticazione dei dispositivi.
Il mercato è stato però pesantemente scottato dalle molte voci secondo cui il wi-fi è vulnerabile, ultimamente ad esempio gli organizzatori delle olimpiadi in Grecia hanno rifiutato la realizzazione di un'infrastruttura wireless.

L'802.11i ha il compito di "abbattere" il muro della diffidenza, affidandosi alle tecnologie "Advanced Encryption Standard" che almeno sulla carta riescono a garantire ottimi standard di sicurezza.

Una preoccupazione più che lecita riguarda i dispositivi wi-fi già presenti sul mercato, ma anche questo alone di paura svanisce poichè dovrebbe essere garantito l'upgrade degli attuali dispositivi Intel Centrino; per le schede di altri vendor non si hanno al momento informazioni.

Fonte: News.com

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LASCO24 Giugno 2004, 14:46 #1
Ma quanto si dovrà aspettare? Comunque immagino che non sarà compatibile con la 802.11b visto la recente vulnerabilità hardware, quindi non risolvibile per via software, che ultimamente si è trovata, ma ciò credo non sia un problema, sarà più che sufficente una 802.11g/i.
Oltre alla maggiore sicurezza se non sbaglio dovrebbe essere un pò più veloce lo standard i.
juggler324 Giugno 2004, 14:51 #2

speriamo

che sia più sicuro e veloce(quest'ultima mi sa di no)
atomo3724 Giugno 2004, 15:17 #3
la banda nominale rimane 54mbps?
dnarod24 Giugno 2004, 15:18 #4
infatti, la banda??
Bongio224 Giugno 2004, 15:24 #5
Se non ricordo male la banda teorica sale a circa 100mbs
Tera24 Giugno 2004, 15:28 #6

La sicurezza

Mi sembra un falso problema in quanto puoi ovviare utilizzando i filtri mac address. Più sicuro di così si muore impossibile clonare un mac address.
Parliamo invece dei problemi della velocità che nemmeno lontanamente può essere accostata alla banda che i vari dispositi sbandierano 54Mbit (ma dove in che film), e della portata ci sono tanti di quei prodotti fuffa che gli metti una sola parete in mezzo e perdono il segnale ogni 2 - 3 secondi.
Facciano uno standard anche in tal senso proprio a tutela dei consumatori
Crisidelm24 Giugno 2004, 16:51 #7
L'AES, quindi cifratura a blocchi simmetrici a 128bit
BeppeLob24 Giugno 2004, 17:27 #8

Re: La sicurezza

Originariamente inviato da Tera
Mi sembra un falso problema in quanto puoi ovviare utilizzando i filtri mac address. Più sicuro di così si muore impossibile clonare un mac address.

Ne sei così convinto???
Guarda qui:
http://www.linuxsecurity.com/docs/H...c-address.shtml
Ciao.
DioBrando24 Giugno 2004, 18:34 #9

sarà...

ma io finchè n vedo n credo...

all'uscita del Wi-Fi doveva essere sicuro già per la sua struttura che inglobava dei parametri (?) di sicurezza.
Poi il WEP e stessa storia...
Il WPA, vedi anche buchi di varie aziende famose quali Cisco ci sn ricascati...

Io privato posso pure fregarmene, ma io industriale/imprenitore di un certo calibro ci penserei due volte ad usare en passant il wireless nella mia azienda se n strettamente necessario e correlato a dati non sensibili...
vale5625 Giugno 2004, 09:11 #10

Re: La sicurezza

Originariamente inviato da Tera
Mi sembra un falso problema in quanto puoi ovviare utilizzando i filtri mac address. Più sicuro di così si muore impossibile clonare un mac address.



Mai sentito parlare di mac address virtuali?
Esistono da almeno 20 anni, ne faceva uso, ad esempio, il Nos DECNet per associare il MAC Address all'indirizzo di rete, e le schede 3com lo prevedono come standard

Inoltre Windows 2003 lo prevede come possibilità

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^