In flessione le vendite di riviste digitali su iPad

In flessione le vendite di riviste digitali su iPad

Le edizioni digitali delle riviste che sono state rese disponibili su iPad stanno subendo una flessione nelle vendite: la più eclatante è Wired che passa dalle 100 milioni di copie del debutto ai 23 milaidel mese di novembre

di Andrea Bai pubblicata il , alle 14:26 nel canale Mercato
iPadApple
 

Secondo un breve articolo pubblicato sul sito web Women's Wear Daily pare che le vendite di alcuni delle principali riviste che hanno realizzato una versione digitale delle proprie pubblicazioni destinate alla fruzione su Apple iPad siano in flessione rispetto ai volumi del debutto. I dati considerati da WWD sono stati resi disponibili da Audit Bureau of Circulations.

Lo scorso mese di maggio ha visto il debutto della versione digitale di Wired per iPad, che ha saputo totalizzare una vendita di 100 mila copie nel primo mese. I risultati attuali sarebbero però ben lontani dalle cifre del debutto: nei mesi di ottobre e novembre Wired avrebbe infatti venduto 22 mila e 23 mila copie su iPad, quando la tradizionale versione cartacea ha raggiunto ben 130 mila copie nei mesi di ottobre e novembre.

Un'altra importante rivista, Vanity Fair, sta assistendo ad una flessione delle vendite per la propria edizione digitale: su iPad sono state vendute 8700 copie nel mese di novembre, rispetto le 10500 dei mesi di agosto, settembre ed ottobre. In flessione anche le vendite di Glamour che fa segnare un -20% ad ottobre ed un ulteriore -20% a novembre, con un totale di 2775 copie vendute nell'ultimo mese.

L'edizione di novembre di GQ ha totalizzato 11 mila copie digitali vendute, contro vendite medie di 13 mila copie tra maggio ed ottobre, mentre Men's Health è passato a circa 2000 copie vendute a settembre e ottobre, rispetto al volume di 2800 copie della primavera.

A fronte di questa situazione, gli editori confidano molto nelle vendite di dicembre e gennaio, dal momento che il periodo delle festività ha portato nuovi dispositivi nelle mani dei consumatori.

Sarebbe tuttavia interessante cercare di capire quali siano i motivi alla base di questa flessione e purtroppo gli asettici dati non ci permettono di andare più a fondo. Possiamo solamente elaborare qualche considerazione: una flessione contenuta come nel caso di GQ o di Vanity Fair può essere un fenomeno fisologico, dovuto alle vendite spinte dall'iniziale entusiasmo per il dispositivo, ma nel caso di Wired il calo è stato ben più consistente e ben al di fuori di una tendenza naturale.

E' possibile ipotizzare che il pubblico non sia interessato ad un tipo di contenuto identico a ciò che è disponibile sulla tradizionale forma cartacea, ma cerchi qualcosa maggiormente dedicato al dispositivo tramite il quale viene fruito. A tal proposito sarà interessante osservare cosa accadrà nel caso di The Daily, il quotidiano digitale a cui News Corp sta lavorando con la creazione di una redazione dedicata e che sarà destinato esclusivamente alla distribuzione su iPad, almeno inizialmente. Il debutto di The Daily potrebbe avvenire attorno alla metà del mese di gennaio.

33 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Custode30 Dicembre 2010, 14:31 #1
C'è un errorino nel titolo: Wired non credo possa passare da 100 milioni di copie a 23 mila, più che una flessione eclatante, sarebbe bancarotta .
Itachi30 Dicembre 2010, 14:36 #2
ma è normale
nelle vendite dei giornali è una cosa normalissima


quante volte avete comprato un numero di una rivista solo per curiosità per poi non comprarla mai piu?


è ovvio che all'uscita di questo servizio molte persone abbiano comprato varie riviste solo per prova
Thebaro30 Dicembre 2010, 14:39 #3
Originariamente inviato da: Itachi
ma è normale
nelle vendite dei giornali è una cosa normalissima


quante volte avete comprato un numero di una rivista solo per curiosità per poi non comprarla mai piu?


è ovvio che all'uscita di questo servizio molte persone abbiano comprato varie riviste solo per prova


proprio come wired... presa..e mai la ricomprerò...
Oenimora30 Dicembre 2010, 14:44 #4
È successo anche nei mesi scorsi, è un calo costante. A parte Wired, il numero di copie vendute non è neanche molto alto, rispetto alla stampa cartacea.
cristo197630 Dicembre 2010, 14:48 #5
Si che poi parliamo di queste grandi riviste trascendentali...
Comunque il valore aggiunto di questi apparati è proprio potersi via via affrancare dalla carta (con annessi benefici ambientali); sarebbe auspcabile (per moltissime testate) passare al digitale. Certo che se l'aquirente è "braccine corte inside" e non riesce a comprendere l'utilità della cosa (nonstante abbia però speso bei soldoni per l'iPad...)
*sasha ITALIA*30 Dicembre 2010, 14:50 #6
io sono abbonato cartaceo WIRED ita e ho acquistato diversi WIRED US e Popular Tech su iPad...

ora non lo faccio piu´. Volete i motivi?

1. 400 MB a numero, troppi. 200 pagine saran solo pubblicitá e video pubblicitari

2. 2,99 Euro a numero e le pagine sono di meno del cartaceo

3. E´impossibile sincronizzare i singoli numeri via iTunes. Li si puo´cancellare e riscaricare gratuitamente ma non è possibile tenere un backup sul Mac.


vogliono spopolare? Meno MB, meno pubblicitá, prezzo minore e sincronizzazione dei numeri senza doverli cancellare completamente.
Paganetor30 Dicembre 2010, 15:10 #7
sicuramente l'effetto iniziale è quello di "provare" la novità, la rivista da sfogliare su uno schermetto, ma poi si finisce per prediligere la carta... sinceramente non mi sono ancora fatto un'idea precisa di dove possano arrivare queste idee, al limite aspetterei un ebook reader a colori per fare da "vero anello di congiunzione" tra la carta e un supporto elettronico.
Resta alta la curiosità per il progetto di "The Daily", vediamo cosa saranno in grado di sfornare e se avrà senso passare a quel tipo di supporto!
YellowT30 Dicembre 2010, 15:35 #8
400 MB a copia? mi sembra davvero troppo... ma che formato usano? Mi vien da pensare che lo facciano solo per incentivare le vendite degli ipad più costosi o per ridurre il numero di copie conservabili. INsomma, con la carta si fa ancheun archivio in cui poi si troverà quello che serve. Sarebbe stato bello farlo anche con i numeri digitali in modo da ripescarli all'occorrenza. Però sul'hard disk, non in remoto che magari tra un paio d'anni decidono di toglierle... Solite strane politiche apple.

E comunque la differenza di prezzo tra carta e digitale è troppa poca considerato il risparmio nella stampa e nella distribuzione. E considerati anche i 500 euro o più che servono per avere la possibilità di scaricare le riviste...
Perseverance30 Dicembre 2010, 15:59 #9
Io provo un vero astio nei confronti di queste persone che idealizzano e concretizzano questi "servizi" con l'intento di affossare ciò che c'era prima di loro. Non mi piace proprio l'idea che vogliono plasmare nella società cioè: "noi siamo nuovi, siamo digitali, siamo migliori, tutto quello che c'era prima si può buttare".

Non riescono a concepire un mondo in cui esistono diverse forme di fruizione di contenuti (carta + ebook), devono per forza omologare tutto e fare un'iconoclastia della roba "vecchia" facendo leva sull'ecologia e altri specchietti affini.

Usano millemila euri per la pubblicità, hanno PR pagati profumatamente e non riescono a fare questi semplici ragionamenti. Ben gli stà se gli calano le vendite online finchè non capiscono il concetto di «coesistenza» è giusto che subiscano.

L'idea è ottima se fosse maturata come "servizio da affiancare al supporto cartaceo", invece l'hanno concepita con lo scopo di rimpiazzare il supporto cartaceo. In verità non mi dispiacerebbe affatto che qualche albero venisse risparmiato invece di essere usato per la carta di queste "riviste di spessore"
*sasha ITALIA*30 Dicembre 2010, 16:28 #10
Originariamente inviato da: YellowT
400 MB a copia? mi sembra davvero troppo... ma che formato usano? Mi vien da pensare che lo facciano solo per incentivare le vendite degli ipad più costosi o per ridurre il numero di copie conservabili. INsomma, con la carta si fa ancheun archivio in cui poi si troverà quello che serve. Sarebbe stato bello farlo anche con i numeri digitali in modo da ripescarli all'occorrenza. Però sul'hard disk, non in remoto che magari tra un paio d'anni decidono di toglierle... Solite strane politiche apple.

E comunque la differenza di prezzo tra carta e digitale è troppa poca considerato il risparmio nella stampa e nella distribuzione. E considerati anche i 500 euro o più che servono per avere la possibilità di scaricare le riviste...


dovrebbe essere HTML5... si va dai 280 ai 400 mb...

Originariamente inviato da: Perseverance
Io provo un vero astio nei confronti di queste persone che idealizzano e concretizzano questi "servizi" con l'intento di affossare ciò che c'era prima di loro. Non mi piace proprio l'idea che vogliono plasmare nella società cioè: "noi siamo nuovi, siamo digitali, siamo migliori, tutto quello che c'era prima si può buttare".

Non riescono a concepire un mondo in cui esistono diverse forme di fruizione di contenuti (carta + ebook), devono per forza omologare tutto e fare un'iconoclastia della roba "vecchia" facendo leva sull'ecologia e altri specchietti affini.

Usano millemila euri per la pubblicità, hanno PR pagati profumatamente e non riescono a fare questi semplici ragionamenti. Ben gli stà se gli calano le vendite online finchè non capiscono il concetto di «coesistenza» è giusto che subiscano.

L'idea è ottima se fosse maturata come "servizio da affiancare al supporto cartaceo", invece l'hanno concepita con lo scopo di rimpiazzare il supporto cartaceo. In verità non mi dispiacerebbe affatto che qualche albero venisse risparmiato invece di essere usato per la carta di queste "riviste di spessore"



guarda... sono veramente innovative e danno quel piu´che manca alla carta.. grafici interattivi, video, animazioni... è il futuro.. e consideriamo anche che si evita di sprecare carta...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^