Indossabili per il fitness, un mercato molto dinamico

Indossabili per il fitness, un mercato molto dinamico

Varie categorie di prodotti con funzionalità in sovrapposizione e continui cambi ai vertici delle classifiche. Il mercato degli indossabili per attività fisica sta ancora cercando un'identità

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:29 nel canale Mercato
 

Le consegne di dispositivi elettronici indossabili destinati al mondo del fitness raggiungeranno i 68,1 milioni di unità nel corso del 2015, in calo dai 70 milioni di pezzi consegnati nel 2014. La società di analisi di mercato Gartner osserva che questo temporaneo calo nelle vendite sarà causato da una sovrapposizione di funzionalità tra i cosiddetti smartband, altri dispositivi di monitoraggio dell'attività fisica e gli smartwatch. Il mercato per gli smartband e i dispositivi di monitoraggio andrà comunque incontro ad un rimbalzo nel 2016 per via di progetti più versatili e modelli con display a basso costo.

Angela McIntyre, research director per Gartner, ha commentato: "Gli indossabili per il fitness vengono utilizzati per monitorare la salute, che va a braccetto con l'attività fisica e il benessere. I consumatori saranno capaci di integrare dati provenienti dalla maggior parte dei wearable in un singolo account dove i loro dati possono essere analizzati per offrire informazioni interessanti all'utente. Le iniziative di Qualcomm, Apple (HealthKit), Google (Google Fit), Samsung (S.A.M.I.), Microsoft, Nike ed Intel saranno costruite sulle prime innovazioni nel campo degli indossabili per il fitness e nel monitoraggio della salute e creeranno l'infrastruttura per unire informazioni rilevanti per la salute e l'attività fisica".

Gartner delinea cinque categorie chiave, principalmente differenziate dal form factor: smart wristband, sports watch, fitness monitor generici, fasce cardicache e smart garment.

Gli sport watch e le fasce cardiache sono ormai ben diffuse, rispetto agli smart wristband che sono stati resi popolari dal lancio di Jawbone Up nel 2011. Gartner crede comunque che la categoria degli smart garment (indumenti provvisti di sensori) abbia il più grande potenziale di crescita dal momento che la categoria sta uscendo dalla fase di test e le prime magliette smart sono già disponibili per gli atleti e gli allenatori delle squadre di professionisti. Le consegne degli smart garment dovrebbero crescere da 0,1 milioni di unità nel 2015 a 26 milioni di unità nel 2016. Per il momento attuale tuttavia sono gli smart wristband e altri dispositivi di monitoraggio ad essere i più popolari.

"Gli smartwatch che hanno un prezzo attorno ai 149 dollari hanno la capacità di tracciare le attività e hanno accelerometri e giroscopi simili ai loro cugini wristband. La differenza è che gli smartwatch devono mostrare l'ora e hanno un'interfaccia utente orientata verso la comunicazione. Comunque sia alcuni smart wristband hanno la capacità di mostrare ed inviare messaggi di testo. La sovrapposizione di funzionalità tra smartwatch e smart wristband continuerà nel futuro" ha osservato McIntyre.

Gartner prevede inoltre che nel periodo 2018-2020 il 25% degli smart wristband e altri monitor per l'attività fisica saranno commercializzati tramite canali non-retail e offerti da palestre, assicurazioni, cliniche per il dimagrimento e via discorrendo, probabilmente in maniera gratuita o con sussidi. Queste compagnie fungeranno da canale di distribuzione per i produttori di dispositivi. I fitness monitor potrebbero inoltre essere integrati nei badge o nei braccialetti di riconoscimento degli impiegati e le compagnie B2C potrebbero trovare un sistema di gamification collegato all'uso dei wearables per mantenere i clienti vicini al brand.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
PeK20 Novembre 2014, 10:40 #1
sono una figata finché non ti rendi conto che gran parte sono solo numerilli inutili.

il mio è utile a darmi una motivazione del tipo "raggiungi tot km questa settimana" e simili: aiuta a seguire un programma in solitario.
ziozetti20 Novembre 2014, 11:04 #2
Indossabili per il fitness, un mercato molto dinamico

Rubberick20 Novembre 2014, 11:15 #3
credo che sostanzialmente dipenda anche dal supporto software e da quanto è complesso...

in passato se volevo controllare il mio status fisico mi prendevo un contacalorie e via, i conti li facevo a mano e bon

un utente che usa iphone cerca un prodotto compatibile

un utente che usa android magari prima becca il programma più adatto alle sue esigenze e poi si cerca sull'amazzone un device compatibile

a volte però questi prodotti peccano sopratutto lato software di semplicità per cui se e quando qualcuno avrà successo con una suite software standardizzata, forse li si vedranno i vari prodotti e sarà + facile scegliere per l'utente cosa prendere

gli indumenti con i sensori sono una cosa che giusto i pro o i veri enthusiast si possono permettere vai a vedere quanto avranno come quota di mercato per le masse in futuro
Unrealizer20 Novembre 2014, 14:30 #4
Originariamente inviato da: PeK
sono una figata finché non ti rendi conto che gran parte sono solo numerilli inutili.

il mio è utile a darmi una motivazione del tipo "raggiungi tot km questa settimana" e simili: aiuta a seguire un programma in solitario.


anche per me la motivazione sarebbe la parte più importante, ma anche il tracciamento del sonno ha un suo perché...

Originariamente inviato da: Rubberick
credo che sostanzialmente dipenda anche dal supporto software e da quanto è complesso...

in passato se volevo controllare il mio status fisico mi prendevo un contacalorie e via, i conti li facevo a mano e bon

un utente che usa iphone cerca un prodotto compatibile

un utente che usa android magari prima becca il programma più adatto alle sue esigenze e poi si cerca sull'amazzone un device compatibile

a volte però questi prodotti peccano sopratutto lato software di semplicità per cui se e quando qualcuno avrà successo con una suite software standardizzata, forse li si vedranno i vari prodotti e sarà + facile scegliere per l'utente cosa prendere

gli indumenti con i sensori sono una cosa che giusto i pro o i veri enthusiast si possono permettere vai a vedere quanto avranno come quota di mercato per le masse in futuro


è per questo che mi interessa il ms band: anche se la firma fa pensare diversamente uso continuamente dispositivi per ogni tipo, così se mi si scarica il lumia non ho problemi, metto la sim nell'iphone che ho nella borsa e non perdo nulla (purché abbia sincronizzato prima xD)

e soprattutto la loro piattaforma sembra molto promettente, hanno dimostrato di saper fare grandi cose con il machine learning

purtoppo l'altro ieri non sono riuscito a prenderlo , ma alla prossima ondata non mi fregano
WarriorXP22 Novembre 2014, 10:49 #5

F Charge

Qualcuno è riuscito a comprare il FitBit Charge? Ufficialmente dovrebbe essere uscito all'inizio della settimana, ma a Milano tutti gli store ne sono sprovvisti

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^