Informazione ed intrattenimento digitale: 2 mila miliardi di dollari spesi nel 2010

Informazione ed intrattenimento digitale: 2 mila miliardi di dollari spesi nel 2010

Tra dispositivi, contenuti e servizi il pubblico ha speso 2 mila miliardi di dollari per l'informazione e l'intrattenimento digitale, una cifra destinata a crescere fino a quasi tre miliardi entro il 2015

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:52 nel canale Mercato
 

Una recente ricerca condotta da Gartner mette in luce come nel corso del 2010 i consumatori hanno speso, su scala globale, circa 2 mila miliardi di dollari per servizi e prodotti nell'ambito dell'informazione ed intrattenimento digitale, una cifra destinata a crescere fino a 2100 miliardi nel 2011 per spingersi sino ai 2800 miliardi di dollari nel 2015.

Di questi 2000 miliardi di dollari spesi dai consumatori il 62% è stato destinato all'accesso e all'uso di servizi a sottoscrizione: si tratta di 1200 miliardi di dollari spesi per servizi voce e/o di banda larga mobile o fissi, servizi di sottoscrizione video (come ad esempio le PayTV) e al gioco online. Altri 600 miliardi di dollari, corrispondenti al 30% circa della spesa globale, sono stati spesi invece per l'acquisto di dispositivi consumer electronics, come cellulari e smartphone, dispositivi multimediali portatili, PC, televisioni e console di gioco.

La restante parte, per un totale di 200 miliardi di dollari, è invece rappresentata dall'acquisto di contenuti e software, comprendenti contenuti video acquistati/noleggiati/scaricati/fruiti in steaming, servizi di video on demand o pay per view, software e videogiochi, musica e libri digitali e applicazioni dagli store mobile. E' interessante notare che metà di questa spesa è stata destinata alla sottoscrizione di servizi video, mentre l'altra metà all'acquisto di software, musica, e-book e app.

Amanda Sabia, principal research analyst per Gartner, commenta: "Sebbene un singolo vendor possa occupare una posizione di leadership per quanto riguarda un solo segmento dei tre citati, vi è una serie di esempi che suggeriscono che la diversificazione può rappresentare il percorso ottimale per l'industria CE. I vendor in grado di diversificare la propria offerta tra più segmenti hanno la possibilità di beneficiare dell'intero ecosistema e di trasformare prodotti e servizi precedenti in nuove soluzioni".

Secondo Gartner vi sono tre aree chiave dove la tecnologia offrirà nei prossimi anni le migliori opportunità per i vendor: la banda larga mobile, per realizzare la connettività ubiquitaria, i servizi basati sulla geolocalizzazione, che potranno trarre vantaggio proprio dalle connessioni always-on, ed i sistemi operativi che rappresentano le fondamenta per l'integrazione tra tecnologia e applicazione.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^