Intel annuncia IA-32 Execution Layer per piattaforme Itanium 2

Intel annuncia IA-32 Execution Layer per piattaforme Itanium 2

Disponibile un software che permette di ottimizzare l'esecuzione di programmi 32 bit anche su architetture a 64 bit

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:03 nel canale Mercato
Intel
 

Con la seguente press release ufficiale, Intel annuncia la disponibilità di un nuovo e particolare software che permette di ottimizzare l'esecuzione delle applicazioni a 32 bit con sistemi basati su CPU Intel Itanium 2.

"Assago (Milano), 14 gennaio 2004 - Intel Corporation ha annunciato la disponibilità del software IA-32 Execution Layer (EL) per i sistemi bastati sul processore Intel® Itanium® 2 e sui sistemi operativi Microsoft Windows. Questa tecnologia fornisce una maggiore flessibilità aumentando le prestazioni di diverse applicazioni a 32 bit e facilitando la migrazione verso le piattaforme basate su processori Itanium 2 e su Windows.

"Anche se i CIO richiedono l'affidabilità, la scalabilità, le prestazioni superiori e le funzioni di indirizzabilità della memoria offerte dal processore Itanium 2, in alcuni casi desiderano continuare a eseguire le applicazioni a 32 bit precedenti, e questa tecnologia migliora le prestazioni di tali applicazioni senza compromettere gli obiettivi principali", ha commentato Mike Fister, Senior Vice President di Intel e General Manager dell'Enterprise Platforms Group. "Sebbene i processori basati su Architettura Itanium supportino da sempre le applicazioni a 32 bit, questo nuovo approccio offre prestazioni più elevate e una maggiore flessibilità per i futuri aggiornamenti e la scalabilità".

Il software IA-32 EL è supportato in Windows Server 2003 Enterprise Edition* per i sistemi basati su processori Itanium a 64 bit, in Windows Server 2003 Datacenter Edition* per i sistemi basati su processori Itanium a 64 bit e in Windows XP 64-Bit Edition*. Il prodotto è disponibile per il download all'indirizzo Web http://www.microsoft.com/windowsserver2003/64bit/ipf/default.mspx.

"Microsoft ha collaborato con Intel per rendere disponibile il prodotto IA-32 Execution Layer per gli utenti di Windows che utilizzano sistemi basati su processori Intel Itanium 2", ha affermato Bob Muglia, Senior Vice President della Windows Server Division di Microsoft Corp. "I miglioramenti garantiti dal software EL saranno di grande aiuto per gli utenti che utilizzano principalmente applicazioni a 64 bit ma che hanno anche l'esigenza di eseguire software di supporto a 32 bit. Grazie a questa possibilità, i clienti saranno maggiormente stimolati a scegliere di installare le versioni di Windows a 64 bit per le loro esigenze informatiche end-to-end di fascia enterprise".

IA-32 EL è un pacchetto software integrato nel sistema operativo. I processori Itanium 2 prevedono il supporto per le applicazioni a 32 bit tramite hardware on die. Con il prodotto IA-32 EL, il supporto per le applicazioni IA-32 sarà invece fornito nel software. Dopo l'installazione, l'esecuzione delle applicazioni a 32 bit viene gestita in modo trasparente tramite IA-32 EL. In fase di esecuzione questo programma converte il codice applicativo IA-32 in codice nativo dell'Architettura Itanium e ne consente l'esecuzione come codice nativo.

Il processore Intel Itanium 2 vanta prestazioni record e la disponibilità di oltre 1.000 applicazioni. Lo scorso anno si è verificata un'evoluzione nel tipo di clienti che scelgono sistemi basati su processori Itanium, passando dal campo scientifico/ad elevate prestazioni alla fascia enterprise. Attualmente, 14 delle prime 25 aziende riportate nella classifica Global 500 hanno implementato o stanno prendendo in considerazione questa architettura.

Il processore Itanium 2 viene sempre più spesso utilizzato in installazioni commerciali di fascia enterprise, tra cui Bell Canada, CBS Broadcasting, CFE, ChevronTexaco, CitiStreet, CNA, CompUSA, Cox Communications, Eckerd Drug, The First American Company, First Trust, Fortis Health, Fuji Film, ING, Jet Blue Airways, Metro AG, Raymond James, Sabre Holdings, SK Telecom, Telecom Italia, Philips-Van Heusen e Wells Fargo. "

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
asterix315 Gennaio 2004, 15:38 #1
be alla rincorsa dei 32 bit perduti
non credo comunque che sia performante come l'opteron a 32 bit sarebbe bello vedere dei bencmark
asterix315 Gennaio 2004, 15:39 #2
tra le due piattaforme naturalmente

ciao!
STICK15 Gennaio 2004, 15:41 #3
Quest'attenzione su Itanium per renderlo il piu' possibile concorrenziale con Opteron,mi fa pensare che Intel voglia rimanere in ambito 64 bit solo su questo processore,anziché implementare estensioni a 64 bit nelle sue cpu desktop.
toshio15 Gennaio 2004, 16:09 #4
Effettivamente, Intel deve spingere il mercato su due fronti differenti: quello dei 32 bit con i Pentium 4 e dei 64 bit con Itanium2. Creare una soluzione che sostituisca in qualche modo anche solo uno dei due processori significa tirarsi le zappate sui piedi.
A differenza di AMD che, non avendo alle spalle soluzioni a 64 bit "pure", ha modo di sfruttare la stessa architettura (anche se con qualche differenza) per soluzioni server (Opteron), high-end (Athlon64 FX) e medio livello come l'Athlon64.
Oltretutto AMD potrebbe relegare il pur brillante "Athlon32" per le soluzioni di fascia bassa (sotituendo i Duron) e andrebbe a fare concorrenza a quel specchietto per le allodole chiamato Celeron...
A mio parere, AMD con l'Athlon64 si è creata un bel "rullo compressore" per spianarsi la strada nel mercato e se Intel non fa qualcosa alla svelta rischia di diventarne l'asfalto!!!
ShadowX8415 Gennaio 2004, 16:14 #5

Ho un dubbio!!

Mmm...dubito che questo E.L. possa colmare il gap prestazionale dell'itanium nel campo dei 32 bit!!

Non penso che sia sufficiente uno "strato" di software per portare un notevole beneficio nell'esecuzione del codice a 32bit nell'architettura EPIC!!

Per come la vedo io dubito che possa incrementare così tanto le prestazioni, anzi...mi permetto di aggiungere che se anche nella migliore delle ipotesi le prestazioni raddoppiassero (nei 32bit) sarebbero sempre molto indietro e di conseguenza ancora lenti...molto meno...ma sempre lenti!!

Non solo: (sempre secondo me)...se nell'archittettura EPIC questo E.L. facesse veramente raddoppiare ( o giù di li) le prestazioni, mi verrebbe da pensare che questo fatto confermi ancora una volta che l'ISA 64 dell'intel non sia questa gran meraviglia che ci vogliono far credere!!

come sempre...correggetemi se sbaglio!!

Ciao ciao!!
vincino15 Gennaio 2004, 16:31 #6
Un'altra pezza!
Fottemberg15 Gennaio 2004, 16:44 #7
Ma non potrebbe fare come per i vecchi 386SX ( a grandi linee)? Mettere un bel coprocessore dedicato ai 32 bit?
leoneazzurro15 Gennaio 2004, 16:58 #8
Veramente il 386 era un processore che ha fatto più o meno quello che ha fatto AMD ora con l'x86-64, ossia ha preso l'ISA esistente a 16 bit e l'ha estesa (registri, gestione della memoria protetta, ecc. ecc.), mantenendo la compatibilità con le applicazioni a 16 bit. Poi il 386SX non aveva nessun coprocessore dedicato per eseguire le applicazioni a 16 bit (il 386 sx altro non era che un 386 normale con il bus dati ridotto a 16 bit per ridurre i costi delle piastre madri, il Celeron dell'epoca). Piuttosto il 386 non aveva l'unità FPU integrata (o meglio molte funzioni FPU venivano emulate tramite algoritmi), e spesso si aggiungeva il famoso "coprocessore matematico" (oltre agli Intel 80387ce n'erano di diverse marche, come IIT e Cyrix, ad esempio) per chi aveva bisogno di calcoli in virgola mobile più veloci. Con l'80486 si integrò invece l'FPU nel core del processore (anche se poi nacquero gli 80486 SX, senza coprocessore, e che avevano bisogno sempre di un'aggiunta esterna).
piottanacifra15 Gennaio 2004, 17:21 #9
DELLA SERIE............
Come Intel se la fa' addosso rispetto alla concorrenza e corre ai ripari.
Dopo i Celeron procesori veramente inutili,una bella aggiustatina ad altri processori costosissimi(la precedente versione non e' che a avuto un grande successo di vendite ) e inutili.
W INTEL !!!W LE PEZZE!!!!
W LE SOLE!!!!!!
W I PRESCOTT PRONTI PER IL PALLADIUM.
INTEL FOREVER dicevano molte persone ,le stesse che adesso usano AMD.
IHIHIHIHIHahahahaahah
Mai Avuto intel e me ne vanto.
SALUT & BAZZ
P.S.Ricordate stabili e non cambiano mai il socket..........le ultime parole famose.
leoneazzurro15 Gennaio 2004, 17:24 #10
Questo è solo un flame, peraltro inutile. Si parlava di Itanium e quindi di processori per Server di grande-grandissima dimensione. Cosa c'entrino Prescott e compagnia bella non lo capisco proprio.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^