Intel, in Israele passaggio dai 22 ai 10 nanometri

Intel, in Israele passaggio dai 22 ai 10 nanometri

Con grossa probabilità gli stabilimenti israeliani di Intel salteranno l'aggiornamento al nodo di produzione a 14 nanometri per passare direttamente ai 10 nanometri nel giro di qualche anno

di Andrea Bai pubblicata il , alle 13:31 nel canale Mercato
Intel
 

Il gran numero di fabbriche di produzione di semiconduttori di proprietà consente ad Intel di poter aggiornare in maniera strategica i propri stabilimenti, selezionandoli accuratamente per produrre i chip impiegando tecnologie di processo all'avanguardia. La fabbrica Intel di Kiryat Gat, in Israele, sta attualmente realizzando i processori "Ivy Bridge" a 22 nanometri: questo stabilimento sembra indirizzato a saltare il nodo di produzione a 14 nanometri per passare direttamente a quello a 10 nanometri nel giro di qualche anno.

L'aggiornamento della Fab 28 in Israele e l'avvio della produzione a 22 nanometri durante il 2012 ha permesso alla sussidiaria israeliana di Intel di raddoppiare le proprie esportazioni dello scorso anno, arrivando a 4,6 miliardi di dollari rispetto ai 2,2 miliardi del 2011. La Fab 28 continuerà a produrre chip a 22 nanometri nel corso del 2013, spostando gradualmente la produzione dagli attuali processori Ivy Bridge alla prossima generazione di core Haswell. Lo stabilimento israeliano continuerà su questa strada per qualche tempo, ma non sarà aggiornato alla produzione delle soluzioni Broadwell a 14 nanometri, per saltare direttamente alla produzione a 10 nanometri.

Maxine Fassberg, general manager di Intel Israel, ha dichiarato: "La vita media di una tecnologia è compresa tra i due e i sei anni e quindi dobbiamo muoverci rapidamente per ottenere la prossima tecnologia a 10 nanometri. Dobbiamo prendere una decisione con sufficiente anticipo per essere in grado di aggiornare lo stabilimento. Per i 10 nanometri dovremo decidere quest'anno".

La produzione a 10 nanometri rappresenta un passaggio chiave per Intel, dal momento che potrebbe essere l'ultima tecnologia ad essere prodotta con gli attuali metodi di produzione o la prima ad impiegare la litografia Extreme Ultraviolet. E' poi con il nodo di produzione a 10 nanometri che Intel dovrebbe iniziare il passaggio ai wafer da 450mm di diametro in almeno una delle sue fabbriche. Attualmente però è abbastanza improbabile che sia proprio la sussidiaria israeliana a muoversi in direzione di uno stabilimento a 450mm.

Quanto affermato da Fassberg non dettaglia comunque gli impegni precisi di Intel. Bisogna considerare inoltre che gli aggiornamenti delle fabbriche coinvolgono di norma una serie di incentivi governativi: Intel, ad esempio, ha investito circa 10,5 miliardi di dollari in Israele negli ultimi 10 anni, compreso 1,1 miliardi di dollari nel 2012, ma ha ottenuto 1,3 miliardi di dollari di incentivi.

Le esportazioni israeliane di Intel costituiscono il 20% delle esportazioni hi-tech del paese ed il 10% delle esportazioni industriali (diamanti esclusi). Mooly Eden, presidente di Intel Israel, ha sottolineato: "Se Intel non avesse incrementato le sue esportazioni, l'esportazione tecnologia israeliana sarebbe diminuita del 10%".

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dobermann7719 Febbraio 2013, 15:04 #1
Impressionante la regolarita' di Intel.

Tutto perfettamente programmato,
e tutto secondo roapmap.
Ventresca19 Febbraio 2013, 15:45 #2
Originariamente inviato da: dobermann77
Impressionante la regolarita' di Intel.

Tutto perfettamente programmato,
e tutto secondo roapmap.


Non ha praticamente concorrenza, e così sono capaci tutti.
moddingpark19 Febbraio 2013, 17:30 #3
Originariamente inviato da: Ventresca
Non ha praticamente concorrenza, e così sono capaci tutti.


Allora speriamo che gli altri player dell'industria presentino soluzioni interessanti e magari competitive... Diventerebbe tutto più interessante.
dobermann7719 Febbraio 2013, 17:48 #4
Originariamente inviato da: Ventresca
Non ha praticamente concorrenza, e così sono capaci tutti.


Mica vero. Ad esempio sui 14 nm ci sono un sacco di tecnologie concorrenti,
e secondo alcuni quella di Intel non è la migliore.

Il problema è che, come al solito, Intel rilascerà CPU a 14 nm quando gli altri saranno ancora a... 28 o addirittura 32!
bongo7419 Febbraio 2013, 20:40 #5
notizia imprecisa insicura insignificante, forse un giorno faranno un prodotto che ....

potevate anche scrivere che un giorno da qualche parte faranno qualcosa
hibone19 Febbraio 2013, 23:36 #6
Originariamente inviato da: Ventresca
Non ha praticamente concorrenza, e così sono capaci tutti.


è vero il contrario...

è il fatto di lavorare a quel modo che è uno dei motivi per cui non hanno concorrenza... ce ne sono anche altri meno lodevoli tuttavia...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^