Intel torna in Irlanda per i 15nm

Intel torna in Irlanda per i 15nm

L'azienda di Santa Clara preferisce l'Irlanda ad Israele per l'aggiornamento di una fabbrica alla produzione a 15 nanometri

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:20 nel canale Mercato
Intel
 

Intel Corporation ha scelto il proprio campus irlandese di Leixlip invece della Fab 28 di Kiryat Gat in Israele quale stabilimento che riceverà un aggiornamento per la tecnologia di produzione a 15 nanometri, secondo quanto riporta il sito EETimes riprendendo una notizia pubblicata dal quotidiano israeliano Globes.

La scelta dell'Irlanda invece di Israele pare essere conseguenza di un piccolo diverbio tra Intel e il governo israeliano: il colosso di Santa Clara avrebbe infatti richiesto un supporto del valore di 600 milioni di dollari per l'espansione delle operazioni di produzione del paese, ma il governo di Israele è stato in grado solamente di offrire 1 miliardo di shekels, pari a 290 milioni di dollari.

Un rappresentante del governo israeliano ha commentato: "Intel annuncerà ufficialmente la sua decisione alla fine dell'anno, ma dallo spirito dei colloqui crediamo che tornerà in Irlanda". La compagnia di Santa Clara, tuttavia, non avrebbe ancora chiuso tutte le porte e sarebbe disposta a creare nuovi posti di lavoro in uno stabilimento di Beit She'an con la costruzione di nuove strutture.

Attualmente in Irlanda sono presenti tre fabbriche operative del colosso dei processori: la Fab 10, la Fab 24 e la Fab 24-2. Nel corso dell'estate del 2009 Intel ha deciso di terminare le operazioni presso la Fab 14 di Leixlip, vicino Dublino. Nel mese di gennaio dell'anno in corso Intel ha affrontato un investimento di 500 milioni per ripristinare il vecchio stabilimento della Fab 14, senza tuttavia rivelare quali fossero i piani per le attività di produzione nella struttura che, a questo punto, verrà aggiornata per la produzione a 15 nanometri a partire dal 2013.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
predator8727 Settembre 2011, 09:46 #1
che sarebbe questo supporto che intel ha richiesto?
una specie di convenzione?
coschizza27 Settembre 2011, 10:05 #2
Originariamente inviato da: predator87
che sarebbe questo supporto che intel ha richiesto?
una specie di convenzione?


il supporto sarebbe una specie di contributo forfettario da parte del governo per far in modo che l'intel costruisca la fabbrica da loro.
Il governo quindi investe dei soldi per far in modo che vengano creati nuovi posti di lavoro nel loro territorio.
ripe27 Settembre 2011, 10:07 #3
Originariamente inviato da: coschizza
il supporto sarebbe una specie di contributo forfettario da parte del governo per far in modo che l'intel costruisca la fabbrica da loro.
Il governo quindi investe dei soldi per far in modo che vengano creati nuovi posti di lavoro nel loro territorio.


Ah, ma quindi esistono governi che si preoccupano per le sorti dei propri elettori......
Notturnia27 Settembre 2011, 10:10 #4
senza fare polemica.. anche in italia ogni tanto accade con i colossi..

vedi Alcoa in Sardegna per esempio..

e qua chiudo..
predator8727 Settembre 2011, 10:15 #5
Originariamente inviato da: coschizza
il supporto sarebbe una specie di contributo forfettario da parte del governo per far in modo che l'intel costruisca la fabbrica da loro.
Il governo quindi investe dei soldi per far in modo che vengano creati nuovi posti di lavoro nel loro territorio.


ok, chiaro grazie!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^