Intel, un secondo trimestre positivo ma con qualche ombra

Intel, un secondo trimestre positivo ma con qualche ombra

L'azienda di Santa Clara pubblica i risultati del secondo trimestre che fanno segnare fatturato e utili in linea con le aspettative. La divisione PC Client registra però una flessione del 7,5% rispetto allo scorso anno

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:36 nel canale Mercato
Intel
 

Intel Corporation ha annunciato i risultati del secondo trimestre dell'anno durante il quale ha registrato un fatturato di 12,8 miliardi di dollari e un utile netto di 2 miliardi di dollari, corrispondente ad un utile per azione di 0,39 dollari. Nel medesimo trimestre dello scorso anno il fatturato e l'utile netto sono stati, rispettivamente di 13,5 miliardi di dollari e di 2,8 miliardi di dollari.

“Nel secondo trimestre, abbiamo confermato le nostre previsioni trimestrali e abbiamo effettuato numerosi annunci di prodotti strategici. Nei miei primi due mesi in qualità di CEO, ho raccolto un'ampia varietà di punti di vista su Intel e sul nostro settore da parte di clienti, dipendenti e dal mio gruppo dirigente, e sono più fiducioso che mai delle opportunità della nostra azienda", ha dichiarato Brian Krzanich, CEO di Intel dallo scorso mese di maggio.

Nonostante il risultato nel complesso positivo, scendendo nel dettaglio si osserva però qualche ombra nel resoconto trimestrale dell'azienda di Santa Clara, con la divisione PC Client Group che registra un fatturato di 8,1 miliardi: si tratta di un risultato leggemente migliore rispetto al trimestre precedente (+1,4%) ma che rappresenta una flessione del 7,5% rispetto a quanto registrato nel medesimo trimestre dello scorso anno. Sostanzialmente due i motivi della contrazione: la situazione difficile del mercato PC ed il lancio dei nuovi processori "Haswell" solamente nella parte finale del trimestre, lasciando così poco tempo a disposizione del pubblico per acquistare le nuove soluzioni. Intel ha però raccolto un forte consenso di pubblico per i nuovi processori, che fa ben sperare per i risultati dei prossimi trimestri.

Anche la divisione Other Intel Architecture Group fa registrare risultati in discesa con un fatturato di 942 milioni di dollari, pari ad una contrazione del 3,7% rispetto al primo trimestre 2013 e del 15% rispetto allo stesso trimestre dello scorso anno. La divisione Data Center Group, con un fatturato di 2,7 miliardi di dollari, risulta essere stabile rispetto ad un anno fa e in leggera crescita, con un +6,1% rispetto al trimestre precedente.

Nel trimestre in esame il margine lordo si è assestato sul 58%, con due punti percentuali in più rispetto al primo trimestre 2013 e cinque punti percentuali in meno rispetto ad un anno fa. Le spese di ricerca e sviluppo assommate a quelle di fusione e acquisizioni ammontano a 4,7 miliardi di dollari, in linea con le previsioni dell'azienda.

Durante il secondo trimestre 2013 Intel ha generato circa 4,7 miliardi di dollari in liquidità dalle proprie operazioni, ha pagato dividendi per un valore di 1,1 miliardi di dollari e ha impiegato 550 milioni di dollari per riacquistare 23 milioni delle proprie azioni.

"Guardando al futuro, il mercato continuerà ad acquistare una vasta gamma di prodotti per il computing. I processori Intel Atom e Core e la maggiore integrazione dei SOC costituiranno il futuro di Intel. Non lasceremo inesplorata nessuna opportunità nel campo del computing. Per abbracciare queste opportunità, ho stabilito che la massima priorità di Intel sia di creare i migliori prodotti per il segmento di mercato ultra mobile, in rapida crescita" ha aggiunto Krzanich.

Guardando al prossimo trimestre Intel si aspetta un fatturato compreso tra i 13 e i 14 miliardi di dollari, un margine lordo compreso tra il 59% ed il 63% e spese di ricerca e sviluppo e acquisizioni di circa 4,8 miliardi di dollari. Le previsioni per l'intero anno sono invece di un fatturato invariato rispetto a quanto registrato nel 2012 (che fu di 53,3 miliardi di dollari), ritoccando così leggermente al ribasso le stime elaborate in precedenza.

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Pat7719 Luglio 2013, 10:29 #1
Numeri impressionanti anche se non mi sembra vi sia una corsa ad Haswell.
dobermann7719 Luglio 2013, 10:59 #2
Intel fa paura,
anche se Microsoft mi fa piu' paura di Intel.
AceGranger19 Luglio 2013, 12:00 #3
Originariamente inviato da: Pat77
Numeri impressionanti anche se non mi sembra vi sia una corsa ad Haswell.


bè praticamente non è entrato ancora in commercio... attualmente ci sono solo i5 e i7 desktop, solo CPU da 170 euro in su e mancano gli i3 che sono quelli che fanno i volumi; il grosso dei portatili/ultrabook non è ancora stato aggiornato dai produttori.

i prossimi 2 trimestri "teoricamente" dovrebbero essere teoricamente in crescita visto che lancera tutta la gamma Haswell consumer, i nuovi Atom e i nuovi IB-E Server.
maxmax8019 Luglio 2013, 13:01 #4
scusate ma questa frase "ha impiegato 550 milioni di dollari per riacquistare 23 milioni delle proprie azioni."

da dove l' avete estrapolata?

no, perché a me letta così sembra pura speculazione azionaria...
Vash_8519 Luglio 2013, 14:27 #5
Niente di nuovo sotto il sole.... intel in attivo ma come al solito in contrazione rispetto agli anni precedenti....
Un pò la crisi un pò arm che ha ridotto le vendite dei pc....

Cosa curiosa dopo i risultati finanziari dell'ultimo trimestre il titolo ha avuto un calo del 3.75%, mentre quello amd è salito del 5.94%
Forse non è quelo che si aspettavano gli investitori?

Link ad immagine (click per visualizzarla)
Pat7719 Luglio 2013, 15:23 #6
Un singolo giorno vuol dire poco o nulla, probabilmente qualche presa di beneficio.
tuttodigitale20 Luglio 2013, 10:12 #7
e
Littlesnitch20 Luglio 2013, 10:20 #8
Originariamente inviato da: maxmax80
scusate ma questa frase "ha impiegato 550 milioni di dollari per riacquistare 23 milioni delle proprie azioni."

da dove l' avete estrapolata?

no, perché a me letta così sembra pura speculazione azionaria...


Si fa per mantenere il valore delle azioni. Lo ha fatto Apple con una cifra molto più considerevole arrestando la speculazione sul suo titolo stabilizzandolo sui 420-450$.

Originariamente inviato da: Vash_85
Niente di nuovo sotto il sole.... intel in attivo ma come al solito in contrazione rispetto agli anni precedenti....
Un pò la crisi un pò arm che ha ridotto le vendite dei pc....

Cosa curiosa dopo i risultati finanziari dell'ultimo trimestre il titolo ha avuto un calo del 3.75%, mentre quello amd è salito del 5.94%
Forse non è quelo che si aspettavano gli investitori?

Link ad immagine (click per visualizzarla)


Purtroppo queste sono speculazioni dei veri farabutti e malviventi del nostro tempo! Gli analisti, che sono quelli che hanno fatto scoppiare la bolla finanziaria e messo in crisi centinaia di milioni di persone.
Estwald20 Luglio 2013, 11:58 #9
Originariamente inviato da: maxmax80
scusate ma questa frase "ha impiegato 550 milioni di dollari per riacquistare 23 milioni delle proprie azioni."

da dove l' avete estrapolata?

no, perché a me letta così sembra pura speculazione azionaria...


http://www.intc.com/stockBuyBack.cfm
maxmax8020 Luglio 2013, 12:25 #10
Originariamente inviato da: Littlesnitch
Gli analisti, che sono quelli che hanno fatto scoppiare la bolla finanziaria e messo in crisi centinaia di milioni di persone.


e su questo forum c'è gente che da ancora credito agli analisti, roba da matti..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^