Internet of Things in azienda, opportunità e rischi dietro l'angolo

Internet of Things in azienda, opportunità e rischi dietro l'angolo

Nei prossimi quattro anni cresceranno sensibilmente gli allestimenti di programmi e iniziative IoT in azienda, ma parimenti anche nuove complessità e rischi

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:31 nel canale Mercato
 

Internet of Things è pronto a scatenare una vera e propria rivoluzione, anche nel mondo delle aziende. La società di analisi di mercato Gartner osserva infatti che entro il 2020 oltre la metà dei nuovi processi di business includeranno un qualche elemento del paradigma IoT. L'impatto di Internet of Things nella vita dei consumatori e nei modelli di business delle aziende sta crescendo rapidamente e, allo stesso tempo, cala il costo dei dispositivi che includono sensori e tecnologie di comunicazione per la connessione ad altri dispositivi, sistemi e persone.

"Quegli usi di IoT che prima erano irrealizzabili diventeranno sempre più la realtà. Internet of Things è rilevante in qualsiasi settore, sebbene non in tutte le applicazioni. Non vi saranno "applicazioni puramente IoT" ma vi saranno molte applicazioni capaci di fare leva su IoT in un piccolo o grande aspetto del loro funzionamento. Di conseguenza gli analisti di business e gli sviluppatori di processi che hanno l'informazione al centro dovranno avere le competenze e gli strumenti per implementare quegli aspetti di IoT che possono giocare un ruolo chiave nei loro sistemi" osserva W.Roy Schulte, vicepresidente e distinguished analyst per Gartner.

Tuttavia, come ogni novità, Internet of Things nasconde qualche insidia, soprattutto per il mondo aziendale. Gartner, ad esempio, si aspetta che lo sviluppo e l'allestimento del 75% dei progetti IoT non riuscirà a rispettare la tabella di marcia e andrà incontro, di conseguenza, a spese superiori al previsto. Più il progetto è ambizioso e complicato, maggiore sarà lo sforamento delle tempistiche. Per alcuni progetti si scenderà a compromessi per poterli mantenere nelle tempistiche previste, con ripercussioni anche significative sulle prestazioni, sulla sicurezza o sull'integrazione nei processi esistenti. Sul medio/lungo termine questi compromessi porteranno a dover rimaneggiare o addirittura riallestire i progetti IoT.

La natura delle soluzioni IoT, il modo in cui sono allestite e il tipo di dati generati, sollevano poi nuove implicazioni su sicurezza e privacy che le aziende devono iniziare ad affrontare. Si tratta di rischi che crescono rapidamente, portando a nuove complessità per la maggior parte dei responsabili IT e di business.

"IoT ha l'enorme potenziale di raccogliere continuamente informazioni sull'ambiente circostante. L'integrità di queste informazioni sarà importante per prendere decisioni personali e di business, dalle diagnosi mediche alla protezione dell'ambiente, da comandi per modificare l'operato di macchinari all'identificazione e autorizzazione dell'accesso fisico. La nascita di un mercato nero di sensori compromessi significa che i dati possono essere danneggiati o sostituiti con dati non accurati o deliberatamente manipolati. Questo scenario stimolerà la crescita di prodotti e servizi per la privacy, portando ad un ampio confronto pubblico riguardante il suo futuro, i mezzi per proteggere la privacy individuale e il ruolo della tecnologia e del governo nella protezione della privacy" ha precisato Ted Friedman, vicepresidente e distingushed analyst per Gartner.

Gartner crede, di conseguenza, che il budget medio richiesto dalla sicurezza IT, dalle tecnologie operative e dalla sicurezza IoT andrà a crescere da meno dell1% attuale al 20% del budget di sicurezza complessivo nel 2020.

Chi attualmente opera già nel campo della cybersecurity sta già presentando roadmap e architetture per la sicurezza IoT, in anticipo rispetto alle opportunità che offrirà il mercato. Intanto vi sono piccole startup dedicate in maniera specifica alla sicurezza IoT che offrono prodotti e servizi di prima generazione. I grandi vendor di sicurezza hanno già iniziato ad acquisire alcune di queste startup per supportare i propri piani e andare a completare l'offerta di sicurezza.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^