Internet of Things, le aziende passano dalla pianificazione all'allestimento

Internet of Things, le aziende passano dalla pianificazione all'allestimento

Nel mondo aumenta la consapevolezza di cosa sia Internet of Things e le aziende lo considerano sempre più un elemento strategico e in grado di abilitare una trasformazione

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:21 nel canale Mercato
 

La società di analisi di mercato IDC ha effettuato un nuovo sondaggio tra quasi 2500 realtà in 15 Paesi differenti, tra cui USA, Brasile, Cina, India e Germania, per valutare e quantificare lo slancio delle iniziative Internet of Things, che continua ad evolvere ed espandersi passando dallo stadio di pianificazione a quello dell'allestimento.

Il 73% degli intervistati ha già allestito soluzioni IoT o pianifica di allestirle nei prossimi 12 mesi. "Lo slancio di IoT continua a crescere e la nostra indagine mostra come esso sia visto come strategico per l'impresa" ha osservato Vernon Turner, Senior Vice President e Research Fellow - Internet of Things.

Nel settore retail e nel settore produttivo si riscontra una maggior consapevolezza di cosa sia IoT, con il 56% e il 53% degli intervistati rispettivamente che hanno mostrato una buona conoscenza di IoT. Il 58% dei rispondenti considera inoltre Internet of Things un'iniziativa strategica e un ulteriore 24% lo vede come un elemento in grado di abilitare una trasformazione. In questo è il settore sanitario a guidare il gruppo, che al 72% considera IoT strategico, seguito dal settore dei trasporti e da quello della produzione al 67% e al 66% rispettivamente. Invece il settore governativo/amministrativo rimane piuttosto indietro in termini di consapevolazza globale e spesso necessita ancora di chiarmenti circa i concetti basilari di IoT.

Carrie MacGillivray, vicepresidente IoT & Mobile per IDC, ha commentato: "L'indagine mostra le differenze geografiche in termini di consapevolezza, adozione e piani di implementazione. E' in grado di offrire una prova quantificabile che IoT non è solo un concetto, ma un reale acceleratore globale della terza piattaforma (ovvero tutto ciò che genericamente comprende mobile computing, social media, cloud computing, e big data ndr.)".

L'indagine ha inoltre rilevato - elemento emerso già lo scorso anno - come la sicurezza continui a rimanere una sfida di primo piano, anche se ora i costi di avvio e di mantenimento diventano la sfida principale. Inoltre, sebbene ora considerati come leader del settore IoT, i produttori hardware perdono terreno con i produttori software stanno acquisendo sempre più importanza: questo perché il valore viene visto non tanto nella capacità di raccogliere dati (i sensori) quanto nella capacità di elaborarli e metterli in relazione tra loro (l'analitica). Infine spostare la capacità computazionale ed elaborativa alla periferia della rete (dove, cioè, il dato viene raccolto) è un requisito chiave e rappresenterà una sfida importante per molti progetti di architettura IoT.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^