JPR: NVIDIA guadagna punti market share nell'ultimo trimestre

JPR: NVIDIA guadagna punti market share nell'ultimo trimestre

I dati di mercato proposti da JPR in una recente analisi mostrano una flessione dello share di AMD nel mercato dei chip grafici, complice soprattutto una diminuzione della richiesta da parte degli OEM

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 16:57 nel canale Mercato
NVIDIAAMD
 

Jon Peddie Research è una società specializzata in analisi di mercato, con particolare focus sul mondo tecnologico. A intervalli regolari l'azienda fornisce interessanti dati sul mercato IT: la recente pubblicazione relativa ai numeri del settore grafico offre alcuni importanti dati per portare avanti alcune riflessioni. A seguire la tabella con i valori percentuali relativi al market share:

Produttore
Q3 2009
Q2 2010
Q3 2010
AMD
20,1%
25%
22,3%
Intel
53,6%
53,4%
55,6%
NVIDIA
25,3%
20,7%
21,2%

Come appare evidente dai dati percentuali, è AMD a perdere punti rispetto al secondo trimestre dell'anno, con una flessione di quasi il 3%. Il motivo di questo calo, secondo quanto riportato dalla società che si è occupata dell'analisi, è da ricercarsi in un indebolimento della domanda da parte degli OEM. Parte degli OEM hanno preferito evitare di affrontare ordini più impegnativi, rimanendo con poche scorte, soprattutto considerando l'imminente arrivo di nuovi modelli. Un'altra parte degli OEM avrebbe invece scelto di affidarsi ai nuovi prodotti sviluppati da NVIDIA, che ha di recente completato la nuova famiglia di GPU DirectX 11.

I dati riportati in tabella fanno ovviamente riferimento ai chip grafici nella loro totalità senza distinzione alcuna tra processori grafici integrati o dedicati: non a caso Intel rappresenta oltre il 55% del totale. Il guadagno fatto registrare da NVIDIA è merito certamente della nuova famiglia sviluppata su architettura Fermi, finalmente completata: la società californiana non è però ancora sui livelli dello scorso anno, complice soprattuto la ottima concorrenza che AMD è riuscita a creare con la propria famiglia di GPU Radeon HD 5000.

Rispetto al secondo trimestre dell'anno l'industria di processori grafici ha fatto segnare una flessione di circa l'1%, complice soprattutto un calo delle vendite di sistemi notebook: Apple con i suoi 8 milioni di iPad venduti, secondo JPR, ha influenzato questi dati.

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
tossy27 Ottobre 2010, 17:09 #1
Che nVidia si stia risollevando dallo scivolone Fermi ??

Speriamo, la concorrenza è partita adesso, e i risultati per noi utenti si iniziano a vedere (in termini di prezzi).

L'anno prossimo vedremo una nuova bella lotta con i processi a 28nm ...

Chi prima arriva meglio alloggia
Therinai27 Ottobre 2010, 21:09 #2
Originariamente inviato da: tossy
Che nVidia si stia risollevando dallo scivolone Fermi ??

Per me è la calma prima della tempesta per nvidia... con la serie 6000 si prenderà un fracco di legnate
))Lexandrus((27 Ottobre 2010, 21:15 #3
Beh, in realtà il breve rialzo non significa necessariamente un aumento del guadagno.

E' già anormale, e aggiungerei molto preoccupante che quest' anno NVidia venda meno di ATi/AMD, e se consideriamo che le soluzioni AMD sono molto più redditizie, non credo che ci sia molto da esultare per la casa verde, poichè i ricavi di AMD sono pronto a scommettere che sono stati molto più elevati.

Quel lieve incremento è sicuramente dovuto alle ottime vendite delle GTX460, che da sole surclassano tutte le altre soluzioni basate su fermi.
La lieve discesa di AMD invece è probabilmente dovuta, al fatto che la serie 5000 aveva già saturato il mercato, e non scendendo di prezzo, con l'arrivo della nuova serie 6000, era normale una diminuzione.

La situazione per NVidia comincia a farsi preoccupante in chiave futura, ma dalla sua parte ha il vantaggio di dominare la fascia professionale, e non avere rivali.

Sarà interessante vedere i risultati del prossimo trimestre.
System Shock27 Ottobre 2010, 23:19 #4
Mi fa ridere il 55% di Intel
Le gpu integrate di Intel sono dei giocattoli e sul costo della scheda madre o notebook incideranno non + di 10 euro

Per il resto dopo un ribasso Nvidia si sta andando verso un pareggio che mi sembra l'ideale per noi utenti finali !
maumau13828 Ottobre 2010, 00:46 #5
Originariamente inviato da: ))Lexandrus((
Beh, in realtà il breve rialzo non significa necessariamente un aumento del guadagno.

E' già anormale, e aggiungerei molto preoccupante che quest' anno NVidia venda meno di ATi/AMD, e se consideriamo che le soluzioni AMD sono molto più redditizie, non credo che ci sia molto da esultare per la casa verde, poichè i ricavi di AMD sono pronto a scommettere che sono stati molto più elevati.

Quel lieve incremento è sicuramente dovuto alle ottime vendite delle GTX460, che da sole surclassano tutte le altre soluzioni basate su fermi.
La lieve discesa di AMD invece è probabilmente dovuta, al fatto che la serie 5000 aveva già saturato il mercato, e non scendendo di prezzo, con l'arrivo della nuova serie 6000, era normale una diminuzione.

La situazione per NVidia comincia a farsi preoccupante in chiave futura, ma dalla sua parte ha il vantaggio di dominare la fascia professionale, e non avere rivali.

Sarà interessante vedere i risultati del prossimo trimestre.


Non proprio, il grosso dei guadagni Nvidia li fa con il settore professionale, macinando utili pazzeschi; in questo settore le percentuali di market share sono bulgare, con Nvidia che la fa da padrona; andando ad vedere le percentuali per fascia di prezzo Ati è più forte nel settore entry level, mentre nelle schede più costose è molto più debole. Intel invece non esiste nemmeno.
Nelle schede gaming invece la situazione è nettamente diversa, e un poco più complessa. Nvidia per un anno intero è rimasta indietro rispetto ad ATI, era infatti presente solamente con la fascia alta (470 e 480) dove non si fanno i numeri, ma i ricavi (in questo caso risicati per via delle difficoltà del processo produttivo). Nella fascia media e nella fascia bassa, Nvidia ha operato esclusivamente con rebranding delle serie precedenti, in attesa di completare la lineup di Fermi; Ati invece ha completato nel 2009 la serie 5000 ed è rimasta incontrastata per 6 mesi. Nel momento in cui Nvidia ha presentato 460 e 450 c'è stato un riposizionamento del mercato verso le nuove GPU, ed è probabile che Nvidia continui a guadagnare market share fino al completamento della serie 6000 di AMD nella fascia bassa e nella fascia media.
C'è da considerare inoltre il mercato delle integrate.
Intel continua a guadagnare perché ormai integra la GPU nel processore, quindi oltre alle vecchie GMA presenti nei NorthBridge delle schede madri Socket 775 vende una scheda video per ogni processore venduto.
Allo stesso modo AMD vende una scheda video per ogni scheda madre con chipset GX (non sono la totalità ma ce n'è un buon numero). Nvidia ormai produce unicamente ION.
Col prossimo anno, e il debutto delle APU di AMD il market share di Nvidia si ridurrà sempre di più, ma i ricavi continueranno a rimanere elevati, a meno di scivoloni pesanti. Nelle schede video discrete molto probabilmente continuerà a dire la sua, soprattutto vista la totale assenza di Intel; una mano potrebbe averla anche dal GPGPU.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^