La Banca Europea degli Investimenti finanzia STMicroelectronics

La Banca Europea degli Investimenti finanzia STMicroelectronics

STMicroelectronics riceve un finanziamento di 350 milioni di dollari per lo sviluppo di nuove tecnologie per l'industria IT e delle telecomunicazioni, con lo scopo di migliorare la competitività europea

di Andrea Bai pubblicata il , alle 09:48 nel canale Mercato
 

La Banca Europea degli Investimenti (di seguito EIB), l'istituzione finanziaria dell'Unione Europea, ha firmato un contratto di finanziamento di 350 milioni di Euro con STMicroelectronics NV, a supporto del piano industriale della compagnia per quanto concerne le attività di ricerca e sviluppo legate ai semiconduttori di prossima generazione.

Tra le attività della EIB vi è proprio quella di fornire prestiti a lungo termine per supportare progetti di investimento, pubblici o privati, che cercano di perseguire gli obiettivi di integrazione, coesione e sviluppo posti dall'Unione Europea.

Il prestito a STMicroelectronics rappresenta una nuova fase nel fnanziamento della competitività europea, oltre a rappresentare per ST un'opportunità per incrementare la propria flessibilità finanziaria e rafforzare la propria struttura di capitale.

Il programma di ricerca, che ha convinto l'EIB ad erogare il prestito, si concentra sullo sviluppo nuove soluzioni con gli obiettivi di creare tecnologie innovative ed economicamente competitive in grado di rispondere alle necessità dell'economia digitale e sulle soluzioni in grado di ridurre il consumo di apparati di telecomunicazione e, più in genere, degli apparati IT e di migliorare l'efficienza energetica.

Il finanziamento sarà destinato a coprire un ciclo di sviluppo, dalla ricerca alla progettazione, che sarà portato avanti presso gli stbilimenti ST di Rousset, Crolles, Grenoble e Tours. La ricerca include lo sviluppo di applicazioni mobili basate sull'impiego di celle di combustibile autonome. Oltre al settore IT e TLC, anche i settori industrial e automotive potranno beneficiare di questa attività di ricerca.

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
jestermask29 Settembre 2010, 10:15 #1
350 milioni non sono pochi e per fortuna rientra anche la fase sviluppo in questo finanziamento...pero' se non ci sono le idee hai voglia a ricercare innovazioni. Tanto siamo arrivati ad utilizzare atomi, luce extreme ultra violet, grafene e chi più ne ha più ne metta. Quì serve un lampo di genio secondo me...
blindwrite29 Settembre 2010, 10:19 #2
Bene! Proprio quello che volevo leggere!
Sig. Stroboscopico29 Settembre 2010, 10:26 #3
Chissà perchè non li concedono anche Telecom Italia per lo sviluppo di "nuove tecnologie" di cui ogni tanto blatera... ma preferisce chiederli direttamente agli italiani in cambio di non si sà bene cosa.
Che gli abbiano sbattuto la porta in faccia anche loro?

Ottima notizia per STM!
Bravi ragazzi!
Kuarl29 Settembre 2010, 10:32 #4
interessante il fatto che un azienda pubblica cui la metà del capitale è in mano al nostro ministero del tesoro prenda altri soldi pubblici per fare ricerca in francia. Tutto l'investimento in ricerca e risorse umane di stm viene fatto in francia... fa così schifo fare ricerca in italia? bah..
predator8729 Settembre 2010, 10:35 #5
ottimo.. vediamo cosa sfornerà in futuro ST..
Locemarx29 Settembre 2010, 13:35 #6
Originariamente inviato da: Kuarl
interessante il fatto che un azienda pubblica cui la metà del capitale è in mano al nostro ministero del tesoro prenda altri soldi pubblici per fare ricerca in francia. Tutto l'investimento in ricerca e risorse umane di stm viene fatto in francia... fa così schifo fare ricerca in italia? bah..


Non è per niente pubblica...meno del 10% del totale del capitale è in mano al Ministero dell'Economia e delle finanze...
$iMoNe_In$aNe29 Settembre 2010, 15:32 #7
Il finanziamento sarà destinato a coprire un ciclo di sviluppo, dalla ricerca alla progettazione, che sarà portato avanti presso gli stbilimenti ST di Rousset, Crolles, Grenoble e Tours.

L'st di catania gli fa schifo?
Sono quasi tutti in cassa integrazione, continuando così il trasferimento dell'st di catania verso "paesi più produttivi" comincierà a diventare sempre più una realtà.
Jean24029 Settembre 2010, 16:56 #8
Originariamente inviato da: $iMoNe_In$aNe
Il finanziamento sarà destinato a coprire un ciclo di sviluppo, dalla ricerca alla progettazione, che sarà portato avanti presso gli stbilimenti ST di Rousset, Crolles, Grenoble e Tours.

L'st di catania gli fa schifo?
Sono quasi tutti in cassa integrazione, continuando così il trasferimento dell'st di catania verso "paesi più produttivi" comincierà a diventare sempre più una realtà.


Assolutamente daccordo..Qua praticamente l'st di catania continuando cosi se ne va a quel paese!!!
Billabong29 Settembre 2010, 19:37 #9
ST presenta il progetto con tutti i dettagli, la BEI approva e sta a ST impiegare quei soldi dove ritiene più opportuno.

Che ST preferisca la Francia a Catania non mi sorprende per nulla: a Grenoble hanno un'università ottima, infrastrutture modernissime e che costano una frazione di quelle siciliane, tasse più basse e una burocrazia competente ed abbastanza efficiente.

Va notato che non è l'ST di Catania sta andando a quel paese, ma Catania che sta dando un bel calcio nel sedere a ST.
fdl8829 Settembre 2010, 21:13 #10
e i fisici gongolano

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^