La Commissione Europea approva nuovi investimenti per la cybersicurezza

La Commissione Europea approva nuovi investimenti per la cybersicurezza

Nuovi investimenti pubblici/privati per rafforzare la cybersicurezza nel territorio dell'Unione, che entro il 2020 potranno arrivare fino a 1,8 miliardi di euro

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:37 nel canale Mercato
 

La Commissione Europea ha firmato un accordo per stimolare lo sviluppo e la collaborazione in materia di cybersecurity sul territorio dell'Unione. I dettagli sono ancora un po' nebulosi, ma in sintesi l'Unione Europea è riuscita a stanziare 450 milioni di euro che saranno distribuiti come finanziamento nel corso dei prossimi anni a quelle società, università e altri enti di ricerca che mostreranno interesse nell'approcciare, studiare e risolvere i problemi di cybersecurity. La Commissione sottolinea che si tratta di una misura progettata per "allevare le capacità industriali della cybersecurity e l'innovazione nell'UE".

La European Cyber Security Organization lavorerà assieme a privati e amministrazioni per decidere dove indirizzare i finanziamenti. La Commissione si aspetta che grazie a questo meccanismo le fonti private andranno ad investire in cybersicurezza circa tre volte tanto lo stanziamento iniziale di 450 milioni di euro pubblici, per un totale di 1,8 miliardi di euro di nuovi investimenti entro il 2020.

La Commissione ha identificato alcune aree su cui si potranno concentrare gli sfrozi, inclusa la messa in sicurezza dell'identità online, la formazione dei lavoratori sulle best-practices di cybersicurezza e lo sviluppo di nuove protezioni per l'infrastruttura cloud.

"Gli incidenti di cybersecurity causano rilevanti danni economici di centinaia di miliardi di euro ogni anno alle aziende europee e più in generale all'economia" osserva la Commissione, la quale sottolinea che oltre 600 milioni di euro sono già stati diretti verso progetti di cybersecurity, ma che "sono necessari molti più sforzi per rispondere al sempre più crescente numero e alla complessità delle minacce".

L'investimento in nuovi progetti di cybersicurezza è solo una parte del piano della Commissione: negli anni scorsi è infatti stata proposta la Network and Information Security and Directive (che dovrebbe essere adottata proprio in questi giorni) e che vuole incoraggiare lo scambio di informazioni in Europa nel caso di un cyber-attacco. "Auspichiamo che gli stati membri e gli organismi di cybersecurity rafforzino la cooperazione e condividano le loro conoscenze, le informazioni e le competenze per incrementare le contromisure difensive dell'Europa" ha dichiarato Günther Oettinger, commissario per l'economia e la società digitali.

E' comunque interessante osservare che una delle volontà specifiche della Commissione è rendere più semplice l'offerta di soluzioni cybersecurity in Unione Europea, cercando di stabilire un quadro di certificazione che permetta a prodotti e servizi di essere certificati univocamente per poter essere offerti in tutti gli stati membri.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SpyroTSK05 Luglio 2016, 17:23 #1
tanto quei soldi andranno spesi in finti concorsi, uffici e sedi inesistenti e tangenti.
bio.hazard06 Luglio 2016, 07:55 #2
...e non ci sono più le mezze stagioni (tanto pe rimanere in tema di luoghi comuni)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^