Marvell: 1,54 miliardi di danni alla Carneige Mellon University per violazione di brevetto

Marvell: 1,54 miliardi di danni alla Carneige Mellon University per violazione di brevetto

L'ammontare del risarcimento danni corrisponde a circa la metà del fatturato Marvell 2013. L'azienda ha dichiarato che ricorrerà in appello, sostenendo la non validità dei brevetti

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:21 nel canale Mercato
 

1,54 miliardi di dollari: è l'ammontare dei danni che Marvell si troverà a dover corrispondere alla Carneige Mellon University (CMU)per la violazione di due brevetti legati a tecnologie di storage. E' quanto stabilito dal processo che è stato avviato nel 2009 e ha trovato conclusione in questi giorni.

Si tratta di una pena molto dura, dal momento che quivale a circa la metà del fatturato che Marvell ha registrato nel 2013. E' delle più alte richieste di risarcimento danni per casi di violazione di brevetto. La decisione è stata presa dal giudice distrettuale statunitense Nora Barry Fischer e dalla giuria di Pittsburgh i quali hanno ritenuto "ragionevoli" i danni maggiorati dal momento che l'università ha presentato sufficienti prove a determinare che la violazione di Marvell fosse stata volontaria e deliberata, per breveti depositati oltre dieci anni fa.

La sanzione è pertanto superiore rispetto alla prima cifra stabilita in 1,17 miliardi di dollari da parte della giuria nel corso del mese di dicembre 2012. E' comunque stata respinta la richiesta dell'università di richiedere danni triplicati, per 3,75 miliardi di dollari, dal momento che il giudice ha ritenuto che una tale sanzione avrebbe "gravemente compromesso" Marvell e ne avrebbe minacciato la sopravvivenza. Respinta, inoltre, anche la richiesta della CMU di disporre lo stop alle vendite dei chip che fanno uso delle tecnologie coperte dai brevetti violati.

"Questa multa è sufficiente per penalizzare Marvell per il suo comportamento oltraggioso e per scoraggiare ulteriori attività di violazione in futuro" ha dichiarato il giudice Fischer. Marvell in precedenza aveva proposto un pagamento di 250 mila dollari di royalty, equivalenti a 50 centesimi per chip venduto. L'azienda ha inoltre annunciato che ricorrerà in appello, dal momento che ritiene che i brevetti non siano validi.

I brevetti che Marvell ha violato sono relativi ad un'innovazione chiamata "noise predictive detection" che permette di facilitare la registrazione accurata di sequenze di dati tramite segnali di rumore. I due brevetti sarebbero stati utilizzati nei chip Media Noise Processor e Non-Linear Viterbi Detector di Marvell. Secondo l'Università almeno nove progetti di Marvell integrano i brevetti e vari miliardi di questi prodotti sono stati consegnati sul mercato.

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Portocala02 Aprile 2014, 15:39 #1
Mi sembra una cifra mooooooooooolto alta. Come pagano? Subito? A rate?
O vanno in appello e poi pattuiscono a 500Miglioni?
dtreert02 Aprile 2014, 15:57 #2
ma come si può fare pagare danni per metà del fatturato? omg...
Epoc_MDM02 Aprile 2014, 16:54 #3
Originariamente inviato da: dtreert
ma come si può fare pagare danni per metà del fatturato? omg...


Non so se sia questo il caso, ma se io brevetto qualcosa e tutto il tuo fatturato comprende l'utilizzo dei miei brevetti, allora metà è anche poco
Therinai02 Aprile 2014, 17:35 #4
Quando ho letto MARVELL e CARNEIGE ho pensato a tutt'altro
dtreert02 Aprile 2014, 21:23 #5
Originariamente inviato da: Epoc_MDM
Non so se sia questo il caso, ma se io brevetto qualcosa e tutto il tuo fatturato comprende l'utilizzo dei miei brevetti, allora metà è anche poco


Se "A ruba i brevetti a "B" per tutti i suoi prodotti sarà soggetto sia a ricavi, ma anche ai costi (impianti, macchinari, materie prime, ecc). Al massimo prenditi tutto il profitto, mica tutti il fatturato...
maxmax8002 Aprile 2014, 23:27 #6
colpiamo un pesce piccolo (si fa per dire) per far tremare gli squali

meno male che il settore SSD non c' entra, già stavo tremando!
aald21302 Aprile 2014, 23:31 #7
Originariamente inviato da: Epoc_MDM
Non so se sia questo il caso, ma se io brevetto qualcosa e tutto il tuo fatturato comprende l'utilizzo dei miei brevetti, allora metà è anche poco


Questa è la retorica degli avvocati, vale a dire che una singola idea determina il ricavato di un prodotto.

M$ guadagna una quantità spropositata di denaro (5/10 $) per ogni terminale Android, per una manciata di brevetti che sono nulla a confronto della complessità del sistema operativo.

Non esiste alcuna idea, per quanto strepitosa, che da sola valga metà del fatturato di un prodotto. Esistono esecuzione, marketing, e tutta un'altra serie di idee applicate a questo.
ArteTetra03 Aprile 2014, 11:07 #8
Carneige, come no. Si chiama Carnegie Mellon University.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^