Mercato dei semiconduttori: scorte simili a prima della recessione del 2008

Mercato dei semiconduttori: scorte simili a prima della recessione del 2008

Le giacenze dei fornitori di semiconduttori hanno raggiunto gli stessi livelli del periodo precedente alla crisi economica del 2008

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:51 nel canale Mercato
 

Le giacenze nei magazzini dei fornitori di semiconduttori hanno assistito ad una crescita, durante il secondo trimestre dell'anno, a livelli mai più toccati sin dall'avvio dell'ultima recessione economica all'inizio del 2008, sollevando così una serie di preoccupazioni sul futuro immediato del mercato dei semiconduttori.

E' la società di analisi di mercato IHS iSupply che tratteggia il quadro, indicando come le scorte dei fornitori siano arrivate ad un livello di 83,4 DOI (Days of Inventory) alla fine del secondo trimestre 2011: si tratta di un dato che eccede anche l'ultimo record di 83,1 DOI, registrato nel corso del primo trimestre 2008.

I giorni di inventario registrati per il secondo trimestre rappresentano un salto di 3,5 giorni rispetto ai 79,9 registrati nel primo trimestre dell'anno; si tratta inoltre della prima volta in 12 trimestri consecutivi che i giorni di inventario hanno superato gli 80 giorni. Si tratta di un dato che supera dell'11% la media storica del periodo ed è molto vicino all'11,1% di eccesso di scorte registrato nel primo trimeste del 2008, esattamente all'avvio dei due anni di recessione nell'industria dei semiconduttori.

"Procedere in questo territorio pericoloso - che ricorda i giorni bui che hanno portato alla recessione - potrebbe essere un presagio dell'avvio di un periodo di regolazione delle giacenze. La correzione avrà luogo nel corso dei prossimi trimestri e non sarà portata a termine fino alla metà del 2012. A conseguenza di ciò i fornitori dovranno fare una prolungata riduzione nei loro livello di scorte per evitare pericolose situazioni di esubero" ha commentato Sharon Stiefel, analista per IHS.

Qualche settimana fa iSuppli aveva già rivisto verso il basso le stime di crescita del fatturato del mercato dei semiconduttori, passando dalle previsioni di 4,6% dello scorso mese di agosto al 2,9% attuale. Per molte realtà impegnate in questo mercato, le proiezioni di crescita trimestrale nulla elaborate nel corso del secondo trimestre dell'anno riflettono la ridotta visibilità che i fornitori hanno della catena di fornitura, sulla base di una domanda in flessione. Le stime di fatturato del terzo trimestre sono inoltre state abbassate in risposta ad un quadro economico in deterioramento.

Secondo le stime preliminari per il terzo trimestre, i giorni di inventario dovrebbero calare del 2% circa a 81,3 giorni come conseguenza dell'avvio delle operazioni di ricalibrazione delle giacenze per riflettere la riduzione della domanda. A differenza del passato i fornitori stanno ora cercando di ridurre l'impiego della capacità produttiva per riuscire ad affrontare il ridimensionamento dei mercati, cercando comunque di mantenere una produzione sufficientemente flessibile per poter far fronte ad un'eventuale comparsa di ordini inattesi.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
lucusta10 Ottobre 2011, 16:42 #1
...e intanto la maggior parte degli store on line hanno aumentato i prezzi dal 5 al 10%;
sara' solo colpa dell'IVA e del ribbasso dell'euro?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^