Mercato DRAM: meno del 50% le consegne destinate ai PC

Mercato DRAM: meno del 50% le consegne destinate ai PC

L'era post-PC è sempre più una realtà: per la prima volta le consegne DRAM destinate ai PC scendono al di sotto del 50% delle consegne complessive

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:05 nel canale Mercato
 

Che il panorama tecnologico stia mutando non è certo una novità, ma nel caso servisse un'ulteriore conferma ecco giungere alcuni dati raccolti da iSuppli: nel corso del secondo trimestre 2012 i personal computer non costituiscono più la maggior parte delle consegne mercato delle memorie DRAM.

Nel secondo trimestre dell'anno, infatti, le consegne per bit di memorie DRAM sono state generate solo per il 49% dai PC, in calo dal 50,2% del primo trimestre. Si tratta di un segnale notevole dal momento che i PC hanno rappresentato il principale "motore" dell'industria DRAM sin dal 1980, senza mai scendere al di sotto del 50% di share, quando i personal computer erano un prodotto nuovo con vendite in crescita vertiginosa. E' a partire dal primo trimestre del 2008 fino al quarto trimestre del 2011 che i PC hanno iniziato a galleggiare attorno al 55% del mercato DRAM, con un trend comunque al ribasso.

Se questo dato può apparire asettico ai più, in realtà si tratta di una chiara dimostrazione di come il mercato PC stia cedendo sempre più il passo agli smartphone e tablet multimediali e di come venga ridimensionato il ruolo del personal computer nella catena di approvvigionamento dell'elettronica.

Clifford Leimbach, memory analyst per IHS, ha commentato: "L'arrivo dell'era post-PC non significa che le persone smetteranno di usare il PC o che il mercato PC arresterà la sua espansione. Il significato è che il personal computer non è più al centro dell'universo tecnologico e stiamo vedendo l'erosione della sua egemonia sulla catena di approvvigionamento. I PC non stanno più generando quel tipo di crescita e di straordinarie dimensioni di mercato che può da solo determinare la domanda, il prezzo ed i trend tecnologici in alcuni dei principali business tecnologici".

Nel corso del periodo compreso tra il secondo trimestre 2012 ed il quarto trimestre 2013 la porzione di consegne DRAM costituite dal PC si contrarranno ancora di 6 punti percentuali arrivando al 42,8%. Di pari passo continuerà l'espansione dei media tablet, che in termini di consegne per bit cresceranno al 2,7% nel secondo trimestre rispetto all'1,6% del primo trimestre e arriverà con gradualità al 6,9% nel corso del quarto trimestre del prossimo anno. Gli smartphone faranno registrare una crescita ancor più rapida, andando a costituire il 19,8% delle consegne DRAM nel quarto trimestre del prossimo anno crescendo di quasi 7 punti percentuali rispetto al 13,2% registrato nel secondo trimestre 2012.

Nel quarto trimestre del 2013 lo share combinato di smartphone e tablet andrà a costituire il 26,7% delle consegne di memorie DRAM, quasi raddoppiando il 14,1% del primo trimestre di quest'anno. L'espansione del market share dei tablet nel mercato delle memorie DRAM è dovuto sia alla crescita delle consegne tablet, sia all'incremento della dotazione di memoria all'interno di questi dispositivi. Il ridimensionamento del ruolo del PC nel mercato DRAM sembra essere irreversibile, anche se il personal computer continuerà a restare il più grande mercato per le memorie DRAM almeno fino alla fine del 2013 e che le consegne per bit complessive destinate ai personal computer continueranno comunque a crescere.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor18 Settembre 2012, 11:29 #1
Oddio, tecnicamente i dispositivi "mobili" come smartphone, tablet ecc. sono sempre più simili ai PC, quindi forse non ha più molto senso fare tutta questa differenza.
Stevejedi18 Settembre 2012, 12:52 #2
Originariamente inviato da: Paganetor
Oddio, tecnicamente i dispositivi "mobili" come smartphone, tablet ecc. sono sempre più simili ai PC, quindi forse non ha più molto senso fare tutta questa differenza.


Giusto. E per l'appunto, vorrei ricordare che nei netbook si tengono rigorosamente stretti coi banchetti ram, come se fosse il costo principale del prodotto...

E poi, ultimamente la "necessità" di memoria RAM è calata drasticamente. Quando prima il doppio di memoria RAM in più rappresentava un salto prestazionale, oggi, oltre i 2/4GB l'utente consumer non sa proprio che farsene. Ed ormai i 4GB li troviamo anche nei notebook di fascia bassa.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^