Mercato notebook: incertezze per la seconda metà dell'anno

Mercato notebook: incertezze per la seconda metà dell'anno

Il successo dei tablet e le fragili economie in USA ed Europa pesano sul mercato dei notebook: per il 2011 prevista una crescita a singola cifra

di Andrea Bai pubblicata il , alle 07:57 nel canale Mercato
 

Secondo fonti interne al mercato dei notebook, l'industria dei sistemi portatili difficlmente sarà in grado di tornare a vedere l'usuale proporzione di 4:6 tra le consegne della prima e della seconda metà del 2011 per via anzitutto della cagionevole salute delle economie di USA ed Europa e, in secondo luogo, per le ripercussioni che il successo delle soluzioni tablet PC sta avendo sulla domanda per i sistemi notebook.

Simon Lin, presidente dell'azienda taiwanese Wistron, produttore contract di sistemi notebook, ha in precedenza evidenziato che le prestazioni del settore per la seconda metà del 2011 sono ancora di difficile interpretazione e che potrebbero facilmente essere inferiori alle stime proprio per via delle deboli economie di USA ed Europa. L'industria dovrà fare affidamento alle vendite nei mercati emergenti che tuttavia potrebbero non essere in grado di sostenere aeguataemente la crescita del settore.

Il mercato dei notebook soffrirà particolarmente la presenza dei tablet PC: nel corso del terzo trimestre, infatti, dovrebbe avvenire il debutto dei nuovi tablet basati su Android, laddove nel settore notebook non vi sarà alcun prodotto realmente nuovo o innovativo in grado di catalizzare l'attenzione del pubblico. Il mercato consumer, pertanto, difficilmente potrà andare incontro ad una crescita, lasciando l'incombenza al mercato enterprise.

Secondo le fonti il mercato PC nel 2011 potrebbe mostrare così una crescita a singola cifra, attorno al 5%, rompendo il trend degli anni passati di crescita a doppia cifra e, ancor più grave, innescando potenzialmente l'uscita di scena di alcuni attori del mercato notebook. I principali vendor di sistemi portatili, tra i quali Acer, HP e Dell, hanno già adottato una strategia conservativa per quanto riguarda gli ordinativi commissionati ai produttori contract.

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ginky328 Giugno 2011, 12:56 #1
basta andare in un centro commerciale x capirlo... 30 tipi di tablet con un sacco di gente che li prova e notebook ormai abbandonati a se stessi...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^