Mercato PC: consegne stabili, ma potenziale di crescita limitato

Mercato PC: consegne stabili, ma potenziale di crescita limitato

Ci sono una serie di fattori di breve termine che spingono le consegne di sistemi PC, ma la ripresa a lungo termine stenta ad arrivare

di Andrea Bai pubblicata il , alle 11:47 nel canale Mercato
 

La società di analisi di mercato IDC prevede che le consegne mondiali di sistemi PC andranno incontro ad una contrazione del 2,7% per l'anno 2014: il quadro sembra essere lievemente migliore rispetto alle precedenti previsioni IDC che tratteggiavano una flessione del 3,7%. Sebbene i risultati del terzo trimestre si siano collocati solamente di pochi punti davanti alle consegne ed in calo di appena lo 0,5% rispetto all'anno precedenti, in molte aree geografiche questo è visto come un guadagno di breve termine e non come segno di una più robusta ripresa nel medio o lungo termine.

Le regioni mature continuano a crescere, mentre una ripresa nelle aree emergenti ha richiesto più tempo (principlmente per via dell'impatto dei tablet arrivato in ritardo così come condizioni economiche meno agevoli). L'Europa Occidentale e il Giappone hanno mostrato un andamento migliore del previsto nel terzo trimestre, grazie ad una ripresa rispetto all'anno precedente e a fattori di breve termine come il ripopolamento dei magazzini in vista del quarto trimestre e le vendite dovute all'aggiornamento da Windows XP. Nonostante la robustezza del breve periodo, le regioni mature dovrebbero però assistere ancora ad una flessione delle consegne nel corso del 2015, con già una leggera contrazione per la fine del periodo oggetto delle previsioni.

Il mercato consumer è leggermente più avanti rispetto alle proiezioni nel terzo trimestre, ma le consegne sono ancora destinate a flettersi del 5% nel 2014. La pressione da parte dei tablet sembra dissolversi di pari passo con la loro penetrazione e con i tablet stessi che si spostano verso dimensioni più contenute e prezzi più bassi. In ogni caso cresce la competizione, sulle possibilità di spesa, da parte degli smartphone e dei tablet. Il mercato ha ricevuto una spinta nel terzo trimestre da alcuni fattori come una crescita dei sistemi a basso costo in molte regioni e una ripresa nel mercato dell'Europa Occidentale, che ha aiutato a recuperare i precedenti volumi di vendita ma a scapito del valore delle consegne.

"L'espansione di modelli entry-level, incoraggiati dai sistemi Windows 8 + Bing, ha aiutato a migliorare i volumi consumer nei trimestri recenti e dovrebbe estendersi oltre il quarto trimestre. I Chromebook stanno allo stesso modo spingendo il segmento più basso del mercato commercial. Comunque sia il mercato sta ancora riprendendo verso volumi stabili senza alcuna crescita significativa in previsione" ha commentato Jay Chou, Senior Research Analyst per IDC.

Nel migliore dei casi per i PC vediamo una significativa ondata di sostituzioni e aggiornamenti da parte di quegli utenti che negli ultimi anni hanno speso su smartphone e tablet e ora decidono che hanno realmente bisogno di aggiornare il proprio PC. Caratteristiche come il touch e la convertibilità, così come il futuro Windows 10, potrebbero rendere i sistemi più versatili e di maggior attrattiva, accanto ai prezzi più bassi. In ogni caso abbiamo visto solidi passi avanti sui prezzi e sui design nello scorso anno e i cicli di sostituzione e aggiornamento stanno stabilizzando le consegne PC senza però spingere i volumi totali. Andando avanti, con le nuove generazioni che diventano più orientate al web e al mobile e con le regioni emergenti che daranno priorità ai dispositivi convergenti, il mercato PC continuerà a fronteggiare una dura concorrenza e sarà più attento agli aggiornamenti e alle sostituzioni, con limitato potenziale per la crescita" ha osservato Loren Loverde, Vice President, Worldwide PC Trackers per IDC.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Korn26 Novembre 2014, 12:48 #1
sarebbe interessante fare un confronto con le varie previsioni di vendita che questi signori calcolano ogni 3 per 2...
Dinofly26 Novembre 2014, 14:27 #2
Più che altro preisioni puntuali alsciano il tempo che trovano, al massimo un intervallo di confidenza con un certo livello di significatività.

Ad esempio se la realtà virtuale sfonda, io prevedo una vistoso aumento delle consegne pc, ma dipenderà da moltissimi fattori, alcuni oggettivamente imprevedibili.
ad esempio: riusciranno a trovare un workaround per nausea e mal di mare? Se si il successo commerciale sarà ovviamente ben diverso, e quindi quello di beni complementari come i pc desktop.
E così per decinaia di altri fattori
Asterion26 Novembre 2014, 22:13 #3
Due domande:
1) dov'è la novità?
2) qual è il problema?
ilario327 Novembre 2014, 18:11 #4
Originariamente inviato da: Asterion
Due domande:
1) dov'è la novità?
2) qual è il problema?


1) Infatti
2) I soliti dati , unica paura che si investa meno nel comparto pc pk si vende meno
3) É fisiologico e lo sarà sempre, un utente medio non aggiorna il pc ogni anno , non lo fa neanche più una grossa fetta di Enthusiast, ma ogni 4/5 anni
4) anche il boom dei tablet seguira la curva del ribasso come tanti altri mercati Hi Tech

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^