Mercato PC, l'Europa occidentale ancora in calo

Mercato PC, l'Europa occidentale ancora in calo

Per il primo trimestre 2013 si registra una contrazione superiore al 20% rispetto al medesimo periodo dello scorso anno. I PC continuano a perdere terreno a favore dei nuovi dispositivi computing

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:46 nel canale Mercato
 

Nel corso del primo trimestre 2013 le consegne di PC sul mercato dell'Europa occidentale sono arrivate a 12,3 milioni di unità, facendo segnare una contrazione del 20,5% rispetto al medesimo periodo del 2012. E' la società di analisi di mercato Gartner a riportare i dati e che, per voce di Meike Escherich, principal research analyst, commenta: "Il primo trimestre del 2013 ha portato la peggiore flessione trimestrale nell'Europa occidentale sin da quando Gartner ha iniziato a seguire le consegne in questa regione. L'ampia disponibilità di PC Windows 8 non ha spinto gli acquisti PC consumer durante il trimestre. Sebbene la nuova interfaccia Metro risulti essere adatta a nuovi form factor, gli utenti si interrogano sulla sua fruibilità sui PC tradizionali, desktop e notebook senza touchscreen".

Nella regione in esame tutti i segmenti del mercato PC hanno mostrato un calo durante il primo trimestre dell'anno. I sistemi desktop e notebook sono crollati del 24,6% e del 13,8% rispettivamente. Sul mercato professionale si è registrata una flessione del 17.2% mentre su quello consumer la contrazione arriva al 23,7%.

HP e Acer hanno entrambe registrato una flessione superiore al 30%. HP è comunque riuscita a restare ai vertici del mercato nonostante i volumi di vendita per i notebook consumer siano pressoché dimezzati durante il trimestre.

Lenovo e Apple sono stati gli unici vendor, tra i primi cinque, a registrare una crescita. La compagnia cinese vede crescere le consegne dia desktop, sia notebook che le hanno permesso di avvicinarsi ad Acer e di arrivare a contendere il secondo posto. Lenovo continua ad espandrsi nel settore consumer rosicchiando quote ad HP e Acer, oltre a mantenere un atteggiamento aggressivo sul mercato professionale tenendo in scacco ancora HP e Dell.

"La battaglia per il portafoglio del consumatore continua tra dispositivi differenti. Il PC è il primo a soccombere dal momento che le abitudini di utilizzo si spostano verso gli smartphone e i tablet. Questa tendenza avrà un impatto profondo sulle dimensioni dell'installato base dei PC" ha aggiunto Escherich.

Per quanto riguarda i tre principali mercati della regione, nel Regno Unito si registrano consegne per 2,5 milioni di unità nel primo trimestre 2013, che rappresentano una flessione del 15,8% rispetto al primo trimestre dello scorso anno. In calo, per la terza volta consecutiva, anche il mercato francese con 2 milioni di unità e un -25%. Il mercato tedesco incassa invece l'undicesima contrazione consecutiva, con un volume di consegne di 2,6 milioni di pezzi e un calo del 20%.

Escherich si aspetta che la contrazione prosegua ulteriormente nel corso del 2013, anche se il rilascio dei nuovi processori Intel Haswell e la domanda nel settore professionale dovrebbero poter meglio sostenere le consegne nella seconda metà dell'anno e in direzione del 2014.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dwfgerw16 Maggio 2013, 16:30 #1
mi viene da sorridere pensando a tutti coloro che appena tre anni fa dicevano che l'iPad sarebbe morto prematuramente.. in realtà sta uccidendo il mercato tradizionale. I PC come i Mac non spariranno da qui a 20 anni ma sicuramente saranno paragonati ad un mezzo per business come un furgone, mentre l'utilitaria sarà il tablet. Cook CEO di Apple definisce il mercato tablet, "la madre di tutti i mercati", mentre il CEO di BlackBerry ha dichiarato recentemente che questo mercato morirà o si ridimensionerà entro 5 anni... vedremo chi la spunterà
Gurzo200716 Maggio 2013, 17:34 #2
si certo infatti anche lenovo è stata uccisa dai tablet
dwfgerw16 Maggio 2013, 17:54 #3
guarda è un dato di fatto che moltissimi utenti stanno acquistando tablet che poi lenovo sia riuscita a fare un buon trimestre non significa nulla, il trend è sotto gli occhi di tutti. Molta gente si tiene il pc fisso e non compra un notebook bensì un tablet.
PacK816 Maggio 2013, 18:31 #4
Originariamente inviato da: dwfgerw
mi viene da sorridere pensando a tutti coloro che appena tre anni fa dicevano che l'iPad sarebbe morto prematuramente.. in realtà sta uccidendo il mercato tradizionale. I PC come i Mac non spariranno da qui a 20 anni ma sicuramente saranno paragonati ad un mezzo per business come un furgone, mentre l'utilitaria sarà il tablet. Cook CEO di Apple definisce il mercato tablet, "la madre di tutti i mercati", mentre il CEO di BlackBerry ha dichiarato recentemente che questo mercato morirà o si ridimensionerà entro 5 anni... vedremo chi la spunterà

Tutto perché nasce da una "incongruenza": i PC non sono mai stati concepiti per un mercato casalingo. Il PC Home fu infatti una forzatura del mercato, oggi si sta solo assistendo ad un rientro di quei parametri. Sopravvive solo lo zoccolo duro del PC gaming la cui quota continua stabilmente a resistere, e questo per quanto riguarda l'aspetto consumer. Per quanto riguarda il mercato aziendale e professionale ad oggi non c'è una vera necessità per un radicale aggiornamento, in considerazione poi dei problemi derivanti dalla crisi. Detta in modo diverso: il mercato è saturo.

Anche i Tablet non sono esenti da queste problematiche: oggi vendono benissimo perché soddisfano abbondantemente le esigenze degli utenti, ma domani?. Al crescere delle capacità tecnologie cresceranno anche le aspettative e di seguito i Tablet, così come oggi sono concepiti, diverranno obsoleti ma diversamente dai PC potenzialmente lo saranno molto più velocemente. Sostituirli (anche se sarebbe corretto considerarla come evoluzione) sarà d'obbligo. Per allora magari ci saranno Tablet-ibridi, Tablet-Combo, Tablet-Lego Tablebook o chissà cos'altro (ed è questo a cui si riferivano i CEO di BlackBerry e AMD).

I PC essendo troppo importanti per determinati utilizzi ci saranno sempre ma saranno enormemente più potenti e specializzati, ma sempre più difficilmente indirizzabili per un'utenza consumer.
maxyteo17 Maggio 2013, 02:05 #5
Io sono pronto a scommetterci che i tablet si estingueranno non tra tantissimo tampo , rispetto al PC sarà praticamente una fiammata , io vedo i vari tab come una tipologia di dispositivi "temporanea" e di transizione per questo periodo , ma di non lunga durata , con gli schermi flessibili e pieghevoli e i dispositivi tipo smartwatch e G.Glass , sinceramente non riesco a vedere come l'attuale tipologia di tablet possa sopravvivere più di pochi anni
maxmax8017 Maggio 2013, 10:46 #6
Originariamente inviato da: dwfgerw
mi viene da sorridere pensando a tutti coloro che appena tre anni fa dicevano che l'iPad sarebbe morto prematuramente..


ma quando mai la gente andava in giro a dire certe cose..al massimo sono stati i famosi "analisti" che infestano la rete..

Originariamente inviato da: PacK8
il mercato è saturo.

Anche i Tablet non sono esenti da queste problematiche: oggi vendono benissimo perché soddisfano abbondantemente le esigenze degli utenti, ma domani?. Al crescere delle capacità tecnologie cresceranno anche le aspettative e di seguito i Tablet, così come oggi sono concepiti, diverranno obsoleti ma diversamente dai PC potenzialmente lo saranno molto più velocemente. Sostituirli (anche se sarebbe corretto considerarla come evoluzione) sarà d'obbligo. Per allora magari ci saranno Tablet-ibridi, Tablet-Combo, Tablet-Lego Tablebook o chissà cos'altro (ed è questo a cui si riferivano i CEO di BlackBerry e AMD).

I PC essendo troppo importanti per determinati utilizzi ci saranno sempre ma saranno enormemente più potenti e specializzati, ma sempre più difficilmente indirizzabili per un'utenza consumer.


parole sante

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^