Mercato PC: prevista una crescita più lenta per la seconda metà del 2010

Mercato PC: prevista una crescita più lenta per la seconda metà del 2010

Nel corso della seconda metà dell'anno il mercato PC tornerà ad un ritmo di crescita più naturale: gli impressionanti risultati della prima metà sono una conseguenza fisiologica seguita alla recessione

di Andrea Bai pubblicata il , alle 16:21 nel canale Mercato
 

Nonostante l'impressionante crescita anno su anno del 20,9% registrata nel corso del secondo trimestre del 2010, il mercato globale PC sta iniziando ad abbracciare una visione di maggior cautela rispetto all'atteggiamento dell'inizio dell'anno.

Nel mercato statunitense la ripresa del consumo, cruciale per la ripresa del mercato PC, ha inizato a rallentare riflettendo il tetro scenario dello stato dell'occupazione. Per la seconda metà dell'anno è attesa una crescita più lenta, come parte naturale del ciclo di ripresa, ma con attività commerciali che, a livello mondiale, rimangono incoraggianti e con un numero di progetti in molte regioni del mondo che aiutano a sollevare i volumi di vendita dei sistemi PC desktop oltre le aspettative. Secondo le rilevazioni condotte da IDC, le previsioni per le consegne 2010 dei sistemi PC sono state leggermente ridimensionate al 19,8% iniziale al 17%.

L'avvio del periodo di recessione alla fine del 2008 continua ad avere influenze su quella che è la stagionalità del mercato. Nei sei anni precedenti alla recessione le consegne globali di sistemi PC sono cresciute in media del 14% mentre dal quarto trimestre 2008 fino alla prima metà del 2009 i volumi hanno subito una netta flessione anno su anno. Questa situazione ha di fatto decretato lo scenario della forte ripresa registrata nel quarto trimestre del 2009, con una crescita superiore al 17%, e per la prima metà del 2010, con quasi un 25% di incremento dal punto più basso raggiunto durante il periodo di recessione.

IDC si attende che il mercato non sia in grado di mantenere questo passo e che una proiezione di crescita dell'11,8% per il resto dell'anno rappresenti una previsione congrua alla ripresa lenta ma stabile che si sta verificando. Per meglio comprendere il trend del mercato è opportuno osservare il CAGR (Compound Annual Growth Rate - tasso di crescita annuale composto) degli ultimi 2 anni. Dal 2008 al 2010 il CAGR è stato del 10,4%, molto vicino alla crescita del 10,7% registrata nella seconda metà del 2009 e all'11,8% prevista per la seconda metà del 2011 e leggermente inferiore della previsione di crescita compresa tra l'11% ed il 13% per i prossimi 4 anni. E' opportuno pertanto evitare che i dati della crescita anno su anno della prima metà del 2009 e del 2010, rispettivamente a -3,2% e a +23,5% , facciano sovrastimare quello che è il trend generale della ripresa.

Loren Loverde, vicepresidente di IDC Worldwide Trackers ha dichiarato: "Nonostante la riduzione delle proiezioni di crescita per l'anno, la previsione per il mercato PC nella seconda metà del 2010, così come per un più lungo termine, rimane solidamente quella di una crescita a doppia cifra. Una forte domanda, prezzi aggressivi e un attivo sviluppo dei prodotti continueranno ad alimentare la crescita per i gli anni a venire".

IDC ha abbassato le stime per sia per il comparto dei PC portatili, sia per quello dei PC consumer. I sistemi netbook continueranno a rappresentare una parte consistente del panorama PC, seppur con una crescita più lenta a causa di molti fattori: la lenta ma crescente saturazione del mercato, la concorrenza dei notebook mainstream e, in misura minore, l'avvento dei nuovi sistemi di tipo tablet. I volumi dei PC desktop sono stati rivisti al rialzo, grazie ad un piccolo aiuto da parte delle soluzioni all-in-one, ma principalmente per via delle attività di aggiornamento del parco hardware da parte di alcune realtà aziendali. I PC portatili dovrebbero giocare la parte del leone, in termini di share sulle consegne complessive, con più del 70% di market share entro il 2014, con la contropartita di una leggera flessione degli ASP (Average Selling Price - prezzi medi di vendita) che porteranno la crescita dei fatturati annuali nel range del 3%-5% negli anni successivi al 2010.

Le regioni emergenti (ovvero Asia-Pacific -Giappone escluso-, l'America Latina, l'Europa Ecentrarle, il Medio Oriente e l'Africa) hanno sorpassato i mercati maturi per ciò che concerne le consegne PC nel secondo trimestre dell'anno. La bassa penetrazione e la florida domanda nei mercati emergenti rappresenta un fattore di crescita chiave guardando al futuro, e permetterà a queste regioni di andare a rappresentare quasi il 56% delle consegne totali PC nel 2014.

Jay Chou, analista per IDC, ha commentato: "Con la riduzione dei programmi di incentivi statali su molti mercati e la forte seconda metà del 2009 sullo sfondo, il resto del 2010 presenterà uno scenario maggiormente competitivo. Una più lenta crescita nella stagione delle festività natalizie può portare a ulteriori campagne di sconto per movimentare gli inventari e incentivare una propensione all'acquisto da parte del pubblico. Il mercato PC business, spinto dalla necessità di aggiornare le vecchie infrastrutture, dovrebbe offrire una tregua al rallentamento della crescita consumer, ma i PC vendor continueranno a doversi muovere in un ambiente molto competitivo e dinamico".

"Dopo diversi anni a portare il carico in termini di crescita di consegne per il settore PC, il mercato consumer statunitnse sta iniziando ad arrancare. Per la prossima stagione delle festività è prevista una bassa propensione di spesa da parte dei consumatori, anche per via dell'assenza di reali novità capaci di attirare l'attenzione. Fortunatamente le grandi aziende dovrebbero reinvestire nelle proprie infrastrutture per i prossimi trimestri, aiutando a sostenere la crescita a doppia cifra delle consegne nel mercato PC statunitense per l'anno in corso" ha dichiarato Richard Shim, responsabile ricerce per IDC Personal Computing Program.

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^