Mercato semiconduttori: aumentano le scorte

Mercato semiconduttori: aumentano le scorte

I produttori di semiconduttori stanno assistendo ad un incremento delle scorte dovuto ad un lieve indebolimento della domanda. Caso isolato o avvisaglia di una nuova fase di rallentamento?

di Andrea Bai pubblicata il , alle 17:17 nel canale Mercato
 

I livelli di giacenza dei semiconduttori sembrano aver valicato il confine del territorio di esubero, a seguito di un relativo ammorbidimento della domanda verificatosi nel corso del terzo trimestre. Si tratta di un punto di rottura rispetto a quanto visto per larga parte del 2010, con inventari abbastanza snelli se non addirittura in taluni casi in condizione di carenza nelle scorte.

iSuppli stima che nel corso del terzo trimestre i livelli di giacenza tra i fornitori di chip siano saliti a 75,9 giorni, rispetto ai 74,4 giorni del secondo trimestre. Si tratta inoltre di livelli superiori del 5% a quella che viene stimata essere la media ponderata del periodo. Il valore delle giacenze di semiconduttori è arrivato sino a 34,4 miliardi nel corso del terzo trimestre: si tratta di una crescita del 10,6% rispetto al secondo trimestre e si tratta del valore più elevato che segue il precedente picco di 35,8 miliardi del secondo trimestre 2008.

Se l'incremento delle scorte è comunque in linea con le proiezioni di fatturato per il prossimo trimestre e può comunque non destare particolari preoccupazioni, è la flessione della domanda in acluni settori del mercato che sta sollevando qualche grattacapo circa quelli che potrebbero essere i potenziali problemi del mercato. Non è ancora possibile stabilire se si tratta di un evento isolato o di un'avvisaglia di un rallentamento più ampio, ma pare scontato il fatto che l'industria dovrà occuparsi di gestire gli inventari in maniera appropriata per poter catturare, finché sussistono, le attuali opportunità di fatturato.

Le paure di un indebolimento nella domanda globale, soprattutto nelle condizioni di una persistente incertezza economica, mette l'industria nella condizione di dover controllare con estrema attenzione il volume della produzione e di reagire di conseguenza qualora si manifestassero segnali evidenti di una flessione della domanda.

Ricordiamo che nel corso della passata settimana iSuppli ha ritoccato leggermente al ribasso le previsioni di crescita del mercato semiconduttori, stimando per il 2010 una crescita del 32% anno su anno, rispetto alle precedenti stime del 35,1%.

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor12 Ottobre 2010, 17:24 #1
crescita del 32% anno/anno anzichè 35%!?

non ho capito, dov'è il punto in cui c'è da lamentarsi?
Dcromato12 Ottobre 2010, 17:25 #2
Diminuiscono i prezzi?
Unrealizer12 Ottobre 2010, 18:49 #3
Originariamente inviato da: Dcromato
Diminuiscono i prezzi?


no aumentano i ricavi


cmq di che semiconduttori si parla? memorie&cpu o anche transistor et similia?
EDIT: o anche le sole materie prime
Dcromato13 Ottobre 2010, 05:37 #4
Originariamente inviato da: Unrealizer
no aumentano i ricavi


cmq di che semiconduttori si parla? memorie&cpu o anche transistor et similia?
EDIT: o anche le sole materie prime

aumenta il silicio nel mondo?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^