Mercato semiconduttori: TSMC al primo posto, ma la crescita maggiore è di Samsung

Mercato semiconduttori: TSMC al primo posto, ma la crescita maggiore è di Samsung

Nel corso del 2012 TSMC è il principale vendor di semiconduttori al mondo, con un risultato quattro volte superiore al diretto inseguitore. Ma a vincere il "premio canguro" è la coreana Samsung, che per il secondo anno consecutivo mostra la maggior crescita

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:19 nel canale Mercato
Samsung
 

La fonderia taiwanese TSMC continua a conservare anche nel 2012 il primo posto nella classifica dei produttori di semiconduttori, con vendite quattro volte superiori rispetto al più diretto concorrente. Globalfoundries ha anch'essa registrato un buon incremento di fatturato nel 2012, ma è la coreana Samsung Semicondutctor a mostrare la miglior crescita su base annuale. E' la società di analisi IC Insight a presentare una fotografia del settore.

Nel corso del 2012 Samsung ha quasi raddoppiato le proprie vendite di semiconduttori, sorpassando la taiwanese UMC e classificandosi così al terzo posto nella classifica. La capacità produttiva mensile di Samsung Semiconductor dovrebbe collocarsi attorno ai 150 mila wafer da 300mm, raggiunta durante il quarto trimestre 2012. Stimando un fatturato medio per wafer di 3000 dollari, Samsung ha il potenziale di realizzare vendite annuali per 5,4 miliardi di dollari. Secondo gli analisti, Samsung ha tutte le carte in regola per contendersi il secondo posto della classifica 2013 con Globalfoundries.

La rapida scalata di Samsung non è però inattesa: nel corso del 2012 l'azienda coreana ha venduto 220 milioni di smartphone, seguita da Apple con 133 milioni: si tratta quindi di 353 milioni di terminali equipaggiati con processori prodotti da Samsung che rappresentano la metà del volume totale di smartphone consegnati nel 2012.

Già nel corso del 2011 Samsung aveva registrato una crescita dell'82% su base annuale, che quest'anno arriva addirittura al 98% e la trasforma nella fonderia a più rapida crescita per due anni consecutivi. E' comunque interessante osservare che nel 2012 l'89% delle vendite di Samsung è stato rivolto ad Apple: dal momento che la Mela sta iniziando a rivolgersi ad altre fonderie (TSMC e Globalfoundries sembrano essere le prime scelte, ma potrebbe esserci anche Intel tra i candidati) per la produzione dei propri SoC, Samsung dovrà adoperarsi per recuperare in futuro questo volume di vendite cercando accordi con altri clienti su larga scala.

Anche Globalfoundries registra un buon incremento di vendite nel 2012, con una crescita del 31%, grazie a numerosi accordi con progettisti fabless che realizzano le proprie soluzioni basandosi sull'architettura ARM. Il principale cliente di Globalfoundries, AMD, ha ridotto gli ordini alla compagnia, dovendo comunque corrispondere delle penali per risoluzione anticipata dei contratti che hanno compensato le consegne di wafer inferiori al previsto.

Nel complesso le prime 12 fonderie di semiconduttori costituiscono il 90% delle cosiddette "foundry sales" nel 2012. Si tratta di uno share maggiore di nove punti rispetto all'81% registrato nel 2009, prima che Samsung avviasse la produzione per Apple. Con le barriere di ingresso che divengono sempre più alte e rischiose (costi di fabbrica, setup e accesso a tecnologie d'avanguardia) questa tendenza non si invertirà, e lo share dei top-12 continuerà a crescere negli anni a venire.

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Lithios18 Gennaio 2013, 11:40 #1
Cavolo quanto sale Samsung! Pensavo molto meglio GF sinceramente con tutto quel chiacchierare che se ne fa. Di questo passo rischia di essere superata a breve al secondo posto.

Le fonderie di Intel quali sono?
Lollo623 Gennaio 2013, 08:27 #2
Mi chiedevo la stessa cosa. Forse che intel non sia considerata fonderia perché non produce per clienti ma per se stessa?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^